Skin ADV
Text Size

mi4 presL'ormai inarrestabile Xiaomi è pronta ad invadere nuovamente il mercato degli smartphone top di gamma, dopo aver proposto l'economico ma ottimo phablet octa-core Redmi Note da soli 130$ ed ancor più recentemente per il Mi Pad, l'anti iPad mini per eccellenza.

Per chi ancora non ne ha sentito parlare si tratta di un'azienda di telefonia mobile fondata da Lei Jun nel 2010 che ricevette l'attenzione dei mass media dopo il rilascio dello Xiaomi Phone (o Xiaomi M1) nel settembre del 2011, la quale tral'altro sviluppa anche la famosa custom ROM MIUI.

Mi4 non è altro che un ennesimo dispositivo di fascia alta realizzato come solo Xiaomi sa fare ed ossia dotato di componentistica hardware al top, design decisamente raffinato grazie all'utilizzo di uno chassis in acciaio inossidabile e vario per mezzo di cover disponibili in una moltitudine di materiali (frontalmente ricorda le linee di un Apple iPhone 5 mentre il posteriore ha molto in comune con il Samsung Galaxy S4) oltre che ad un prezzo realmente basso.

 

Queste le caratteristiche tecniche in breve:

  • Display - 5" 1080p fullHD (441 PPI), 84% di precisione nella riproduzione del colore (NTSC);
  • SoC - Qualcomm Snapdragon 801 (CPU quad-core Krait 400 @2.5GHz / iGPU Adreno 330 @578MHz);
  • RAM - 3GB ;
  • Memoria Interna - 16/64GB;
  • Fotocamera Posteriore - sensore da 13MPx con flash LED (f/1.8, HDR in tempo reale, registrazione video 4K);
  • Fotocamera Frontale - 8MPx;
  • Batteria - 3080 mAh con ricarica rapida a 9V 1.2A (supporta anche 5V 2A);
  • Connettività - WiFi 802.11 a/b/g/n, GPS, A-GPS, GLONASS, Bluetooth v.?, iRDA;
  • Connettività di Rete - GSM 900/1800/1900, TD-SCDMA, Band A/F, TDD-LTE Band 38/39/40, LTE Cat.4;
  • Peso - 149 grammi.

Ad amministrare il tutto vi sarà la ROM MIUI v6 (basata ovviamente sulla distribuzione 4.4 KitKat di Android) che verrà presentata ufficialmente il 16 di Agosto.

 

Xiaomi Mi4 sarà preordinabile in Cina dal 29 di Luglio al prezzo di RMB 1,999 (US $322)  e quindi circa 238€ al cambio per la variante da 16GB, mentre quella da 64GB verrà a costare RMB 2,499 (US $400) quindi poco meno di 300€ al cambio.

Xiaomi ha annunciato inoltre una smartband denominata Mi Band (maggiori informazioni e foto qui) che costa solamente 13$.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale - tradotto in lingua Italiana - a questa pagina.

mi4 color

FONTI - HDBlog.it / Engadget.com

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (1)   Commenta


Come annunciato qualche settimana fa, LG ha tirato fuori dal cappello una versione del top gamma G3 dotata di connessione LTE-Advanced e quindi capace di download dati fino a 225Mbps.

Un po come fatto da Samsung con il Galaxy S5 Prime ed il precedente Galaxy S4 LTE-A, G3 Cat.6 è praticamente lo stesso smartphone cha abbiamo conosciuto diversi mesi fa ma dotato del SoC Qualcomm Snapdragon 805, ricordiamo dotato di una CPU quad-core Krait 450 operante alla frequenza di 2,5GHz ed i-GPU Adreno 420, e sempre coadiuvato da 3GB di RAM LPDDR3.

Difatti rimangono intalterate le restanti caratteristiche tecniche, in poche parole LG non ha fatto altro che realizzare il G3 che tutti si aspettavano. Purtroppo LG G3 Cat.6 esclusivamente nella Corea del Sud, nelle colorazioni Silk White, Polished Gold e Metallic Black, dal 25 di Luglio ad un prezzo non ancora annunciato.

