Skin ADV
Text Size

soc lg nuclunDella sua esistenza si hanno informazioni da oltre un anno, ma solo oggi LG ha deciso di ufficializzare il suo primo SoC "fatto in casa", alla stregua di Samsung con i SoC Exynos ed Huawei con i SoC HiSilikon, un tempo conosciuto come Odin.

Il suo nome di commercializzazione è NUCLUN. Al suo interno viene celata una CPU di tipo big.LITTLE, CPU quad-core Cortex-A15 @1.5GHz e CPU quad-core Cortex-A7 @1.2GHz, coadiuvata dalla iGPU Mali-T760 di ARM.

Le sue prestazioni - almeno secondo quanto indicato dai benchmark trapelati diverso tempo fa e nei giorni precedenti - dovrebbero più o meno eguagliare quelle ottenute dai dispositivi top di gamma di inizio 2013, integranti ad esempio il SoC Exynos 5410 di Samsung o Snapdragon 600 di Qualcomm.

Sfortunatamente non conosciamo il processo produttivo con il quale è stato realizzato, ne tantomeno il "fabbisogno energetico", ma possiamo dirvi che supporta nativamente la connettività 4G LTE-A Cat.6 (download max 225 Mbps).

g3 screen

FONTE - HDBlog.itVIA - LGNewsroom.com


NUCLUN farà il suo debutto a bordo del G3 Screen (F496L), ossia un phablet esteticamente identico al G3 standard, del quale non conosciamo il prezzo di commercializzazione (rimarrà per ora - e forse per sempre - un'esclusiva del mercato sud Coreano).

Di seguito le sue specifiche tecniche:

■ SoC - NUCLUN Octa-Core (1.5GHz Quad-Core +1.2GHz Quad-Core)
■ Display - 5.9-inch Full HD IPS (373 PPI)
■ Memoria - 32GB eMMC / 2GB RAM / MicroSD slot
■ Camera - Rear 13MP OIS+ / Front 2.1MP
■ Batteria - 3,000mAh
■ OS - Android 4.4 KitKat
■ Dimensioni 157.8x 81.8x 9.5mm
■ Peso - 182g
■ Connettività di rete - LTE-ACat.6
■ Colorazioni - Black / White

lgf490

IMAGE CREDIT TO: blogofmobile.com

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (3)   Commenta


apple a8x ifixitA distanza di una sola settimana dalla presentazione ufficiale del nuovo iPad Air 2 di Apple, come accaduto verosimilmente con il teardown di iPhone 6 ed iPhone 6 Plus, possiamo finalmente scoprire cosa viene "celato" al suo interno nuovamente grazie al portale iFixit.

Prima di analizzarne il contenuto interno, ricordiamo che le dimensioni del nuovo iPad Air 2 sono pari a 240 x 129,5x 6,1 mm per 437/444g (WiFi/4G), e quindi identiche al modello originale, il quale differisce esclusivamente per uno spessore ed un peso maggiore (rispettivamente, 7,5mm e 469/478 gr.).

Anche questa volta, i componenti evidenziati dal teardown di iFixit che più hanno attirato la nostra attenzione sono essenzialmente due, ossia l'accoppiata SoC/RAM e la batteria.

Per quanto riguarda il primo dato possiamo notare come il SoC Apple A8X (APL1012) sia accoppiato a due chip DRAM prodotti da Elpida/Micron Technology ed aventi codice F8164A3MD, che tradotto in parole povere indica un quantitativo totale, per la prima volta, pari a 2GB

La batteria invece risulta avere una capacità pari a 7340mAh (27.62Wh), inferiore quindi ai 8827mAh (32.9Wh) disponibili nell'originale iPad Air. Riguardo quest'ultimo dato, la maggior parte dei recensori ha attualmente dichiarato che il dispositivo è in grado di ottenere un'autonomia media di circa 10 ore di utilizzo come indicato da Apple, ma non di eguagliare quella ottenuta dal precedente modello (gioie e dolori derivati da uno spessore più sottile, ahimè!).

ipad air 2 motherboard

Questi i compononenti presenti nella zone centrale della motherboard:

