Skin ADV
Text Size

htc-aero-global-product-logo-pob-lgHTC ha finalmente tolto i veli a quello che dovrebbe essere il terminale realizzato appositamente per risollevarsi dalla crisi in cui versa, a seguito del "deludente" ed attuale top di gamma One M9(fin troppo "uguale" ai suoi predecessori, Ndr.).

One A9, a differenza di quest'ultimo, "ammicca" soltanto alla fascia alta del mercato, anche perchè alcune delle sue componenti non ne potrebbero mai far parte.

Per questo nuovo dispositivo, HTC ha puntato nuovamente ad una scocca di tipo unibody realizzata in metallo - con finitura Metalmorphics e diverse colorazioni - avente dimensioni pari a 145.75*70.8*7.26 per 143g di peso, dal design "ibrido", il quale risulta una fusione tra lo stile di One M9 e le curve degli iPhone 6/6S di Apple.

A far da padrone sul layout frontale è senz'altro il display AMOLED con diagonale da 5" e risoluzione 1080p (≈440 PPI) di tipo 2.5D e protetto dal Gorilla Glass 4.

Questo viene animato dal rinfrescato SoC Qualcomm Snapdragon 617, ricordiamo dotato di una CPU con architettura big.LITTLE (4*1.5GHz+4*1.2GHz Cortex-A53) ed iGPU Adreno 405, coadiuvato da 2GB/3GB di memoria RAM LPDDR3 e 16GB/32GB di memoria interna per archiviazione, espandibile tramite microSDXC fino a 2TB, a seconda della variante.

    htc-aero-global-carbon-gray-phone-listinghtc-aero-global-garnet-red-phone-listinghtc-aero-global-opal-silver-phone-listing

• HTC One A9, le diverse colorazioni disponibili al lancio.

Completano la dotazione hardware una fotocamera posteriore con sensore BSI da 13MPx coadiuvato da flash LED ed OIS, un sensore anteriore di tipo UltraPixel, un sensore d'impronte posizionato sul layout frontale insieme ad un singolo speaker (addio Boomsound!), connessione di rete 4G/LTE Cat.7 (supporto nanoSIM), sistema di posizionamento GPS+GLONASS e parco sensori completo.

Non mancano le connessioni WiFi 802.11 ac MIMO e Bluetooth 4.1, sezione audio particolarmente curata con tanto di convertitore DAC a 24-bit e supporto a cuffie con alta impedenza, supporto ai diversi sistemi di pagamento touchless tramite NFC ed infine la distribuzione Android 6.0 Marshmallow ad amministrare il tutto, naturalmente caratterizzata dall'interfaccia proprietaria Sense 7. L'unica cosa che "stona" è senz'altro la batteria, dalla capacità di soli 2150mAh (al momento compatibile con il sistema di ricarica Quick Charge 2.0).

HTC One A9 è al momento pre-ordinabile tramite il portale web internazionale al prezzo speciale di 399$, destinato quindi ad aumentare, e sarà disponibile all'acquisto tramite diversi operatori telefonici, sempre limitati agli Stati Uniti, a partire dal mese di Novembre. Non è chiaro quando e come sarà disponibile in Italia, né quale sarà il prezzo. Di certo, per riscuotere un discreto successo, questo non dovrebbe superare i 450€.

Maggiori informazioni su One A9 sono disponibili sul portale ufficiale di HTC, a questa pagina .

 SPECIFICHE TECNICHE COMPLETE

htc one a9 spec

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


A seguito di una innumerevole serie di rumour ed informazioni/immagini trapelate, il primo smartphone basato sulla distribuzione Android 5.1.1 Lollipop di BlackBerry è ormai realtà.

"Ufficializzato" per mezzo del primo video-spot ufficiale, al momento reso offline dal produttore, Priv si appresta a fare il suo debutto per l'ormai prossimo 6 Novembre, tentando di riconquistare il cuore degli utenti rimasti delusi dal lancio dei precedenti - ed oramai vetusti  - Z10 e Z30.

Qualora le caratteristiche tecniche trapelate fossero reali, questo nuovo smartphone ha tutte le carte in regola per affrontare la fascia alta del mercato. In fondo, un display da 5.4" - ricurvo su entrambi i bordi come per il Galaxy S6 Edge - con risoluzione 1440p, animato dal SoC Qualcomm Snapdragon 808 ed abbinato ad una tastiera fisica estraibile tramite scorrimento potrebbe fare gola a molti.