Al momento non è stata annunciata alcuna "variante" internazionale, che probabilmente non verrà mai realizzata. Maggiori informazioni sono disponibili sul portale LG Corea, a questa pagina.

lg-g3-lte-a

FONTE -Androidworld.it

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (1)   Commenta


Secondo quanto riporta la testata cinese cnbeta.com, il SoC che andrà ad equipaggiare il prossimo iPhone 6 sarà in grado di operare alla frequenza di ben 2,0 GHz. Un passo avanti notevole rispetto ai  1300-1400 MHz dell'attuale SoC A7.

 

 

Tale risultato è stato raggiunto, oltre che per l'eccellente lavoro di affinamento svolto dagli ingegneri di Apple, anche grazie all'utilizzo del nodo 20SOC a 20nm di TSMC, sviluppato in collaborazione con la statunitense Xilinx appositamente per i System On a Chip. Come ha affermato Jack Sun, Vice President of R&D and Chief Technology Officer, “20SoC uses "second generation," gate-last HMKG technology and uses 64nm interconnect. Compared to the 28HPM process, it can offer a 20% speed improvement and 30% power reduction, in addition to a 1.9X density increase”.

Questo significa che, tra le migliorie apportate dagli ingegneri Apple ai core basati su architettura ARMV8-A, l'utilizzo delle nuove memorie LPDDR4 e l'aumento di frequenza, le prestazioni potrebbero quasi raddoppiare, portando il SoC A8 a livelli velocistici molto vicini a quelli delle CPU x86 entry level dual core (Celeron/Pentium) di Intel.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (4)   Commenta


NVIDIA-SHIELD-Tablet presNon è certo la prima volta che un sito web venga in possesso di materiale riguardante l'imminente presentazione di un determinato dispositivo ma, in questo caso il noto portale VideoCardz.com ha realizzato davvero un colpaccio.

Ebbene si, quelle che vedrete qui di seguito sono tutte le press images che verranno divulgate il prossimo 29 di Luglio in occasione della presentazione ufficiale dello SHIELD Tablet di NVIDIA.

Ne avevamo parlato giusto ieri per mezzo di un rumour dell'ultimo minuto e, non possiamo fare altro che confermare quanto trapelato.

SHIELD Tablet è difatti un tablet completamente votato al gaming mobile, al punto da integrare un display LCD IPS da 8" con risoluzione 1080p (275 PPI) animato dal potente SoC NVIDIA Tegra K1 "Logan" a 32-bit.

Il tutto integrato in uno chassis avente cornici davvero ridotte nonostante l'impiego di due speaker stereo frontali, avente dimensioni pari a 221 x 126 x 9.6 mm per 390g di peso.

NVIDIA-SHIELD-Tablet-1

Caratteristica chiave di questo nuovo SoC presentato durante i primi giorni dell'anno in occasione del CES di Las Vegas è, oltre ad una CPU quad-core+1 CortexA15-Rev.3 operante alla frequenza di 2.3GHz, sicuramente la GPU integrata che deriva direttamente dall'architettura Kepler desktop e dispone di un singolo SMX contenente 192 CUDA Core, 8 TMUs e 4 ROPs.

Ricordiamo che la sua potenza computazionale supera la famosa scheda desktop GTX 8800 ma, con un fabbisogno energetico di soli 2W.

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede un sensore da 5MPx HDR sia frontale che posteriore (AF), memoria espandibile tramite microSDXC fino a 128GB e 2GB di memoria RAM LPDDR3 (non ci sarebbe dispiaciuto vederne 3/4GB a questo punto, Ndr.), parco sensori/connessioni completo tra cui uscita video Mini HDMI 1.4a, una batteria da 19.75Watt/h agli ioni di litio e la distribuzione di Android 4.4 KitKat ad amministrare il tutto (ovviamente integrante applicativi dedicati al gaming come ad esempio Tegra Zone, GamePad Mapper, ShadowPlay e molti altri).

