Skin ADV
Text Size

Fatti salvi accadimenti legati alle predizioni dei Maya, il 2012 sarà ricordato come uno degli anni più prolifici per Cooler Master. In occasione del suo ventesimo anniversario il produttore taiwanese non ha mai fatto sentire la sua mancanza con una raffica di annunci relativi a riproposizioni in chiave moderna di prodotti che hanno fatto la storia del marchio e a soluzioni completamente nuove destinate a soddisfare necessità più specifiche.

Nella giornata di oggi l'azienda toglie i veli da un nuovo case che, anche nel nome, evoca ricordi non tanto remoti che però non mancano di sollevare un po' di nostalgia. Cooler Master Silencio 650, questo il suo nome, parte dalle basi del vecchio modello della stessa linea per introdurre alcune novità estetiche e funzionali tali da renderlo appetibile per l'utente del 2012.

Lo spirito resta però immutato: uno chassis che possa essere utile nella creazione di sistemi di taglia media silenziosi ma non per questo poco performanti. Ampio spazio è stato concesso alla connettività ed alla gestione flessibile delle periferiche di storage ed una forte attenzione è stata riposta anche nei materiali utilizzati che - con un sapiente mix di alluminio, plastica e acciaio - creano una certa distanza da quei prodotti che sanno di giocattolo e di poca robustezza.

Con il Silencio 650 Cooler Master è stata attenta a mantenere una temperatura costante per tutti i componenti del sistema e garantire il supporto per un sistema di raffreddamento modulare che, tramite un pannello di controllo, supporta fino a 6 ventole contemporaneamente (da 700 a 1200 RPM). In aggiunta il produttore mette a disposizione dell'utente nuove caratteristiche che possono risultare utili e comode in molti casi.


Caratteristiche tecniche del case

Nella tabella seguente abbiamo raccolto le specifiche tecniche del case Cooler Master Silencio 650:

Caratteristiche tecniche dei case
Cooler Master Cosmos II Corsair Carbide 500R Fractal Design Define R3 Silverstone Raven II Cooler Master Silencio 650
Standard ATX, E-ATX, XL-ATX ATX, mATX ATX, mATX ATX, mATX, E-ATX ATX, mATX
Dimensioni mm (AxLxP) 704x344x604 520x206x508 440x207x521 503x212x643 207x479x525,6
Materiale Alluminio, acciaio ed ABS Acciaio ed ABS Acciaio ed ABS Acciaio ed ABS Alluminio, acciaio ed ABS
Colori - Midnight Black - Nero/Nero
- Bianco/Nero
- Arctic White
- Black Pearl
- Silver Arrow
- Titanium Gray
Nero Nero
Slot - 3x 5.25"
- 13x 3.5"
- 11x 2.5" (Convertibili dagli slot 3.5")
- 2x 3.5"esterni con chiave e cassetto
- 4x 5.25"
- 6x 3.5" interni
- 2x 5.25"
- 8x 3.5" interni
- 5x 5.25"
- 3x 3.5" interni
- 1x 2.5" SSD
- 3x 5.25"
- 7x 3.5" interni
- 2x 2.5" interni
- 1x 3.5/2.5" esterno
Slot di espansione 10+1 8 7 7 7+1
Slot per ventole - 1x 200mm frontale, con led
- 1x 140mm posteriore
- 1x 140mm superiore
- 2x 120mm laterali opzionali
- 1x 120mm opzionale HDD
- 1x 120mm inferiore
- 2x 120mm frontale
- 1x 120mm posteriore
- 1x 200mm posteriore
- 6x vani ventole 120 / 140 mm posteriore
- 4x vani ventole 120mm posteriore
- 1x 120mm frontale
- 1x 120mm posteriore
- 4x 120 / 140mm opzionali
- 1x 120mm opzionale
- 1x 120mm (950 RPM, 18 dBA)
- 3x 180mm (700~1000 RPM, 18/27 dBA)
- 2x 120mm frontali (1200 RPM, 17 dBA)
- 1x 140mm frontale (al posto di due da 120mm)
- 1x 120 / 140mm superiore
- 1x 120mm posteriore (1200 RPM, 17 dBA)
- 1x 120mm inferiore
- 1x 120mm cestello HDD
Alimentatore Assente Assente Assente Assente Assente
Pannello laterale Alluminio ed ABS Acciaio  Acciaio Acciaio e Plexiglass Acciaio
Peso 22kg N/D 12,5 kg 12,5 kg 13 kg
Sicurezza  N/A N/A Fori per il blocco dei pannelli laterali tramite lucchetti N/A N/A
Connessioni - 2x USB 3.0
- 4x USB 2.0
- 1x eSATA
- 1x Speaker Out
- 1x Line In
- 1x FW
- 2x USB 3.0
- 1x Speaker Out
- 1x Line In
- 1x FW
- 2x USB 2.0
- 1x eSATA
- 1x Speaker Out
- 1x Line In
- 2x USB2.0
- 1x Mic
- 1x Speaker out
- 2x USB 3.0
- 2x USB 2.0
- 1x lettore SD
- 1x Speaker Out
- 1x Line In
Altro Supporto dissipatori con altezza massima 190mm