Il tutto naturalmente supportato dalla classica suite del produttore, dove le parole d'ordine sono "sicurezza" e "privacy" (ad esempio, gli applicativi WatchDox per il file sharing privato, SecuSUITE per le chiamate private e BBM Meetings per le conference private).

L'unica nota dolente sembrerebbe il prezzo (si parla di 579£, ergo circa 791€ secondo il cambio attuale), ma per dirlo non possiamo fare altro che attenderne il lancio ufficiale.

bb priv logo

FONTE - Androidworld.it 1, 2

Salvo eventuali - ma sopratutto difficili - sorprese, queste dovrebbero essere le caratteristiche tecniche di Blackberry Priv:

    • Display - 5,4” QHD AMOLED (2560*1440p/≈544 PPI) dual-edge
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 808
    • RAM - 3 GB
    • Memoria interna - 32 GB (espandibile tramite microSDXC fino a 1 TB)
    • Fotocamera posteriore - 18MPx con dual LED flash
    • Fotocamera frontale - 2MPx
    • Connettività - LTE, Wi-Fi, Bluetooth, GPS, nano SIM
    • Batteria - 3.410 mAh
    • Dimensioni - 147 (184 aperto) x 77,2 x 9,4 mm
    • Peso - 192 grammi

Cosa ve ne pare di questo BlackBerry Priv? Delusi o sopresi? Lo acquistereste? Fateci sapere la vostra opinione!

Maggiori informazioni saranno disponibili sul sito ufficiale del produttore, a questa pagina.

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


Il  nuovo tablet entry level di Amazon si sta rivelando un vero e proprio best seller, merito soprattutto dell'aggressivo prezzo di commercializzazione, unito all'eccellente servizio post vendita del gigante statunitense, come afferma David Limp, Amazon Senior VP: “Amazon’s devices are not just gadgets, but are portals to the company’s online stores. We want to give premium products at non-premium prices”.

 

 

Le code di consegna, a causa degli incredibili ordinativi, si sono allungate a dismisura, e le tempistiche hanno già raggiunto le tre settimane: “Amazon said it is already struggling to cope with the higher-than-expected demand, and as the tablet began shipping Wednesday, delivery times have stretched out to three weeks and are likely to get longer in the short term”.

Come per tutti i prodotti di Amazon (a parte l'ormai deceduto Fire Phone), anche in questo caso si tratta di un terminale venduto quasi a prezzo di costo, in quanto i veri utili saranno realizzati attraverso la vendita dei servizi (Cloud, Kindle, ecc): “Like Amazon’s approach to all its devices -- including the Kindle and Fire TV -- the Fire tablet will be sold at close to cost. Amazon will be looking to make its money from selling content through its online book, film and music stores”.

In ultimo, va notato come Amazon, per spingere ancora di più le vendite del terminale, abbia creato la promozione “Make it a six pack”, attraverso cui si possono acquistare 6 tablet Fire al prezzo di 5 (La promozione è attiva anche in Italia). Un Fire verrebbe così a costare 50 Euro, invece che i canonici 60. A tal proposito, Devlin, analista presso la Futuresource Consulting, ha affermato: “The Amazon brand is very strong and combined with its reach and distribution capabilities this enables it to position its products at a very attractive price point”. Devlin ha quindi concluso che questo prezzo rende appetibile il prodotto anche per quelle persone soggette allo shopping compulsivo (non si deve essere necessariamente malati per soffrirne) ma che non hanno le risorse finanziarie per prodotti troppo costosi.

Categoria: Mobile
Commenti (1)   Commenta


Il tutto è partito dalla recensione del più grande portale IT cinese, MyDrivers.com, il quale ha testato l'iPhone 6S in entrambe le “versioni”, quella equipaggiata con il SoC A9 prodotto da TSMC a 16nm e con il SoC A9 prodotto da Samsung a 14nm.

 

 

I test, condotti con il SO iOS aggiornato alla versione 9.0.2, hanno dimostrato come il SoC di TSMC imponga sia un consumo energetico minore, garantendo un'autonomia del 20% migliore rispetto all'iPhone equipaggiato con SoC Samsung, sia delle temperature d'esercizio più contenute: 37,4° per il TSMC, 40,5° per il Samsung. Non solo! Poiché il SoC prodotto da TSMC è meno soggetto al throttling per vie delle temperature più basse, questo garantisce prestazioni leggermente migliori (circa lo 0,5%).