 SoC - Apple APL1012 A8X 64-bit 
 RAM - Elpida/Micron Technology F8164A3MD 8 Gb (1 GB / 1 GB x 2 = 2 GB totali)
• NAND Flash - SK Hynix H2JTDG8UD1BMR 128 Gb (16 GB) 
 Modulo NFC - NXP 65V10 (come su iPhone 6 ed iPhone 6 Plus)
 Audio Codec - Apple (Cirrus Logic) 338S1213
 NXP Semiconductors LPC18B1UK ARM Cortex-M3 Microcontroller (Apple M8 Motion Coprocessor)
• Modulo Wi-Fi - Murata 339S02541 

Per quanto riguarda la qualità dell'assemblaggio, iFixit ha assegnato un voto - abbastanza negativo - pari a 2 su 10.

Il motivo? Semplice, per prima cosa bisogna segnalare come il display LCD ed il vetro con annesso touch sono fusi insieme (obbligandone in caso di rottura la sostituzione in blocco, ovviamente più costosa), e secondariamente un abbondante utilizzo di colla, applicata anche sulla motherboard stessa.

 maggiori informazioni sono dispolibili sul portale ufficiale di iFixit, a questa pagina.

ipad air 2 motherboard ifixit evaluation

FONTE - HDBlog.it

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (0)   Commenta


nexus 6 presCome si vociferava ormai da diverso tempo, Google ha deciso di togliere i veli ai suoi nuovi dispositivi della linea Nexus giusto oggi.

I rumour ad essi riguardanti non sono stati poi molti (giusto qualche giorno fa è trapelata qualche immagine "rubata" che non era molto facile da considerare "attendibile"), ma ci hanno azzeccato in pieno.

Prima di presentarvi i nuovi dispositivi ci teniamo però a dedicare qualche riga alla nuova distribuzione di Android, nome in codice "L" di "Lollipop", che raggiunge la numerazione 5.0In sé si tratta di una "non novità", in quanto molti ricorderanno che era già stato "presentato" lo scorso 25 Giugno, ma ora abbiamo informazioni ad esso riguardanti più definite.

Innanzitutto possiamo dirvi che il suo SDK finale verrà rilasciato giorno 17 Ottobre (dopodomani), ed il suo arrivo è previsto a breve su tutti i dispositivi della linea Nexus, dal Nexus 4/Nexus 7 '2012/Nexus 10 in poi. 

Grazie ad esso avremo il supporto nativo ai SoC a 64-bit ed al nuovo compilatore ART introdotto con Android 4.4 KitKat (clicca qui per maggiori informazioni), API di livello 22, miglioramenti di ogni tipo a livello generale (connettività, autonomia, file sharing e molto altro) ed ovviamente la nuova UI in chiave Material Design. 

• maggiori informazioni su Android 5.0 Lollipop sono disponibili sul blog ufficiale di Google, a questa pagina.

Lollipop Forest

..ecco l'immagine simbolo di Android "Lollipop" 5.0, addio gustose barrette KitKat!

        • NEXUS 6

Il nuovo Nexus 6 viene prodotto da Motorola proprio come indicato dalle precedenti voci di corridoio, e risulta un modello a sé stante che non ha nulla a che vedere con il precedente Nexus 5 prodotto da LG - da non intendersi quindi come un "successore" -  il quale tra l'altro rimarrà in commercio (ci auguriamo con una seppur lieve diminuzione di prezzo).

6 non indica solo il nome, ma anche i pollici della diagonale che caratterizza il nuovo ed imponente display IPS LCD (per l'esattezza 5.96") avente risoluzione WQHD 2560x1400p (493 PPI).

Esso è integrato in uno chassis probabilmente in policarbonato dalle dimensioni pari a 159,3 x 83 x 3,8 – 10,1 mm per 184g di peso, avente cornici laterali sul frontale ridotte al minimo che comprendono l'ormai caratteristico doppio speaker, il quale somiglia molto da vicino ad una versione ingrandita del recente Moto X '2014 (dobbiamo aspettarci un modello "proprietario" somigliante?).

Il compito di muovere tale mole di Pixel è stato affidato al potente SoC Qualcomm Snapdragon 805, dotato di una CPU quad-core Krait 450 operanta @2.7GHz ed iGPU Adreno 420, coadiuvato da 3GB e da 32GB/64GB di memoria interna a seconda della variante (niente supporto per microSD, spiacenti!).