Supporto schede video lunghezza massima 385mm

Controller ventole a quattro canali

X-Dock Bay
Piastra per scheda madre a sbalzo

Potenziometro per il controllo delle ventole di raffreddamento

Cestello dischi modulare o smontabile
Tre controller per la velocità di rotazione delle ventole

Fractal ModuVent Design (controllo del flusso d'aria a seconda delle condizioni di lavoro)

Rivestimento interno in materiale fonoassorbente
Tre ventole d'aspirazione con controllo separato della velocità

Scheda madre ruotata di 90° rispetto a tutti gli altri case per PC
Switch a 2 posizioni per regolazione velocità ventole

Switch per scambiare HDD di boot

X-Dock Bay

Oltre alle caratteristiche indicate in tabella vogliamo aggiungere che questo case è compatibile con dissipatori per CPU dall'altezza massima di 168mm e schede grafiche lunghe 268mm oppure, rimuovendo uno dei cestelli per hard disk, lunghe fino a 434mm.

Insieme con questo case il produttore fornisce una serie di accessori che includono slitte per il montaggio delle periferiche ottiche e disco, fascette per raccogliere i cavi e la necessaria minuteria.


Estetica

Linee molto decise e squadrate per questo case completamente nero che sembra essere stato progettato seguendo il rigore imposto dalla Germania della cancelliera Merkel. Aderente perciò con il "periodo di vacche magre", Cooler Master ottimizza l'insieme di materiali ma senza mai scadere nel banale di un case realizzato in serie in chissà quale fabbrica e sul quale viene poi semplicemente applicato un frontale in plastica con una anonima sagomatura.

Anzi, se vogliamo è proprio nel pannello frontale che troviamo il tema che caratterizza l'estetica del Silencio 650: un frame esterno in plastica racchiude una portiera sulla quale sono state scavate, nell'alluminio stesso, due sottili linee color argento che la percorrono da cima a fondo e che contrastano con il nero opaco della satinatura.

La sezione posteriore mostra invece una certa complessità necessaria a soddisfare vari bisogni, non solo in quanto a supporto per schede madri di grosso calibro attraverso i sette slot di espansione, ma anche relativi a sistemi di dissipazione a liquido e ventilazione interna del case.

Il pannello frontale si apre applicando una semplice trazione in quanto il blocco avviene mediante una paio di piccole calamite posizionate all'angolo superiore ed a quello inferiore.

Il pannello è rivestito internamente con del materiale fonoassorbente che, assieme alla pesante portiera contribuisce a ridurre rumorosità e vibrazioni.

Nella parte inferiore del pannello frontale Cooler Master ha integrato due ventole da 120x120mm / 17dBA che soffiano aria direttamente sui cestelli dei dischi e sono posizionate dietro una mascherina atta non solo a coprirle ma anche a svolgere funzioni di filtro. Le due ventole possono essere eventualmente sostituite con una singola da 140x140mm.

Molto interessante la possibilità di rimuovere completamente il pannello anteriore: questo è utile sia in fase di installazione delle periferiche o di gestione della pulizia dei filtri ma anche per tutti coloro che non amano molto i portelli apribili nei case a costo di rinunciare ad una certa dose di riduzione della rumorosità.

Nella parte superiore del pannello, oltre alle due baie per periferiche ottiche da 5,25 pollici, il produttore ne ha integrato una (X-Dock) dove inserire al volo un disco rigido da 3,5 pollici o 2,5 pollici (facendo uso di un adattatore). Un cassettino di questo genere risulta assolutamente comodo sia nelle eventuali operazioni di backup e ripristino, sia se volete dotare il vostro sistema di un nuovo disco dati in maniera rapida e senza dover smontare nulla.