Su Reddit, a seguito di questo articolo, si è accesa una discussione seguita da un gran numero di utenti, i quali stanno contribuendo molto attivamente (postando benchmark, opinioni sui propri iPhone 6S, ecc). Uno di questi, ad esempio, possedendo entrambi i modelli, ha postato i benchmark relativi all'autonomia: l'iPhone 6S dotato di SoC TSMC garantisce quasi 8 ore di autonomia, contro le poco più di 6 ore di quello dotato di SoC Samsung.

 

 

Se questo trend dovesse confermarsi nel lungo periodo, si dovrà ammettere apertamente che TSMC possiede il miglior nodo FinFET tra le fonderie PurePlay. I 16nm FinFET di TSMC sono meno densi dei 14nm Samsung, ma nonostante ciò garantiscono consumi (e quindi temperature) migliori (d'altra parte, da molto tempo, girano voci sui problemi di affinamento da parte di Samsung relativamente ai 14nm). Questo permetterà ai clienti di TSMC, implicitamente, di poter garantire frequenze di funzionamento più elevate, e forse proprio con queste motivazioni in testa AMD potrebbe realizzare le CPU Zen sui 16nm FinFET.

Per quanto riguarda gli iPhone 6S, poiché entrambi i SoC garantiscono le prestazioni minime garantire da Apple (sia in termini di velocità, sia di autonomia), gli utenti non avranno appigli per poter richiedere la sostituzione del proprio smartphone. Chi riceverà un iPhone 6S dotato di SoC TSMC, sarà semplicemente un poco più fortunato degli altri.

Categoria: Mobile
Commenti (10)   Commenta


Qualche tempo fa avevamo scritto come Apple si apprestasse a sfruttare il proprio marchio, e l'aura di esclusività che permea i propri prodotti, per garantirsi una posizione predominante nel nascente mercato della Domotica, il quale si preannuncia, almeno inizialmente, destinato a pochi e danarosi utilizzatori (= alti profitti).

 

 

Proprio per questo l'azienda di Cupertino ha avviato il programma HomeKit, il quale permetterà a qualunque produttore terzo di interfacciarsi con i propri prodotti, al fine di creare una casa Apple-centrica. Tali produttori, però, saranno costretti a pagare sostanziose royalties per godere di tale privilegio.

MediaTek comprendendo che Apple potrebbe fare la parte del leone in questo settore, non vuole perdere tempo ed ha rilasciato due SDK dedicati a due SoC largamente utilizzati: l'MT7688, utilizzato in speaker Wi-Fi e BT, webcam, et similia, e l'MT7687 utilizzato per controllare le porte di garage e cancelli automatizzati, termostati ed altro.

Vedremo se qualche altra casa si unirà a MediaTek e darà supporto alla strategia di Apple.

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


Dopo aver presentato i nuovi Lumia 950 e 950 XL di fascia alta, oltre a meravigliare il pubblico per mezzo dei nuovi Surface Pro 4 e Surface Book, Microsoft ha finalmente aggiornato la pagina online dedicata al modesto ma interessante Lumia 550, del quale ne aveva solo fatto qualche cenno, svelandone ora le caratteristiche tecniche complete.

Per quanto riguarda il design, questo nuovo modello conferma quanto visto in passato con il Lumia 540; la scocca in plastica, disponibile nella colorazione bianca e nera, presenta misure pari a 136.1*67.8*9.9mm per 141.9 gr di peso complessivo. Il display prescelto da Microsoft per la fascia mainstream, ha una diagonale da 4.7" ed utilizza un pannello LCD TrueColor avente risoluzione 720p (315 PPI).

Lumia-550-pres

Per quanto riguarda il SoC, il colosso Americano ha optato nuovamente per una soluzione Qualcomm di fascia bassa, ma non c'è da preoccuparsi, in quanto Microsoft ha già ampiamente dimostrato che Windows Phone è utilizzabile con SoC anche meno potenti (senza considerare la "leggerezza" del nuovo Windows 10 presente a bordo, Ndr.).