Nexus 6 pres 3

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una fotocamera posteriore da 13MPx con flash LED e stabilizzatore ottico d'immagine, una fotocamera anteriore da 2MPx, parco sensori/connessioni completo ed una batteria da 3220mAh, la quale grazie alla fuzione Turbo Chargers di Motorola godrà di un'autonomia di circa sei ore grazie ad una sola ricarica da 15 minuti (anche Wireless).

Nexus 6 sarà prenotabile dal prossimo 29 ottobre al prezzo di partenza pari a 649$ - nelle colorazioni Midnight Blue eCloud White - e sarà anche commercializzato dai più importanti operatori telefonici Americani (AT&T, T-Mobile, Verizon Wireless, US Cellular, Sprint). Al momento non è chiaro quale sarà il suo prezzo sul Play Store, né tanto meno quando verrà commercializzato a livello globale.

• maggiori informazioni sul Nexus 6 sono disponibili sul portale ufficiale di Google, a questa pagina. 

 

        • NEXUS 9

Anche il nuovo Nexus 9 rispecchia quanto indicato dalle voci di corridoio e difatti viene prodotto da HTC, la quale finalmente torna nel mercato dei tablet.

Il nuovo tablet di Google utilizza per la prima volta un display IPS LCD avente diagonale da 8.9" e fattore di forma 4:3, con risoluzione QXGA 2048x1536 Pixel (la stessa degli attuail iPad Air - 288 PPI).

Ad animarlo ci pensa il potente SoC Tegra K1 "Denver" a 64-bit di Nvidia, il quale dispone di una CPU dual-core Cortex A57 Custom realizzata secondo le istruzioni ARMv8 ed operante @2.3GHz insieme alla iGPU Kepler da 192 CUDA cores. Sfortunatamente Google non ha dichiarato il quantitativo di RAM presente a bordo, ma ci auguriamo che sia pari a 4GB.

Nexus 9 pres 2

Il tutto risulta integrato in uno chassis metallico in piena tradizione HTC, avente dimensioni pari a 226.3 x 151.9 x 7.9 mm per 425g (WiFi) o 436g (LTE) di peso.

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una fotocamera posteriore con sensore AF da 8MPx con flash LED, una fotocamera anteriore da 1.6MPx, parco sensori/connessioni completo, doppio speaker frontale BoomSound ed una batteria da ben 6700mAh.

Nexus 9 sarà disponibile in pre-vendita sullo store di Google Play™ a partire dal 17 ottobre (spedizioni dal 3 Novembre) nei formati 16GB al prezzo di 399€, 32GB a 489€ e 32GB LTE a 569€, e nelle colorazioni nera/bianca/oro.

• maggiori informazioni sul Nexus 9 sono disponibili sul portale ufficiale di Google, a questa pagina.  

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (1)   Commenta


iPadAir2-iPadMini3 presApple ha finalmente tolto i veli ai suoi nuovi iPad Air 2 ed iPad mini 3, in occasione dell'evento dedicato che ha avuto luogo in quel di Cupertino.

Sebbene si tratta di nuovi modelli, Apple ha applicato la sua solita "filosofia" per quanto riguarda il from-factor ed il design.

Difatti questi nuovi dispositivi sono praticamente identici ai loro predecessori, quali iPad Air ed iPad mini retina. Solo iPad Air 2 risulta "differente" rispetto all'originale iPad Air, grazie ad uno spessore ora pari a 6,1mm contro i precedenti 7,5mm. 

ipad air2iPad mini 3 non solo rimane lo stesso del precedente modello - che tral'altro resta in commercio - per quanto riguarda le forme ed il design, ma anche nell'hardware. Stesso SoC Apple A7 con co-processore M7, stesso display. Le uniche ifferenze? La presenza del Touch ID (ricordiamo trattasi della nuova modalità di pagamento via NFC esclusiva di Apple), un nuovo taglio di memoria da 128GB (viene eliminato il 32GB) e la colorazione Oro.