NVIDIA-SHIELD-Tablet-8

Come ogni dispositivo gaming che si rispetti avrà a disposizione un controller dedicato - venduto separamente al prezzo di 59$ - ed una cover stand - venduta anch'essa separatamente al prezzo di 39$ - mentre nello chassis trova posto un pennino capacitivo dotato di tecnologia proprietaria e denominato DirectStylus 2.

NVIDIA SHIELD Tablet verrà commercializzato dal 29 di Luglio negli USA ed in Canada, dal 14 di Agosto in Europa ed a seguire nelle restante regioni al prezzo decisamente aggressivo pari a 299$ per la variante WiFi/16GB e 399$ nella variante LTE/32GB.

Non possiamo fare altro che augurarci un equo cambio di valuta, perchè nel caso in cui costasse 299€ nel nostro paese risulterebbe uno dei tablet migliori sopratutto considerando il rapporto qualità/prezzo.

Un plauso ad NVIDIA per aver saputo accettare la "sconfitta" derivata con l'originale SHIELD, nata da un progetto fin troppo azzardato, ed aver realizzato un prodotto del genere.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (11)   Commenta


xperia-C3-presLa moda degli autoscatti - meglio conosciuti come "selfie" - ha iniziato a divagare durante la notte degli Oscar del passato 3 Marzo, nel momento in cui un gremito gruppo di star Holliwoodiane si è riunito alle spalle della conduttrice Ellen Degeneres che li ha immortalati grazie alla fotocamera frontale del Samsung Galaxy S5.

Da quel momento i social network hanno iniziato a riempirsi di foto di tale fattura, pertanto Sony ha pensato bene di realizzare uno smartphone che unisce le due attuali mode del momento (sappiamo tutti che da un annetto a questa parte è scattata ormai la competizione "a chi ce l'ha più grosso", Ndr.).

Xperia C3 è il primo dispositivo mobile ad integrare nel layout frontale un sensore da 5MPx ad ampio angolo ma coadiuvato da flash LED, difatti altri smartphone come ad esempio HTC One M8 utilizzano un sensore simile o addirittura più grande nel caso dell'Huawei Ascend P7, combinata ad un ampio display con diagonale da ben 5,5" e risoluzione HD 720p (267 PPI).

Si tratta di una combinazione ideale, che rende il dispositivo di Sony il "sefie-phone" per eccellenza.

 

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una dotazione hardware di fascia mainstream ossia un SoC Qualcomm Snapdragon 400 (ricordiamo per chi ancora non lo abbia memorizzato che dispone di una CPU quad-core CortexA7 da 1.2GHz ed iGPU Adreno 305) supportato da 1GB di RAM, una fotocamera posteriore con sensore da 8MPx e flash LED, 8GB di memoria interna espendibile tramite microSD ed un parco sensori/connessioni completo.

Il tutto integrato in uno chassis dalle linee classiche dei recenti terminali Xperia realizzato in policarbonato dalle dimensioni pari a 156 x 78.5 x 7.6 mm per 150g di peso, che integra al suo interno una batteria da 2500mAh (avremo apprezzato qualche mAh in più data l'ampia diagonale del display, Ndr.). A gestire il tutto vi sarà la distribuzione di Android 4.4 KitKat con interfaccia personalizzata del produttore e, un parco software dedicato al miglior utilizzo delle due fotocamere.

 

Sony Xperia C3 supporta la connessione di rete LTE ed inoltre dispone di supporto dual-SIM, ed il suo arrivo è previsto per il mese di Agosto in Cina ed a seguire nel resto del mondo - nelle colorazioni bianca, nera e menta - ad un prezzo non ancora comunicato.

Maggiori informazioni sono disponibili sul portale ufficiale del produttore, a questa pagina

 

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (0)   Commenta


Nel vasto mercato dei tablet integranti l'OS Android possiamo tranquillamente affermare che il Fonepad 7 di Asus - presentato durante i primi mesi del 2013 - è stato uno di quelli che ha ottenuto maggior successo, grazie ad un display abbastanza luminoso, discreta potenza di elaborazione, discreta durata della batteria e sopratutto un prezzo di commercializzazione decisamente aggressivo.