Per la precisione stiamo parlando di uno Snapdragon 210, dotato di una CPU quad-core Cortex-A7 operante a 1.10GHz ed iGPU Adreno 304, coadiuvato da 1GB di memoria RAM (non sappiamo se LPDDR2 o LPDDR3 in quanto entrambe supportate dal SoC e non meglio specificato, Ndr) ed 8GB di memoria interna, espandibile tramite microSDXC fino a 200GB.

lumia 550 spec

Non manca una fotocamera posteriore con sensore da 5MPx coadiuvata da flash LED (registrazione video 720p a 30FPS) ed una anteriore con sensore da 2MPx, connettività di rete 4G/LTE cat.4 (150/50mbps - slot per nanoSIM), connessioni WiFi 802.11 b/g/n e Bluetooth 4.1, sistema di posizionamento A-GPS/A-GLONASS, sensore di luminosità/prossimità/accellerometro ed infine una batteria da 2100mAh.

Al momento non è chiaro quando ed a quanto verrà commercializzato nel nostro paese, ma negli USA sarà disponibile dal mese di Dicembre al prezzo di 139$; davvero niente male per uno smartphone che potrebbe essere venduto per 139€, ed addirittura meno a qualche settimana dal lancio, potremo azzardare che non gli manca davvero nulla.

Maggiori informazioni sul Lumia 550 sono disponibili sul sito ufficiale, al momento solo in lingua inglese, a questa pagina.

Lumia-550-Gallery-2-jpg

Categoria: Mobile
Commenti (3)   Commenta


Gli sforzi fino ad oggi compiuti da Intel per sfondare nel mercato Mobile sono costati parecchio in termini monetari, in quanto la casa di Santa Clara ha offerto uno sconto pari al 66% circa sul prezzo di listino dei Soc Bay Trail (Contra Revenue). Questo ha permesso ai produttori di Tablet di portarsi a casa un discreto SoC per circa 3/4$, contro i 12$ di base, ed ad Intel di dilagare nel mercato dei Tablet di fascia bassa.

 

 

Per il 2015, Intel ha però deciso di cambiare tattica diminuendo notevolmente gli sconti dei propri SoC, al fine di evitare il bagno di sangue dei due anni precendenti, durante i quali si è assistito ad una perdita di oltre un miliardo di dollari a trimestre. Con Cherry Trail, infatti, Intel sta giocando una partita meno aggressiva, portando lo sconto ad appena il 30%, così da allineare il prezzo di listino di questo (15$) a quello di Bay Trail (a fine vita commerciale), cioè 12$. La dirigenza spera che i produttori di Tablet scelgano Cherry Trail, al posto di Bay Trail, per equipaggiare i propri Tablet, visto che sono venduti al medesimo prezzo, ma per il momento tale cambio di rotta non sembra pagare: secondo alcune voci di corridoio, moltissimi produttori si stanno spostando verso i SoC ARM di MediaTek, RockChip ed altre case, molto più economici (sui 5$) e dalle prestazioni tutto sommato più che adeguate per Tablet di fascia entry level.

Per il momento, comunque, statistiche precise sulle vendite dei SoC Cherry Trail non si hanno, quindi sapremo solo ad inizio 2016 se Intel avrà saputo mantenere la leadership nel mercato dei Tablet Android anche senza Contra Revenue, leadership che, come abbiamo già detto, si è conquistata nell'arco di due lunghi anni e con grandi sacrifici finanziari.

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


Non solo smartphone e phablet per Microsoft durante la presentazione di questo pomeriggio, arrivano anche un tablet e, addirittura, un dispositivo ibrido convertibile con a bordo il nuovo OS Windows 10.

Diamo quindi il benvenuto al Surface Pro 4, successore del precedentemente apprezzato Surface Pro 3, ed all'innovativo Surface Book, concorrente diretto dei MacBook Pro di Apple e Pixel C di Google, che ha sorpreso davvero tutti i presenti, e non, all'evento.

2015 microsoft

Surface Pro 4 riprende appieno quanto visto con il precedente modello e lo migliora, diciamo, in tutto. Lo chassis in lega di magnesio misura questa volta 292.10*201.42*8.45mm, per 766g oppure 786g di peso, a seconda della variante, ed ospita un display con diagonale da 12.3" e tecnologia PixelTouch, avente risoluzione pari a 2736 x 1824 Pixel (267 PPI, fattore di forma 3:2, multitouch a 10 tocchi).

Le varianti a disposizione offriranno le CPU Intel di sesta generazione conosciute come "Skylake", e di conseguenza a bordo vi saranno le iGPU HD Graphics 515/520 oppure Iris Pro.