iPad Air 2 invece gode del nuovo SoC Apple A8X, una versione "pompata" nelle frequenze del medesimo Apple A8 presente sui nuovi iPhone 6 ed iPhone 6 Plus, di una nuova fotocamera posteriore con sensore da 8MPx (apertura focale f/2.4, registrazione video 1080p@60FPS e 720p@120FPS), un rinnovato sensore per la fotocamera anteriore Facerime HD con apertura focale f/2.2 ed una autonomia media invariata, pari a 10 ore circa (niente Apple Pay in questo caso).  

ipad mini3

• clicca qui per visionare il Comunicato Stampa Ufficiale


I nuovi iPad Air 2 ed iPad mini 3 saranno prenotabili già da domani, con spedizioni a partire dalla prossima settimana e nelle colorazioni bianca, nera ed oro. Ecco i prezzi di vendita nel nostro paese:

iPad Air 2:z

  • 16GB - 499€ Wi-Fi - 619€ LTE
  • 64GB - 499€ Wi-Fi - 719€ LTE
  • 128GB - 599€ Wi-Fi - 819€ LTE

iPad Mini 3:

  • 16GB - 399€ Wi-Fi - 519€ LTE
  • 64GB - 499€ Wi-Fi - 619€ LTE
  • 128GB - 599€ Wi-Fi - 719€ LTE

Adeguamento prezzi dei precedenti modelli:

  • iPad Air - 399€ 16GB Wi-Fi - 519€ LTE
  • iPad Mini 2 - 299€ Wi-Fi - 419€ LTE
  • iPad Mini - 249€ 16GB Wi-Fi - 369€ 3G

ipad spec

• caratteristiche tecniche di tutti gli iPad attualmente in commercio, clicca per ingrandire.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (2)   Commenta


L' U.S. International Trade Commission, l'ente che deve decidere sulla controversia aperta da nVidia nei confronti di Samsung e Qualcomm, ha già preso una decisione preliminare: le due case sembra abbiano effettivamente violato alcuni brevetti di nVidia, di cui abbiamo fatto menzione in questa news.

 

 

Nvidia aveva chiesto l'arresto dell'importazione dei terminali Samsung Galaxy Note Edge, Galaxy Note 4, Galaxy S5, Galaxy Note 3, Galaxy S4, Galaxy Tab S, Galaxy Note Pro e Galaxy Tab 2 (integranti SoC Qualcomm e Samsung) su suolo statunitense, e la commissione sopracitata sembra in accordo con tale richiesta, in quanto ha già avviato un'inchiesta, la quale molto probabilmente porterà ad un processo. David Shannon, Executive Vice President e Chief Administrative Officer presso Nvidia si è detto molto soddisfatto: “We are pleased with the ITC decision today to open an investigation and look forward to presenting our case on how NVIDIA GPU patents are being used without a license”.

Nonostante il benestare della U.S. International Trade Commission, la richiesta di nVidia rimane comunque ridicola ben buona parte degli addetti al settore (giornalisti, programmatori ed ingegneri), in quanto i brevetti portati a sostegno da nVidia, oltre ad essere estremamente vaghi, sono anche facilmente fraintendibili (“Cosa si intende per GPU?”, ad esempio). Su moltissimi network e blog sono così partite discussioni animate, spesso a senso unico, in cui si critica fortissimamente l'operato della casa del camaleonte, ormai vista come una novella Rambus. Un articolo esplicativo di quanto sta accadendo, e di cui consigliamo la lettura, è questo: Is everything ok, Nvidia?

Restiamo in attesa di ulteriori informazioni a riguardo, in quanto nVidia potrebbe superare anche Gilbert Hyatt, l'uomo che negli anni '90 dichiarò guerra a tutte le aziende attive nel mercato dei semiconduttori (Intel, IBM, Texas Instruments, ecc) affermano di essere lui il padre delle moderne CPU.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (3)   Commenta


exynos 7 presA circa un mese di distanza dalla presentazione del Galaxy Note 4, Samsung ha finalmente ufficializzato i nuovi SoC Exynos Serie 7 che daranno vita ai futuri dispositivi top di gamma.

Come avevamo già visto settimane fa, questo SoC non è altro che una semplice "revisione" del precedente Exynos 5433.