Pertanto Asus ha deciso di proporne una nuova ed ennesima revisione - nome in codice FE375CG - dotata ancora una volta di un display LCD IPS con diagonale da 7" (risoluzione 1280x800p - 215 PPI - 400 nits) ma animato dal SoC Intel Atom Z3560 Moorfield  presentato durante la fine del passato mese di Febbraio.

fonepad7 new

Ricordiamo che quest'ultimo è dotato di una CPU quad-core a 64-bit operante alla frequenza di 1.8GHz e di una potente GPU PowerVR G6430 quad-core, ma rimane ancora una volta coadiuvato da 1GB di memoria RAM (2GB a questo punto sarebbero stati decisamente apprezzati, Ndr.).

Non mancano un parco sensori/connessioni completo, un doppio speaker anteriore ed il supporto dual-SIM (connessione LTE assente); il tutto sarà amministrato dalla distribuzione di Android 4.4.2 KitKat con interfaccia proprietaria Zen UI.

Al momento non sono state divugate informazioni circa data di commercializzazione e prezzo. Maggiori informazioni sono disponibili sul portale ufficiale di Asus, a questa pagina.

 

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (0)   Commenta


Grazie a VR-Zone China, siamo venuti a sapere che la produzione di Broadwell-M, destinato alla serie Core M,  dovrebbe iniziare la fine di questo mese (nelle versioni 5Y10 e 5Y10a), mentre la produzione del modello di punta, il 5Y70, dovrebbe iniziare verso la metà di agosto.

 

 

 

Questo significa che Broadwell-M sarà disponibile agli OEM e ODM alla fine di quest'anno o, al massimo, nel primo trimestre del 2015. Per questo motivo i primi tablet ad utilizzarlo si dovrebbero vedere sul mercato tra il primo ed il secondo  trimestre del 2015. Broadwell-M sarà prodotto con il processo produttivo 14nm Tri-Gate di Intel. 

Il sito tedesco Golem, invece, ci fornisce i primi dati tecnici relativi a questi tre SoC, schematizzati in tabella per renderne più fruibile la comparazione. Da segnalare che l'unica differenza tra i modelli 5Y10 e 5Y10a è la possibilità di configurare il TDP a 4W per il primo.

 

SoC Core M 5Y70 Core M 5Y10 Core M 5Y10a
Core/Thread 2/4 2/2 2/2
Frequenza (Turbo) 1,1 GHz (2,6 Ghz) 800 Mhz (2,0 GHz) 800 Mhz (2,0 GHz)
Cache L3 4MB 4MB 4MB
iGPU Broadwell GT2 (24EU) Broadwell GT2 (24EU) Broadwell GT2 (24EU)
Frequenza (Turbo) 100 MHz (850 MHz) 100 MHz (800 MHz) 100 MHz (800 MHz)
IMC DDR3 DDR3L/LPDDR3-1600 DDR3L/LPDDR3-1600 DDR3L/LPDDR3-1600
Dual Channel
Socket BGA BGA BGA
Processo Produttivo 14nm Tri-Gate 14nm Tri-Gate 14nm Tri-Gate
TDP (Configurabile) 4,5W 4,5W (4W) 4,5W
Istruzioni/SIMD MMX, SSE, SSE2, SSE3, SSSE3, SSE4,
AES, AVX, AVX2, F16C, FMA3, BMI,
BMI1, BMI2, EM64T, VT-x, VT-d
MMX, SSE, SSE2, SSE3, SSSE3, SSE4,
AES, AVX, AVX2, F16C, FMA3, BMI,
BMI1, BMI2, EM64T, VT-x, VT-d
MMX, SSE, SSE2, SSE3, SSSE3, SSE4,
AES, AVX, AVX2, F16C, FMA3, BMI,
BMI1, BMI2, EM64T, VT-x, VT-d

 

Interessante osservare, in ultimo, come Intel verso la fine dell'anno debba iniziare la produzione di un nuovo stepping di Broadwell, l'F, per i modelli della serie Y, dedicati al mercato degli Ultrabook e dei convertibili. È possibile che la casa di Santa Clara stia cercando di aumentare il più possibile le frequenze operative dei propri processori, rimanendo comunque entro un TDP accettabile, per mostrare come il passaggio da Haswell a Broadwell non sia del tutto inutile.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (12)   Commenta


A riscaldare l'attuale condizione climatica per nulla estiva che sta investendo la penisola italiana, colpita da forti raffiche di pioggia e vento, ci pensa l'instancabile azienda Taiwanese MediaTek, con la presentazione di un nuovo ed interessante SoC di fascia alta dotato di CPU octa-core a 64-bit.