Presente una fotocamera posteriore con sensore da 8MPx e webcam frontale da 5MPx, porta USB 3.0 full-size, lettore microSD card, uscita video mini-DisplayPort ed altoparlanti stereo con tecnologia Dolby. Non mancano le connessioni Wi-Fi 802.11 ac e Bluetooth 4.0, diversi sensori (luminosità/accellerometro/giroscopio) ed una batteria dalla capacità sconosciuta ma dichiarata per 9 ore di autonomia.

Per quanto riguarda l'Italia si parla di prezzi a partire da 1029€, ma non sappiamo in quale configurazione, mentre negli USA invece la vendita sarà così organizzata:

    • Intel Core m3 / iGPU HD Graphics 515 / 4 GB RAM / 128 GB SSD - 899$
    • Intel Core i5 / iGPU HD Graphics 520 / 4 GB RAM / 128 GB SSD - 999$
    • Intel Core i5 / iGPU HD Graphics 520 / 8 GB RAM / 256 GB SSD - 1299$
    • Intel Core i5 / iGPU HD Graphics 520 / 16 GB RAM / 256 GB SSD - 1499$
    • Intel Core i7 / iGPU Iris / 16 GB RAM / 1 TB SSD - 2699$

Questi i prezzi in Italia, con le configurazioni Core m3 in vendita a partire dal 19 Novembre e le restanti dal giorno successivo:

    • Intel Core m3 / iGPU HD Graphics 515 / 4 GB RAM / 128 GB SSD - 1029€
    • Intel Core i5 / iGPU HD Graphics 520 / 4 GB RAM / 128 GB SSD - 1129€
    • Intel Core i5 / iGPU HD Graphics 520 / 8 GB RAM / 256 GB SSD - 1499€
    • Intel Core i5 / iGPU HD Graphics 520 / 16 GB RAM / 256 GB SSD - 1839€
    • Intel Core i7 / iGPU Iris / 16 GB RAM / 512GB SSD - 2049€
    • Intel Core i7 / iGPU Iris / 16 GB RAM / 1 TB SSD - 2499€

Naturalmente, la rinnovata Type Cover verrà venduta separatamente (149€) mentre la Surface Pen sarà integrata nella confezione. Maggiori informazioni sul nuovo Surface Pro 4 sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

surface pro 4-pres

La novità inaspettata è senz'altro il nuovo Surface Book, una sorta di tablet convertibile 2-in-1 che si aggancia ad una tastiera retroilluminata, la quale contiene, inoltre, a seconda della variante, una GPU dedicata realizzata da Nvidia (del quale sfortunatamente non ne conosciamo i dettagli) con memorie di tipo GDDR5

Anche in questo caso lo chassis è realizzato in lega di magnesio, che misura 312.3*232.1*13.0/22.8mm, per 1.5kg di peso complessivo, oppure 760g per il solo tablet. Ospita un display con diagonale da 13.5" e tecnologia PixelTouch, avente risoluzione pari a 3000 x 2000 Pixel (267 PPI, fattore di forma 3:2, multitouch a 10 tocchi).

Presenti anche qui una fotocamera posteriore con sensore da 8MPx e webcam frontale da 5MPx, due porte USB 3.0 full-size, lettore microSD card, uscita video mini-DisplayPort ed altoparlanti stereo con tecnologia Dolby. Non mancano le connessioni Wi-Fi 802.11 ac e Bluetooth 4.0, diversi sensori (luminosità/accellerometro/giroscopio/magnetometro) ed una batteria dalla capacità sconosciuta ma dichiarata per 12 ore di autonomia.

Per quanto riguarda l'Italia non sappiamo ancora né quando, né a quanto verrà commercializzato. Negli USA invece la vendita sarà così organizzata:

    • Intel Core i5 / iGPU Intel HD Graphics 520 / 8 GB RAM / 128 GB SSD - 1499$
    • Intel Core i5 / iGPU Intel HD Graphics 520 / 8 GB RAM / 256 GB SSD - 1699$
    • Intel Core i5 / GPU Nvidia / 8 GB RAM / 256 GB SSD - 1899$
    • Intel Core i7 / GPU Nvidia / 8 GB RAM / 256 GB SSD - 2099$
    • Intel Core i7 / GPU Nvidia / 16 GB RAM / 512 GB SSD - 2699$

Maggiori informazioni sul nuovo Surface Book sono disponibili sul sito ufficiale, al momento esclusivamente in lingua Inglese, a questa pagina.

surface book-pres

 

Di seguito il video di presentazione del nuovo Surface Pro 4:

 

Questo invece il video di presentazione del nuovo ed innovativo Surface Book:

Categoria: Mobile
Commenti (19)   Commenta


new google pixel c pressCome già riportato nella notizia riguardante la presentazione dei nuovi Nexus 5X e Nexus 6P di Google, i rumor ci avevano preso in pieno ma - stranamente - nessuno di questi aveva mai "parlato" di un nuovo tablet in arrivo.