La noiosa visione delle due pareti laterali destra e sinistra avvertono che forse questo case è meglio averlo sempre di fronte! D'altro canto trattandosi di un case che vuole fare del silenzio la sua arma vincente non ci aspettiamo né pareti forate né con finestre trasparenti o altre fronzoli di dubbia utilità.

Come già osservato in precedenza, la parete posteriore ospita una griglia per lo sfogo dell'aria dietro la quale si nasconde una ventola in estrazione da 120mm / 17dBA e due fori per permettere il passaggio di eventuali tubi di un sistema di liquid cooling il cui radiatore potrebbe essere così montato esternamente. Le guaine protettive in gomma utilizzate da Cooler Master per questi due fori risultano essere di ottima qualità. Robuste quanto basta!

Nella parte superiore dello chassis è stato fissato un frame plastico ben raccordato con il resto della struttura e che prevede due vani con coperchio a slitta.

Sotto il vano posteriore è presente una baia per ventole da 120mm o 140mm: in realtà questa ventola non è fornita in dotazione ma l'apertura di questo pannello potrebbe, già da sola, determinare un abbassamento delle temperature grazie alla possibilità di sfruttare la naturale convenzione. Lasciandolo invece chiuso la silenziosità dovrebbe beneficiarne.

La slitta posizionata verso la zona frontale nasconde invece un certo numero di connettori e comandi. Fra i connettori ne troviamo due USB 3.0, due USB 2.0 e due di tipo jack da 3,5mm per cuffie e microfono. E' altresì presente un lettore di schede di memoria. Passando invece ai comandi, partendo da sinistra troviamo il tasto di reset, uno switch per impostare la velocità delle ventole al minimo o al massimo, il tasto di accensione ed un secondo switch per gestire due dischi di boot (e passare dall'uno all'altro senza dover smontare il case) che possono essere installati nel cestello interno inferiore.


Gli interni

Grazie alle linee molto squadrate e ad una buona ingegnerizzazione interna frutto dell'esperienza di questo produttore nella progettazione di case, il Silencio 650 garantisce spazio a sufficienza per tutti coloro che devono realizzare un sistema di fascia media o alta. Sia chiaro, non c'è alcuna "special feature" ma solo una disposizione razionale delle parti con possibilità di configurarle.

Il cestello inferiore offre spazio per 3 dischi da 3,5 o 2,5 pollici. I primi due vani sono quelli che fanno riferimento allo switch per scambiare la periferica di boot (HHD 1 in alto e HDD 2 in basso), posizionato, come visto in precedenza, nel pannello comandi frontale. I dischi in questo caso si installano sui connettori in fondo facendo semplicemente pressione.

Il circuito con i connettori per questi due dischi va a sua volta collegato all'alimentazione mediante una presa a 4 poli ed alla scheda madre mediante due cavi dati Serial ATA.

Le slitte per hard disk, nonostante siano fatte in plastica e non offrano particolari feature di cui discutere, sono comunque robuste e pensate per ospitare sia dischi da 3,5 pollici che da 2,5 pollici.

Le periferiche da 5,25 pollici possono essere fissate attraverso un sistema di blocco tooless molto facile da usare. Il nuovo case di Cooler Master prevede spazio per due unità ottiche a meno che non venga smontato l'X-Dock.

L'X-Dock, che come detto permette di ospitare un hard disk od un SSD da 3,5 o 2,5 pollici, va collegato mediante i due connettori presenti giusto sul retro dell'adattatore con un cavo dati Serial ATA ed un cavo Molex a 4-pin.

Oltre alle due ventole anteriori, Cooler Master fornisce una terza ventola già installata sul retro ed un vano nella zona superiore che può essere chiuso o lasciato aperto (se deciderete di montare una ventola in tale spazio il portello dovrà essere necessariamente lasciato aperto).

 

Il vano alimentatore è stato posizionato in basso (con questo tipo di case la sua posizione poteva essere spostata in alto in modo da poter sfruttare la sua ventola per far circolare l'aria nel case e tenere la rumorosità maggiormente a bada). Nei punti di appoggio Cooler Master ha inserito supporti in gomma che attutiscono eventuali vibrazioni mentre l'asola inferiore necessaria a che l'alimentatore peschi aria fresca è stata protetta da un filtro antipolvere removibile e lavabile.

Asole per il passaggio dei cavi, finestre per poter smontare al volo i dissipatori per CPU senza dover staccare la scheda madre e punti di fissaggio dei cavi sono feature che ormai per Cooler Master fanno parte dell'ordinario.