 

mt6795 pres

 

Il suo nome è MT 6795 ed al suo interno integra appunto una CPU dotata di ben otto core operanti contemporaneamente alla frequenza di 2.2GHz, e utilizzanti probabilmente l'architettura Cortex-A53 (non è stato specificato nel comunicato stampa visionabile a questa pagina, Ndr.) come il fratello minore MT 6752, ufficializzato durante la fine del mese di Febbraio e destinato alla fascia media del mercato.

Non è stata specificata la iGPU abbinata (probabilmente si tratterà di una soluzione ARM MALI T7xx) ma MediaTek ci ha tenuto a specificare che tale SoC supporta le memorie RAM Dual-channel LPDDR3@933MHz, oltre a display con ris

MT 6795 supporta inoltre la riproduzione/registrazione di contenuti in formato H.265 Ultra HD (4K2K) oltre che H.264 & VP9, la connessione di rete LTE cat. 4 (150Mbps download/50Mbps upload), un parco connessioni completo (Wi-Fi 802.11ac/Bluetooth 4.0 LE/FM/GPS/Glonass/Beidou/ANT+) ed un sistema di ricarica wireless.

Il suo arrivo sul mercato è previsto a bordo di vari smartphone, i quali verranno commercializzati durante gli ultimi mesi dell'anno (2014). Rimaniamo in attesa di conoscere ulteriori dettagli e magari qualche risultato ottenuto nei benchmark più in voga del momento, che non esiteremo a riportarvi nel momento in cui saranno disponibili.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (3)   Commenta


Samsung ha da poco ufficializzato tramite web il Galaxy S5 Mini, il parente rimpicciolito del Galaxy S5 standard lanciato in quel di Febbraio durante la giornata di apertura del MWC 2014 di Barcellona.

S5 Mini appare tale e quale al fratello maggiore ma ovviamente in un formato ridotto - proprio come mostratoci dalle immagini trapelate di inizio Giugno - dalle dimensioni pari a 131.1 x 64.8 x 9.1mm per 120g peso, al fine di ospitare un display SuperAMOLED con diagonale da 4.5" e risoluzione 720p (326 PPI) protetto dal Gorilla Glass 3.

Confermata anche la dotazione hardware, infatti al suo interno vi sarà un SoC Exynos 3 Quad (Exynos 3470 - CPU quad-core Cortex-A7 @1.4GHz - iGPU Mali 400 MP4 @450MHz) capace di ottenere un punteggio pari a 18405 nel benchmark Antutu, coadiuvato da 1.5GB di memoria RAM e 16GB di memoria per spazio di archiviazione espandibili tramite microSDXC fino a 64GB.

s5mini pres

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una fotocamera posteriore con sensore da 8MPx più flash LED (registrazione video 1080p), una fotocamera anteriore da 2.1MPx, connessione di rete LTE, parco sensori e connessioni completo (Wi-Fi 802.11n, Bluetooth 4.0 LE, Infrarossi, NFC, GPS con supporto A-GPS e GLONASS), una batteria da 2100mAh e la distribuzione Android 4.4.2 KitKat con interfaccia TouchWiz ad amministrare il tutto.

Galaxy S5 Mini arriverà dalle nostre parti durante la metà del mese di Luglio - nelle colorazioni Charcoal Black, Shimmery White, Electric Blue e Copper Gold - ad un prezzo che si aggirerà tra i 429€ e 479€. É prevista anche una variante dual-SIM denominata S5 Mini Duos, della quale però non sono stati resi noti dettagli circa prezzo e data di commercializzazione.