Difatti questi nuovi SoC saranno prodotti secondo il PP a 20nm HKMG ed integreranno la medesima CPU quad-core Cortex-A53 e Cortex-A57 in configurazione big.LITTLE con HMP (non sono state attualmente divulgate le frequenze di funzionamento), dotate delle nuovi istruzioni ISA ARMv8 e quindi aventi pieno supporto ai 64-bit, e la potente iGPU Mali T760MP.

Dove sta la differenza quindi con il precedente modello? Semplice, esso lavora nativamente a 64-bit secondo la modalità AArch64 dando così piena compatibilità con Android L.

Questo nuovo SoC viene inoltre accompagnato da un nuovo ISP (Image Signal Processor) e dal controller per memorie RAM LPDDR4, garantendo inoltre pieno supporto a display aventi risoluzione pari a 2560x1440/1600 Pixel, trasmissione dei contenuti video in 4K (probabilmente a 30 FPS) e registrazione video simultanea di sensori da 16MPx e 5MPx a 30FPS (posteriore e frontale).

Non ci resta ora che attendere ulteriori informazioni, oltre che a qualche benchmark per valutare l'effettiva "potenza" di questo nuovo SoC con i software più consoni.

exynos  7octa 2

   • Exynos 7 Octa
       The latest Exynos Processor with A57 and A53 big.LITTLE™ Octa-core:
       Bringing high-end features to your everyday mobile experience

exynos 7 octa

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (0)   Commenta


Da diverso tempo circolavano in rete voci riguardanti un particolare smartphone realizzato da HTC, questa volta completamente dedicato "alla forografia". Da poche possiamo finalmente dire che ancora una volta le indiscrezioni sono risultate esatte.

In occasione dell'evento "Double Exposure" dove ha fatto la sua comparsa anche una sorta di action-camera assomigliante ad un periscopio, denominata HTC RE camera, è stato difatti presentato il nuovo e per l'appunto tanto chiaccherato Desire Eye.

Una delle caratteristiche tecniche che lo caratterizzano è ovviamente il comparto di acquisizione immagini, il quale può vantare di un sensore sia sul posteriore (BSI, AF, f 2.0, 28 mm) che sull'anteriore (BSI, AF, f 2.2, 22 mm) da ben 13MPx, coadiuvato in entrambi i casi da flash LED bitonale e capace di registrazione video in 1080p.
 
Per quanto riguarda il design devo ammettere che si tratta di uno dei più belli - se non il più bello - smartphone prodotto da HTC, anche se personalmente avrei evitato un sensore frontale così "vistoso" che rende il layout frontale decisamente "forzato" (dannata moda degli autoscatti!).
 

  htc eye blue htc eye red

FONTE - HDBlog.it

Le linee che caratterizzano il layout frontale derivano principalemente dall'originale One 2014 (M8), i materiali da costruzione dal "top gamma economico" quale One E8 ed il layout posteriore insieme ai bordi dal recente phablet Desire 820. Unendo il tutto è venuto fuori un dispositivo che misura 151,7 x 73,8 x 8,5 mm, pesa 154g e beneficia della certificazione IPX7.

      Spunti         HTC ufficializza finalmente "il nuovo One" 2014 (M8)

              di        • HTC One E8, arriva la variante in policarbonato e con fotocamera da 13MPx

      lettura        • Nuovo Desire 820, HTC riparte dal phablet di fascia media a 64-bit

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una componentistica da smartphone top di gamma. Avremo infatti a disposizione un display SuperLCD avente diagonale pari a 5.2" e risoluzione 1080p (424 PPI) animato dal SoC Qualcomm Snapdragon 801 (clicca qui per maggiori dettagli), parco sensori/connessioni completo, doppio speaker frontale BoomSound, 2GB di memoria RAM e 16GB di memoria interna (espandibile tramite microSD fino a 128GB), una batteria da 2400mAh (ci aspettavamo qualcosina in più!) e la distribuzione di Android 4.4 KitKat con interfaccia proprietaria Sense ad amministrare il tutto.

Il suo arrivo è previsto nei principali mercati - e quindi anche nel nostro paese - durante la seconda metà del corrente mese di Ottobre e dai primi di Novembre, in due colorazioni ed ad un prezzo non ancora annunciato ma che dovrebbe aggirarsi attorno ai 549€.