Uno dei punti di forza del Silencio 650: pannelli fonoassorbenti posizionati sulle robuste e pesanti pareti laterali come sulla portiera frontale. Quel che manca, purtroppo, è una gestione dell'insonorizzazione più spinta che preveda tali pannelli anche nelle zone meno estese attraverso le quali la rumorosità comunque circola.

 


Configurazione e metodologia di prova

I case che arrivano nella nostra redazione sono testati utilizzando la seguente configurazione: 

  • Scheda madre: MSI P55-GD80
  • Processore: Intel Core i5 750
  • Dissipatore CPU: Prolimatech Armageddon
  • Memoria: 2GB DDR3 1600 OCZ
  • Disco rigido: Western Digital 160GB SATA 2,5 pollici
  • Scheda video: NVIDIA GeForce 9800GX2
  • Scheda audio: Integrata
  • Media: Masterizzatore DVD SATA 2
  • Alimentatore: Coolermaster Silent Pro Gold 600W
  • Sistema operativo: Windows 7 64-bit 

InstallazioneIl sistema viene anzitutto installato all'interno del case e, durante le operazioni di assemblaggio, vengono rilevate eventuali problematiche. 

Rumorosità. Per il case viene misurata la rumorosità delle ventole in condizioni di massima e minima velocità nel caso in cui sia disponibile un sistema di regolazione. In caso contrario viene rilevata la rumorosità con tutte le ventole o con le sole ventole posteriori accese. Per valutare il grado di isolamento di cui ogni il è capace, misuriamo la rumorosità prodotta all'esterno dalle ventole interne del sistema (dissipatore CPU, dissipatore VGA e ventola alimentatore) lasciando le ventole del case spente.

Tutti i test sono effettuati all'interno di un ambiente silenzioso con rumorosità di fondo compresa fra 30 e 30,2 dBA ponendo un fonometro (modello Lafayette MSL.80 con tolleranza pari al 2% nell'ambito delle nostre misure) frontalmente e lateralmente al case ad una distanza di 50cm (±1cm).

Temperature. L'efficienza in termini di capacità di dissipazione del case e del sistema delle ventole viene misurata guardando alle temperature raggiunte dai componenti interni (CPU, VGA e PCB della VGA) a seguito di tre iterazioni del 3DMark06 in loop e considerando gli stessi casi visti in precedenza per la rilevazione della rumorosità.


Installazione del sistema

Lo spazio interno del case Cooler Master Silencio 650 è sufficiente per l'installazione di qualunque sistema ATX: l'utilizzo di pannelli fonoassorbenti non crea alcun problema in tal senso ove in altri casi avevamo incontrato, invece, restringimenti importanti che un po' mettevano a rischio alcune funzionalità come quelle del passaggio dei cavi.

Questo ha permesso di installare senza alcun problema e con una estrema pulizia il nostro sistema di prova.

Le asole passacavo rivestite da tappi in gomma molto resistenti che non escono dalla loro sede se non volutamente sono ben posizionate e permettono il passaggio di molti cavi anche di grosse dimensioni.

 

Un'asola è stata ricavata anche nella parte alta per far passare il cavo ATX +12V a 4- o 8-pin, il cui connettore è sovente posizionato sul bordo superiore della scheda madre. Tale asola ha dimensioni sufficienti al passaggio del connettore e di più cavi.

Tutti i cavi sono stati fatti circolare nella parte posteriore del pannello di supporto della scheda madre dove Cooler Master ha ricavato un doppio fondo di circa un centimetro. Qui sono disponibili anche diversi ganci ai quali è possibile fissare gruppi di cavi con le fascette fornite in dotazione.

Terminata l'installazione e acceso il sistema due barre orizzontali di colore blu indicheranno lo stato del sistema e l'attività del disco. Tali indicatori finiscono all'interno del portello superiore e dunque possono essere nascosti qualora diano fastidio (soprattutto di notte con le luci della stanza spente).


Temperature, rumorosità, grado di isolamento

Seguono le rilevazioni relative alla rumorosità.

Come c'era da aspettarsi il Silencio 650 offre non solo una buona insonorizzazione, evitando che la rumorosità delle ventole interne venga percepita all'esterno, ma è anche dotato di ventole molto silenziose. I valori rilevati lo pongono sugli stessi livelli del precedente modello Silencio 550 e meglio fanno, nella condizione in cui solo le ventole di sistema restano accese, solo pochi altri modelli anch'essi dotati di sistema di riduzione della rumorosità (ad esempio Fractal Design R3 o NZXT H2). Ma tale condizione resta comunque quella meno probabile da usare a causa delle elevate temperature che si generano all'interno se non si attivano le ventole del case.