L'ultimo di cui abbiamo sentito parlare è difatti il Nexus 9, prodotto da HTC ed annunciato lo scorso anno - più o meno di questo periodo - insieme all'originale Nexus 6.

Andrew Bowers, Direttore Product Management di Google, è letteralmente piombato sul palco durante le battute finali della presentazione ed ha mostrato l'inedito Pixel C, un tablet convertibile 2-in-1 (con tastiera bluetooth venduta separatamente ad aggancio magnetico, la cui batteria si ricarica automaticamente tramite il tablet stesso), a quanto pare non appartenente alla serie Nexus, bensì parente stretto della famiglia dei Chromebook.

Ciò nonostante, quale sistema operativo sarà anche qui utilizzato la nuova distribuzione Android 6.0 Marshmallow. Questo nuovo dispositivo, che nelle fattezze sembra esser fatto apposta per battagliare ad armi pari con il recente iPad Pro di Apple, e sopratutto con i Surface di Microsoft, presenta un display LCD IPS da 10.2" con risoluzione 2560*1800p (308 PPI / 500 nits) animato dal potente SoC Nvidia Tegra X1 (del quale ne avevamo letteralmente perso le tracce), coadiuvato da 3GB di memoria RAM LPDDR4.

google pixel c price

Il suo arrivo sarebbe previsto entro il periodo natalizio, con prezzi a partire da 499$ per la variante con 32GB di memoria interna, e fino a 599$ per quella dotata di 64GB; la tastiera bluetooth magnetica costerà invece 149$. Maggiori informazioni su Pixel C verranno rilasciate nelle settimane/mesi a venire.


UPDATE del 30/09 - Ore 11:45

I fortunati colleghi di The Verge, presenti all'evento a porte chiuse, sono riusciti a realizzare un piccolo video hands-on di questo inedito tablet:


Infine, Google ha presentato il Chromecast 2 ed il nuovo Chromecast Audio. Il primo non è altro che una revisione aggiornata del modello originale, ma dotato di un nuovo design, il quale mira a non affollare ulteriormente il retro degli attuali televisori grazie al cavo HDMI prolungato, una connessione WiFi a 5GHz ed a prestazioni migliorate. Il secondo, invece, non è altro che un dispositivo pensato per essere collegato ai vecchi dispositivi audio (come speaker o stereo "antiquati") e per ricevere i contenuti in streaming dallo smartphone.

Entrambi sono disponibili all'acquisto sin da subito anche in Italia (Chromecast 2 nelle colorazioni lime, nera e rossa, mentre Chromecast Audio solo nera) al prezzo di 39€, con spese di spedizione gratuite.

Maggiori informazioni su Chromecast 2 e Chromecast Audio sono disponibili sul Google Play Store in Italiano, a questa pagina .

new chromecast 2 2015 pres new chromecast audio 2015

new chromecast 2 2015 price

Categoria: Mobile
Commenti (5)   Commenta


Tramite l'evento dedicato, avuto luogo in quel di New York, Microsoft ha finalmente ufficializzato i nuovi smartphone Lumia 950 e 950 XL. Sul palco è stato mostrato di sfuggita anche il nuovo Lumia 550, del quale parleremo in una news dedicata non appena vi saranno informazioni più concrete.

Questi nuovi dispositivi rispecchiano totalmente le aspettative create dai rumour di fine Agosto, e naturalmente avranno a bordo sin dal lancio il nuovo OS Windows 10; durante la presentazione si è parlato anche della presenza di un nuovo sistema di "dissipazione a liquido", ma al momento non se ne conoscono i dettagli.