Il suo target di mercato è ovviamente mirato ad occupare la fascia di prezzo dove è già presente il One Mini 2 di HTC ma, come abbiamo visto ieri con l'analisi effettuata durante la presentazione del G3 Mini, sarà difficile per questi dispositivi imporsi rispetto alla concorrenza - anche in casa con i precedenti modelli - fin quando lo street-price non scenderà di almeno 150€.

GALAXY S5 Mini - SPECIFICHE TECNICHE COMPLETE

s5mini spec

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (1)   Commenta


Nell'arco temporale di circa 18 mesi, l'azienda Giapponese Sony Mobile Communications è stata in grado di tirar fuori ben tre smartphone top di gamma ognuno dei quali non è risultato altro che una "semplice" evoluzione del precedente, sopratutto se prendiamo in esame gli ultimi due.

Ebbene dopo il primo Xperia Z (Gennaio 2013), passando per Xperia Z1 (Settembre 2013) ed Xperia Z2 (Febbraio 2014), ci troviamo da alcuni giorni a parlare del prossimo ed ipotetico Xperia Z3 le cui immagine trapelate mostrano ancora una volta l'ennesimo dispositivo del tutto simile ai modelli precedenti.

Ricordiamo che le immagini trapelate risultano non ufficiali ed in alcun modo confermate dal produttore ma, stanno facendo sorgere comunque molti dubbi sia tra appassionati che redattori.

Xperia-Z3 pres

La domanda che tutti si pongono noi compresi è la seguente: "se si tratta del prossimo Xperia Z3 (probabilmente immortalato in versione prototipale) cosa spinge Sony a presentarlo come nuovo terminale date le evidenti somiglianze con il precedente Z2?".

Difatti al livello estetico le differenze appaiono quasi nulle - giusto gli speaker frontali sembrano un tantino rimpiccioliti ed i fianchi dello chassis un po più arrotondati - e fanno la loro comparsa i soliti vani per l'alloggiamento di SIM Card e microSD, oltre che al medesimo sensore Exmor RS da 20.7MPx con G Lens presente nel layout posteriore.

Anche le dimensioni sembrano rimaste inalterate dato che in una immagine questo dispositivo viene messo a confronto con il vecchio Samsung Galaxy Note 1, la cui dimensione massima risulta pari a circa 146mm.

Per di più è stato allegato uno screenshoot delle impostazioni di sistema dove si evince chiaramente la presenza a bordo del SoC Qualcomm MSM8974-AC e della distribuzione KitKat 4.4.4 dell'OS Android.

É evidente come non vi sia alcuna miglioria degna di nota rispetto al modello precedente, sappiamo tutti che il SoC Qualcomm Snapdragon 801 è semplicemente una versione del "vecchio" Snapdragon 800 con frequenze di poco maggiorate tral'altro raggiungibili senza particolari problemi tramite custom kernel.

 

Xperia-Z3-versus-Galaxy-Note1

 

Ipotizzando una presentazione ufficiale durante i primi di Settembre, non avrebbe alcun senso lanciare un dispositivo del genere data la disponibilità del più potente SoC Qualcomm Snapdragon 805 ed a breve quella dei vari SoC a 64-bit di nuova generazione.

Ci auguriamo quindi di esser dinanzi ad un falso rumour o, di non essere a conoscenza di altri dettagli "fondamentali". Non mancheremo di aggiornarvi nel momento in cui saranno disponibili nuove informazioni.

FONTE - Androidworld.it 1,2 / VIA - XperiaBlog.net 1,2

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (1)   Commenta


LGG3BeatLeaked4A seguito della inaspettata presentazione del G2 Mini mostrato al pubblico durante la metà di Febbraio dopo oltre 7 mesi dal lancio del G2 standard, LG ha tolto ufficialmente i veli solo dopo 5 mesi al G3 Beat durante la fiera annuale in Cina al Tianyi Mobile Phone Trade Exhibition organizzata dall'operatore telefonico China Mobile.