"Ascoltando" il case frontalmente, i valori di rumorosità si riducono notevolmente grazie al portello con pannelli fonoassorbenti. Questa volta il Silencio 650 risulta quello in assoluto più silenzioso con o senza ventole attive e, come nel caso precedente, non rileviamo quasi differenze fra il funzionamento con ventole al minimo e quello con ventole al massimo (in effetti la differenza in quanto a velocità fra i due stati è molto contenuta).

Per cercare di dare una valutazione del sistema di insonorizzazione utilizzato da Cooler Master abbiamo effettuato alcune prove con e senza pannello laterale sinistro installato. Le nostre misurazioni mostrano un abbattimento di oltre 2dBA in media in tutte le situazioni di prova.

Osserviamo ora cosa accade alle temperature dei componenti interni.

Questi primi dati sono stati raccolti in una situazione con ventole del case completamente spente. Abbiamo provato sia lasciando la finestra superiore chiusa (Coolermaster Silencio 650 (C)) che aperta (Coolermaster Silencio 650 (A)), rilevando temperature decisamente elevate, specie nel primo caso. Siamo comunque sui livelli di altri case come il modello H2 Classic di NZXT o Survivor di BitFenix ma soprattutto notiamo un sensibile miglioramento rispetto al Silencio 550.

Accendendo le ventole del case al minimo dei giri, le temperature si riducono notevolmente posizionandosi sugli stessi valori del modello H2 Classic di NZXT e denotando un certo miglioramento rispetto al predecessore.

Imponendo la massima velocità alle ventole del case, le temperature si riducono ulteriormente anche se di poco. Notiamo ancora una volta valori inferiori rispetto al Silencio 650 ma stavolta più elevati rispetto a diretti concorrenti come il Fractal Design Arc o l'H2 Classic.


Conclusioni

Forse uno degli argomenti più discussi degli ultimi tempi grazie anche alle concrete possibilità offerte dallo stato dell'arte della tecnologia attuale, quello della silenziosità tocca nel profondo il nuovo case partorito da Cooler Master. Il Silencio 650 punta tutto su questo e su alcune caratteristiche innovative che potrebbero fare la differenza proprio per quegli utenti che più delle prestazioni estreme sono alla ricerca di un prodotto capace di "abbassare i toni" del proprio hardware.

Esteticamente il case si presenta in modo piuttosto squadrato con linee semplici e decise ricavate da un mix di materiali che ben si sposano l'un l'altro: alluminio, ABS e acciaio trovano tutti il giusto peso in questo progetto rendendolo molto robusto da una parte e gradevole all'occhio dall'altra. Le finiture completamente nere sono spezzate solo da due linee argentee ricavate nell'alluminio del pannello frontale e volenti o nolenti è questa la facciata che del Silencio 650 dovrebbe essere esposta non solo per ragioni estetiche: l'isolamento garantito dal pannello presente sul portello è tale per cui, rispetto ad una esposizione laterale, la rumorosità viene abbattuta di circa un dBA. Il nuovo chassis di Cooler Master accontenta anche chi ama i case senza gli sportelli anteriori, grazie alla possibilità di rimuoverlo con notevole semplicità e a patto di sorbirsi una maggiore rumorosità.

Lo spazio interno è stato ben congeniato e, nonostante le dimensioni da case middle tower standard, l'installazione di sistemi anche di fascia alta non comporta difficoltà particolari. Chi avesse bisogno di una configurazione con molti dischi ha a disposizione due cestelli mentre chi vuole installare una scheda grafica molto lunghezza elevata (oltre i 268mm) può smontare uno dei due cestelli ed avere comunque a disposizione tre baie per altrettanti hard disk. In aggiunta è disponibile una baia hot-swap per installare al volo un disco rigido dal frontale, senza dover aprire il case. Lo spazio in altezza disponibile per dissipatori a torre da posizionare sulla CPU raggiunge i 168mm, sufficienti ad integrare modelli come il Prolimatech Armageddon e simili.

Le prestazioni raggiunte in termini di silenziosità sono davvero eccellenti, specie considerando il sistema con ventole accese. Qui vogliamo fare una piccola precisazione di carattere generale: visto che i sistemi attuali utilizzano per la maggior parte ventole sui componenti (CPU, scheda grafica, alimentatore) controllate in velocità e regolate in base alle temperature, spesso è meglio lasciare accese le ventole del case per far sì che le temperature restino sotto controllo e dunque che le ventole sui componenti interni rimangano su regimi rotazionali bassi. Grazie alle ventole a bassa rumorosità integrate da Cooler Master nel Silencio 650, il rapporto tra rumorosità e prestazioni risulta ottimo.