2015 microsoft

Inoltre, entrambi saranno capaci di gestire un display secondario (ci sembrerà di utilizzare l'OS come fosse nella versione desktop, grazie alla modalità "Windows Continuum") attraverso il nuovo modulo esterno Microsoft Display Dock, venduto separatamente.

microsoft display-dock-lumia 950 xl

Queste le specifiche tecniche del nuovo Lumia 950, in breve:

    • Display - 5.2" OLED WQHD (1440x2560)
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 808
    • RAM - 3GB LPDDR3
    • Archiviazione - 32GB espandibile tramite microSD
    • Fotocamera Posteriore - 20MPx PureView con triplo flash LED RGB
    • Fotocamera Frontale - 5MPx Wide-angle
    • Dimensioni - 145*73.2*8.2mm
    • Peso - 150g
    • Batteria - 3000 mAh removibile
    • Altro - ricarica wireless Qi tramite flip cover ed USB Type-C 3.1

lumia 950

Queste invece le specifiche tecniche del nuovo Lumia 950 XL, sempre in breve:

    • Display - 5.7" OLED WQHD (1440x2560)
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 810
    • RAM - 3GB LPDDR3
    • Archiviazione - 32GB espandibile tramite microSD
    • Fotocamera Posteriore - 20MPx PureView con triplo flash LED RGB
    • Fotocamera Frontale - 5MPx Wide-angle
    • Batteria - 3300 mAh removibile
    • Dimensioni - 151.9*79.4*8.1mm
    • Peso - 165g
    • Batteria - 3340 mAh removibile
    • Altro - ricarica wireless Qi tramite flip cover ed USB Type-C 3.1

lumia 950 xl

Possiamo dire con tranquillità che quest'anno, con questi dispositivi, Microsoft ha davvero mantenuto le aspettative, ed aspettiamo "i test su strada" per verificarne l'effettiva validità. Il loro debutto è previsto negli USA per il mese di Novembre al prezzo rispettivamente di 549$ e 649$, mentre in Italia verranno venduti nello stesso periodo ma al prezzo di 599€ e 699€.

Maggiori informazioni su Lumia 950 sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

Maggiori informazioni su Lumia 950 XL sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

Maggiori informazioni su Microsoft Display Dock sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

Di seguito il video ufficiale della presentazione:

Categoria: Mobile
Commenti (3)   Commenta


Tramite un evento tenutosi in quel di San Francisco per una ristretta cerchia di persone, ma fortunatamente trasmesso live su Youtube, Google ha finalmente presentato i due nuovi, e molto attesi, dispositivi Nexus, un'accoppiata che sembra arrivare giusto in tempo per fronteggiare i recenti iPhone 6S ed iPhone 6S Plus di Apple.

Proprio come indicavano i rumor, questa volta veritieri in tutto e per tutto, il nuovo Nexus 5X (successore dell'originale Nexus 5) è realizzato nuovamente da LG mentre il nuovo Nexus 6P (successore dell'originale Nexus 6 prodotto da Motorola) viene realizzato da Huawei. Entrambi avranno a bordo la nuova distribuzione Android 6.0 Marshmallow presentata alla fine di Maggio, la quale ricordiamo offre il supporto nativo ai sensori d'impronte ed il nuovo sistema di gestione energetico Doze, oltre alla gestione dei permessi per singola app ed il supporto completo per impostare le microSD come memoria "interna".

Questi nuovi dispositivi sono dotati di un sensore d'impronte "Nexus Imprint" presente sul layout posteriore, da sfruttare per lo sblocco/interazioni avanzate e per il sistema Android Pay, porta USB Type C, doppio speaker (sul lato corto per Nexus 5X mentre frontale per Nexus 6P), LED di notifica, SoC Qualcomm Snapdragon e vano per alloggiamento nano-SIM.

nexus 5x nexus 6p pres price

Entrambi sono disponibili in preordine negli USA - tramite il Google Play Store - già da ora, con prezzi a partire da 379$ per il Nexus 5X da 16GB e 499$ per il Nexus 6P da 32GB, ma al momento non è chiaro quando verranno realmente commercializzati, sopratutto in Italia.

Le specifiche tecniche complete sono allegate qui di seguito. Cosa ne pensate di questi nuovi Nexus? Delusi, sorpesi oppure avete visto quanto vi aspettavate?

Personalmente mi ritengo "soddisfatto" del nuovo Nexus 6P, Huawei sembra aver fatto davvero un gran bel lavoro, mentre mi aspettavo qualcosa in più dal Nexus 5X il quale, per carità decisamente valido, era ormai atteso da ben due anni e, nonostante il tempo trascorso, non sembra altro che una "revisione adattata ed aggiornata" dell'attuale LG G4.