                    • Double Exposure, ecco il video dell'intero evento:

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (5)   Commenta


nexus player presEravate in attesa di una "console/box multimediale" Android supportato come si deve? ZTE Fun Box, Huawei TRON, Amazon Fire TV ed OUYA non fanno al caso vostro? Google ha realizzato ciò che fa per voi, in collaborazione con Asus!

In concomitanza con l'apparizione dei nuovi Nexus 6 e Nexus 9 è stata difatti presentato anche un piccolo box multimediale denominato Nexus Player.

Esso è caratterizzato da un corpo di colore nero satinato avente design minimale e forma circolare (diametro di 120mm per 20mm di spessore e 235g di peso) dove all'interno trova posto un non meglio specificato SoC Intel Atom, il quale dispone di una CPU quad-core operante @1.86GHz ed una iGPU PowerVR Serie 6 realizzata da Imagination Tecnologies, coadiuvato da 1GB di memoria RAM (strano, oramai il quantitativo "standard" è pari a 2GB!) ed 8GB di memoria interna molto probabilmente non espandibile.

Completano la sua dotazione hardware una porta micro USB 2.0, uscita HDMI full-size (1920x1080@60Hz) e connettività WiFi 802.11ac MIMO/Bluetooth 4.1, il tutto gestito dalla distribuzione Android TVNella confezione sarà inoltre integrato un telecomando insieme a 2 pile AAA ed ovviamente l'adattatore di corrente (da 18W), mentre il joypad che vedrete nell'immagine allegata qui di seguito verrà venduto separatamente.

La sua commercializzazione - tramite Play Store - è prevista per i primi di Novembre con preordini a partire dal 17 di Ottobre ad un prezzo di 99$. Non abbiamo informazioni circa prezzo e distribuzione nel nostro paese.

 

nexus player varie

• maggiori informazioni su Nexus Player sono disponibili sul portale ufficiale di Google, a questa pagina.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (6)   Commenta


Come abbiamo avuto modo di vedere oltre un anno fa con la recensione dell'ottimo Ascend Y300, Huawei sa come dare una scossa nella fascia economica di mercato e quando lo fa non si risparmia affatto.

Il nuovo Ascendo Y550 non è altro che la dimostrazione di tali capacità.

Caratterizzato da un design sobrio con linee morbide che non danno particolarmente nell'occhio, questo dispositivo integra nel layout frontale un modesto display LCD con diagonale da 4.5" e risoluzione FWVGA (854x480 Pixel - 218 PPI) che viene animato dal SoC Qualcomm Snapdragon 410.

             • Snapdragon 410, il primo SoC a 64-bit di Qualcomm è di fascia mainstream

Coadiuvato da 1GB di memoria RAM, ricordiamo che questo SoC dispone di una CPU quad-core Cortex-A53 operante a 1.2GHz e dalla iGPU Adreno 306. Grazie ad esso ne scaturisce un prodotto completo e tutto sommato anche abbastanza prestante ma allo stesso tempo attento ai consumi, oltre che pronto a supportare le reti 4G (download fino a 150Mbps).

Completano la sua dotazione hardware una fotocamera posteriore avente sensore da 5MPx con flash LED, una fotocamera anteriore da 2MPx, una memoria interna da 4GB naturalmente espandibile tramite microSD, parco sensori/connessione di base, una batteria da 2000mAh e la distribuzione di Android 4.4 KitKat con interfaccia proprietaria a gestire il tutto.

Il suo arrivo in Italia è previsto a breve, con un prezzo decisamente aggressivo che si aggira attorno ai 130€.

acend y550 pres

FONTE - Androidcentral.com

 

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (7)   Commenta


Google ha presentato questo pomeriggio il Nexus 6, il phablet dei phablet. Ma quanto è realmente grande?

Ricordiamo che le sue dimensioni sono pari a 159,3 x 83 x 3,8 – 10,1 mm per 184g di peso, valori dunque non indifferenti e fuori dal comune. Che ne dite quindi di paragonarli con gli attuali dispositivi top di gamma, giusto per farci un idea?