Infine, questo case offre una buona dotazione anche in termini di connettività: il pannello superiore integra quattro porte USB (due USB 3.0 e due USB 2.0), un lettore di schede di memoria e jack per uscita cuffie ed ingresso microfono. Manca un connettore eSATA ma è presente uno switch che permette di selezionare il disco di avvio fra due unità interne sulle quali, ad esempio, siano stati installati due sitemi operativi. E' altresì disponibile uno switch per regolare la velocità delle ventole ma, viste le risibili differenze in termini di rumorosità, questo potrebbe essere sempre lasciato sulla posizione "max". Questi connettori, switch e led di indicazione di stato e attività sono racchiusi sotto una mascherina a scorrimento che li protegge da pressioni non volute e protegge l'utente da flash di luce indesiderati che magari di notte potrebbero dar fastidio.

Il case Cooler Master Silencio 650 sarà disponibile dalla fine del mese di Giugno ad un prezzo al pubblico consigliato di 149 Euro IVA inclusa.


Pubblicato in: Articolo, Hardware
Tags: amd , console , gpu

OkNotizie
Dino Fratelli
Autore: Dino Fratelli
Esperto in:
CPU, schede madri, storage, tablet, audio
Laureato in Ingegneria Elettronica è stato caporedattore di uno fra i primi portali di tecnologia italiani e redattore di articoli per altre testate come Punto Informatico. Da sempre appassionato di hardware, audio e videogame.
Notizie postate da Dino FratelliArticoli postati da Dino Fratelli
1153
news
65
articoli
     Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

TiempoLibreSite
Lead The Future

Quotazioni

Loading
Chart
o Advanced Micro Devices 3.73 ▼0.03 (-0.80%)
o Intel Corp. 34.25 ▼0.25 (-0.72%)
o ARM Holdings 44.32 ▼0.33 (-0.74%)
o NVIDIA Corp. 18.11 ▲0.03 (0.17%)
o Microsoft Corp. 44.40 ▼0.47 (-1.05%)
o Texas Instruments 47.86 ▼0.33 (-0.70%)
o Apple Inc. 97.03 ▼0.16 (-0.16%)
NYSE:AMD

Advanced Micro Devices

Company ID [NYSE:AMD] Last trade:3.73 Trade time:4:03PM EDT Value change:▼0.03 (-0.80%)
NASDAQ:INTC

Intel Corp.

Company ID [NASDAQ:INTC] Last trade:34.25 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.25 (-0.72%)
NASDAQ:ARMH

ARM Holdings

Company ID [NASDAQ:ARMH] Last trade:44.32 Trade time:3:59PM EDT Value change:▼0.33 (-0.74%)
NASDAQ:NVDA

NVIDIA Corp.

Company ID [NASDAQ:NVDA] Last trade:18.11 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.03 (0.17%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft Corp.

Company ID [NASDAQ:MSFT] Last trade:44.40 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.47 (-1.05%)
NASDAQ:TXN

Texas Instruments

Company ID [NASDAQ:TXN] Last trade:47.86 Trade time:3:59PM EDT Value change:▼0.33 (-0.70%)
NASDAQ:AAPL

Apple Inc.

Company ID [NASDAQ:AAPL] Last trade:97.03 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.16 (-0.16%)

Newsletter



Ricevi HTML?

Galleria immagini utenti

Il meglio dal forum

hot Windows 8 tips & tweaks. Tanti consigli, soluzioni e miglioramenti apportabili al nuovo sistema operativo di casa Microsoft, Windows 8. Da mettere nel bookmark!
hot Configurazioni tipiche proposte dallo staff. Quattro configurazioni che potete usare come base per la realizzazione del vostro nuovo computer gaming, HTPC, tutto fare oppure economico.
Installare Damn Small Linux su Virtualbox. Una guida completa all'installazione di una distribuzione Linux molto leggera in ambienti virtualizzati attraverso Virtualbox
Acquistare su Alternate.de. A volte i siti esteri possono offrire prodotti a prezzi decisamente concorrenziali. Ecco dunque come acquistare sul sito tedesco Alternate.de
hot Realizzare una distribuzione Linux. Vogliamo creare una distribuzione Linux tutta nostra, firmata Bits'n'Chips. Chiunque voglia essere della partita è bene accetto!
Just some ads!