New Nexus 5X by LG, le specifiche tecniche:

    • Display - 5,2” LCD IPS 1080p (423 PPI/Gorilla Glass 3)
    • Dimensioni - 147 x 72,6 x 7,9 mm
    • Peso - 136 grammi
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 808
    • RAM - 2 GB LPDDR3
    • Batteria - 2.700 mAh
    • Memoria interna - 16 / 32 GB non espandibile
    • Fotocamera posteriore - 12,3MPx (pixel 1,55 µm, f/2.0) laser autofocus, flash dual-LED e registrazione video 4K
    • Fotocamera frontale - 5MPx (pixel da 1,4 µm, f/2.2)
    • Colorazioni disponibili - bianco, menta e nero
    • OS - Android 6.0 Marshmallow

Maggiori informazioni su Nexus 5X by LG sono disponibili sul Google Play Store in Italiano, a questa pagina.

 

New Nexus 6P by Huawei, le specifiche tecniche:

    • Display - 5,7” 1440p AMOLED (515 PPI/Gorilla Glass 4)
    • Dimensioni - 159,4 x 77,8 x 7,3 mm
    • Peso - 178 grammi
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 810 v2.1
    • RAM - 3 GB LPDDR4
    • Batteria - 3450 mAh (Quich Charge 2.0)
    • Memoria interna - 32 GB / 64GB / 128GB non espandibile
    • Fotocamera posteriore - 12,3MPx (pixel 1,55 µm, f/2.0) laser autofocus, flash dual-LED e registrazione video 4K
    • Fotocamera frontale - 8MPx (pixel da 1,4 µm, f/2.2)
    • Colorazioni disponibili - alluminio, grafite, ghiaccio
    • OS - Android 6.0 Marshmallow

Maggiori informazioni su Nexus 6P by Huawei sono disponibili sul Google Play Store in Italiano, a questa pagina.

Categoria: Mobile
Commenti (5)   Commenta


Pagina 7 di 93

 
 

Friend links

Quotazioni

Loading
Chart
o Advanced Micro Devices 5.07 ▼0.07 (-1.36%)
o Intel Corp. 32.75 ▼0.05 (-0.15%)
o ARM Holdings 45.09 ▼0.42 (-0.92%)
o NVIDIA Corp. 46.66 ▼0.35 (-0.74%)
o Microsoft Corp. 51.16 ▼0.01 (-0.02%)
o Texas Instruments 62.11 ▼0.54 (-0.86%)
o Apple Inc. 95.89 ▲0.29 (0.30%)
NYSE:AMD

Advanced Micro Devices

Company ID [NYSE:AMD] Last trade:5.07 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.07 (-1.36%)
NASDAQ:INTC

Intel Corp.

Company ID [NASDAQ:INTC] Last trade:32.75 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.05 (-0.15%)
NASDAQ:ARMH

ARM Holdings

Company ID [NASDAQ:ARMH] Last trade:45.09 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.42 (-0.92%)
NASDAQ:NVDA

NVIDIA Corp.

Company ID [NASDAQ:NVDA] Last trade:46.66 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.35 (-0.74%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft Corp.

Company ID [NASDAQ:MSFT] Last trade:51.16 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.01 (-0.02%)
NASDAQ:TXN

Texas Instruments

Company ID [NASDAQ:TXN] Last trade:62.11 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.54 (-0.86%)
NASDAQ:AAPL

Apple Inc.

Company ID [NASDAQ:AAPL] Last trade:95.89 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.29 (0.30%)

Newsletter



Ricevi HTML?

Ultime dal forum



AMD Radeon RX 480 8GB, agile e scattante con Polaris 10 (67)
01/07/2016 19:03, Alessio89

[Waiting for] Nvidia Pascal GPU (439)
01/07/2016 17:11, Il nabbo di turno

suggerimento tabella quotazioni (0)
01/07/2016 16:51, kingchizz

[Waiting for] AMD GPU Polaris & Vega (ex-Arctic Islands) (678)
01/07/2016 16:04, Alessio89

Battlefield 1 (5)
01/07/2016 15:28, eXo

Buongiorno e buonasera (5047)
01/07/2016 15:22, eXo

AMD acquisisce la software house HiAlgo. Spieghiamo il perché (13)
01/07/2016 12:47, Alessio89