Non sono state ancora divulgate le dimensioni di questo smartphone che dalle nostre parti verrà probabilmente presentato durante le prossime settimane sotto il nome di G3 Mini ma, dalle nostre misurazioni - poco attendibili data la natura dello scatto non esattamente parallelo al layout frontale dei dispositivi - gli ingombri massimi risultano pari a circa 132 x 66 mm.
 
Difatti di "mini" ci sarà ben poco perchè, oltre alle dimensioni vicine a quelle del Samsung Galaxy S4 ed LG G2 stesso, sarà utilizzato un display LCD IPS con diagonale pari a ben 5" seppur con risoluzione che raggiunge solo i 720p (circa 293 PPI).
 

LGG3BeatLeaked3

FONTE - HDBlog.it

Il resto delle caratteristiche tecniche rispecchia invece quanto ci si può aspettare da uno smartphone di fascia "media" ed ossia un modesto SoC Qualcomm Snapdragon 400 (CPU quad-core CortexA7 @1,2GHz ed iGPU Adreno 305) coadiuvato da 2GB di memoria RAM e 16GB di memoria per archiviazione dati, fotocamera posteriore da 8MPx con flash LED (anteriore da 2MPx), connessione di rete LTE (la versione presentata oggi offre anche il supporto dual-SIM), una batteria da 2540mAh e la distribuzione di Android 4.4 KitKat - con interfaccia proprietaria Optimus UI - ad amministrare il tutto. 

Si tratta di un dispositivo "interessante" caratterizzato da un design elegante e ricercato ma dotato di hardware ormai "anziano", prossimamente venduto in Cina per 2500 Yuan che probabilmente si tramuteranno in una cifra vicina ai 399€ dalle nostre parti.

Ha senso un dispositivo del genere proposto a questo prezzo - che difatti non è "ne carne ne pesce" - quando sul mercato sono presenti dispositivi della stessa casa come il Nexus 5 (leggi qui la nostra recensione) ed il "vecchio" G2 che si possono acquistare su vari store online per rispettivamente 279€ e 329€?

Ovviamente no, Ndr.

Categoria: Tablet & Smartphone
Commenti (4)   Commenta


Pagina 1 di 68

Contenuti correlati

  • Dallo stesso autore
  • Dalla stesso categoria
  • Ultime notizie

Ultime dal forum

Quotazioni

Loading
Chart
o Advanced Micro Devices 3.80 ▲0.03 (0.66%)
o Intel Corp. 34.82 ▲0.75 (2.22%)
o ARM Holdings 45.66 ▲3.09 (7.26%)
o NVIDIA Corp. 18.57 ▲0.02 (0.11%)
o Microsoft Corp. 44.77 ▼0.06 (-0.14%)
o Texas Instruments 49.10 ▼0.07 (-0.15%)
o Apple Inc. 94.69 ▲0.75 (0.80%)
NYSE:AMD

Advanced Micro Devices

Company ID [NYSE:AMD] Last trade:3.80 Trade time:3:31PM EDT Value change:▲0.03 (0.66%)
NASDAQ:INTC

Intel Corp.

Company ID [NASDAQ:INTC] Last trade:34.82 Trade time:3:31PM EDT Value change:▲0.75 (2.22%)
NASDAQ:ARMH

ARM Holdings

Company ID [NASDAQ:ARMH] Last trade:45.66 Trade time:3:30PM EDT Value change:▲3.09 (7.26%)
NASDAQ:NVDA

NVIDIA Corp.

Company ID [NASDAQ:NVDA] Last trade:18.57 Trade time:3:31PM EDT Value change:▲0.02 (0.11%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft Corp.

Company ID [NASDAQ:MSFT] Last trade:44.77 Trade time:3:31PM EDT Value change:▼0.06 (-0.14%)
NASDAQ:TXN

Texas Instruments

Company ID [NASDAQ:TXN] Last trade:49.10 Trade time:3:31PM EDT Value change:▼0.07 (-0.15%)
NASDAQ:AAPL

Apple Inc.

Company ID [NASDAQ:AAPL] Last trade:94.69 Trade time:3:31PM EDT Value change:▲0.75 (0.80%)

Newsletter



Ricevi HTML?