I candidati per questo confronto sono:

 Google Nexus 5

 Oppo N1

 Samsung Galaxy Note 4

 Huawei Ascend Mate 7

 Apple iPhone 6 / 6 Plus

 Sony XperiaT2 Ultra

 Motorola Moto X '2014

N.B. clicca sul relativo nome per maggiori dettagli ad essi riguardanti

Secondo voi è troppo grande? Fateci sapere cosa ne pensate!

Nexus-6-confronto-dimensionale-3

 GALLERIA COMPLETA:

FONTE - Androidworld.it

IMAGE CREDIT TO -  PhoneArena.com

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (1)   Commenta


Attraverso il sito The Inquirer veniamo a sapere che Intel è il secondo fornitore mondiale di SoC dedicati al mercato dei Tablet con il 19% di share, nettamente dietro ad Apple (26%) ma di qualche punto percentuale avanti a Qualcomm (17%).

 

 

La costosa strategia dei Contra-Revenue sembra stia pagando, almeno guardando ai numeri, anche se siamo ancora lontani dai 40 milioni di SoC che Brian Krzanich, CEO di Intel, aveva promesso all'inizio di quest'anno.

Per evitare l'utilizzo dei Contra-Revenue anche nel prossimo futuro, Intel sta cercando l'appoggio dei maggiori produttori cinesi di Tablet a basso prezzo, sia attraverso l'apertura di centri di ricerca direttamente nella terra del Dragone sia attraverso la collaborazione con i maggiori produttori Fabless, sempre cinesi (l'ultimo, Spreadtrum): “In nothing short of an "it's about time" kind of announcement, the news that Intel has signed a series of agreements means the semiconductor giant will invest up to 9bn Renmimbi, or about £920m, in the Chinese company. Designed to expand the adoption of Intel-based mobile devices in China, the deal will gain the company an approximately 20 percent stake in Tingshua Group, which owns Spreadtrum and RDA Microelectronics, both fabless chip designers that produce SoCs for mobile phones”.

Questo risultato è comunque da prendere con le pinze, sia perché Intel lo ha conseguito esponendosi a pesanti perdite, sia perché il mercato dei Tablet potrebbe cedere il passo a quello dei Phablet (Smartphone con diagonali di schermo oltre i 5.5”). Krzanich, per questo motivo, ha affermato che vorrebbe evitare un secondo utilizzo dei Contra-Revenue, ma la situazione sarà decisamente problematica: Qualcomm sta prendendo nuovamente il largo, grazie soprattutto a modem 4G integrati on-die di altissimo livello. Riuscirà Intel nel proprio intento?

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (0)   Commenta


Pagina 1 di 72

Contenuti correlati

  • Dallo stesso autore
  • Dalla stesso categoria
  • Ultime notizie

Ultime dal forum

Quotazioni

Loading
Chart
o Advanced Micro Devices 2.68 ▼0.01 (-0.37%)
o Intel Corp. 33.18 ▲0.49 (1.50%)
o ARM Holdings 39.61 ▲0.08 (0.20%)
o NVIDIA Corp. 18.48 ▲0.19 (1.07%)
o Microsoft Corp. 46.13 ▲1.11 (2.47%)
o Texas Instruments 47.57 ▲0.57 (1.21%)
o Apple Inc. 105.22 ▲0.39 (0.37%)
NYSE:AMD

Advanced Micro Devices

Company ID [NYSE:AMD] Last trade:2.68 Trade time:4:02PM EDT Value change:▼0.01 (-0.37%)
NASDAQ:INTC

Intel Corp.

Company ID [NASDAQ:INTC] Last trade:33.18 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.49 (1.50%)
NASDAQ:ARMH

ARM Holdings

Company ID [NASDAQ:ARMH] Last trade:39.61 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.08 (0.20%)
NASDAQ:NVDA

NVIDIA Corp.

Company ID [NASDAQ:NVDA] Last trade:18.48 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.19 (1.07%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft Corp.

Company ID [NASDAQ:MSFT] Last trade:46.13 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲1.11 (2.47%)
NASDAQ:TXN

Texas Instruments

Company ID [NASDAQ:TXN] Last trade:47.57 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.57 (1.21%)
NASDAQ:AAPL

Apple Inc.

Company ID [NASDAQ:AAPL] Last trade:105.22 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.39 (0.37%)

Newsletter



Ricevi HTML?