Ryzen e Videogames: cosa è cambiato negli ultimi 60 giorni - Bits and Chips Skin ADV
Text Size

Quando si immette in commercio una piattaforma hardware completamente nuova è la normalità che questa risulti acerba in diversi aspetti, soprattutto quando ad interagire sono numerosi componenti, realizzati da una moltitudine di produttori.

Nel caso di Ryzen, ad esempio, non si tratta solamente di una nuova CPU, ma di un intero ed inedito ecosistema completamente da scoprire: oltre ad una uArch x86 differente, stiamo parlando anche di un nuovo IMC DDR4, di nuovi chipset, di nuovi BIOS e di una moltitudine di software da ottimizzare, ma ci fermiamo qui, anche se si potrebbe andare avanti ancora a lungo con questo elenco.

Risulta quindi pacifico che non si può pretendere la perfezione già dal Day One, soprattutto se confrontiamo il lancio di AMD per Ryzen (Andato decisamente liscio, a nostro parere!) con quanto fatto da Intel con architetture ben più rodate: pensiamo al bug delle porte SATA III dei chipset H67/P67, o al bug delle porte USB 3.0 dei chipset per Haswell.

 

 

Nel complesso, comunque, Ryzen sta migliorando di giorno in giorno ed alcuni problemi di gioventù, dovuti soprattutto ad una non perfetta ottimizzazione del software (S.O. in primis), si stanno risolvendo piuttosto velocemente.

In questo articolo, in particolare, vogliamo porre la nostra attenzione sul miglioramento della piattaforma AM4 in ambito videoludico. Molti di voi saranno a conoscenza che AMD, per il lancio di Ryzen, consigliò ai recensori di impostare Windows 10 su “Massime Prestazioni” per i test poiché, tanto lato driver quanto lato S.O., la piattaforma non era ancora in grado di girare al meglio in modalità “Bilanciata”. Di questo avevamo parlato, seppure limitatamente, in questo articolo.

Oggi vogliamo andare più in profondità, analizzando attraverso una serie di giochi, anche un po’ attempati, quanto Ryzen sia migliorato. Se vi state chiedendo del perché abbiamo scelto giochi un po’ vecchiotti, è presto detto: AMD sicuramente non avrà avuto il modo di realizzare ottimizzazioni ad hoc, e parimenti le software house non hanno rilasciato patch apposite per Ryzen. Si tratta, quindi, di test effettivamente oggettivi!

Questo significa che i guadagni prestazionali che abbiamo notato sono merito delle ottimizzazioni agnostiche presenti tanto nel S.O. quanto nei driver, e che questi miglioramenti saranno probabilmente tangibili nella stragrande maggioranza dei titoli presenti nelle vostre librerie.


Pubblicato in: ArticoloHardware
Tags: 1800x , asus , benchmark , bios , crosshair , Hero , ryzen

OkNotizie
Gian Maria Forni
Autore: Gian Maria Forni
Esperto in:
Esperto di mercati e CPU
Sebbene sia laureato in Lettere e Filosofia, indirizzo Storia Contemporanea, e scriva per quotidiani e riviste di tale settore, ha sempre avuto la passione per l'informatica ed ha collaborato quale moderatore in importanti forum del settore
Notizie postate da Gian Maria ForniArticoli postati da Gian Maria Forni
2655
news
172
articoli
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

carLtoon

Press Release

BitsAndChips Official Channel

Il meglio dal forum

[Official Topic] AMD APU Kabini, Temash, Kaveri e... Carrizo. Discutiamo le ultime novità sulle APU AMD basate su microarchitettura Bulldozer e Jaguar
[Waiting for] AMD GPU Polaris & Vega (ex-Arctic Islands). Discutiamo le ultime novità sulle GPU Polaris di AMD, senza dimenticarci di Vega!
[Official Topic] Nvidia Pascal GPU. Discutiamo le ultime novità sulle GPU Pascal di NVIDIA e su quanto ci aspetta in futuro!
[Official Topic] AMD "Zen". Discutiamo le ultime novità sulla microarchitettura x86 Zen di AMD e le CPU/APU in arrivo.
Buongiorno e buonasera. Il thread dedicato alle discussioni più futili e divertenti! Ogni forum che si rispetti ne ha uno, no?
Creative Sound Blaster e Windows 10/8.1/8/7/Vista. Dedicato a tutti i possessori delle schede audio di Creative Labs!
B&C e la questone "degli articoli prezzolati". Perché B&C è un portale diverso?