Skin ADV
Text Size

Qualche tempo fa avevamo scritto come Apple si apprestasse a sfruttare il proprio marchio, e l'aura di esclusività che permea i propri prodotti, per garantirsi una posizione predominante nel nascente mercato della Domotica, il quale si preannuncia, almeno inizialmente, destinato a pochi e danarosi utilizzatori (= alti profitti).

 

 

Proprio per questo l'azienda di Cupertino ha avviato il programma HomeKit, il quale permetterà a qualunque produttore terzo di interfacciarsi con i propri prodotti, al fine di creare una casa Apple-centrica. Tali produttori, però, saranno costretti a pagare sostanziose royalties per godere di tale privilegio.

MediaTek comprendendo che Apple potrebbe fare la parte del leone in questo settore, non vuole perdere tempo ed ha rilasciato due SDK dedicati a due SoC largamente utilizzati: l'MT7688, utilizzato in speaker Wi-Fi e BT, webcam, et similia, e l'MT7687 utilizzato per controllare le porte di garage e cancelli automatizzati, termostati ed altro.

Vedremo se qualche altra casa si unirà a MediaTek e darà supporto alla strategia di Apple.

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


Gli sforzi fino ad oggi compiuti da Intel per sfondare nel mercato Mobile sono costati parecchio in termini monetari, in quanto la casa di Santa Clara ha offerto uno sconto pari al 66% circa sul prezzo di listino dei Soc Bay Trail (Contra Revenue). Questo ha permesso ai produttori di Tablet di portarsi a casa un discreto SoC per circa 3/4$, contro i 12$ di base, ed ad Intel di dilagare nel mercato dei Tablet di fascia bassa.

 

 

Per il 2015, Intel ha però deciso di cambiare tattica diminuendo notevolmente gli sconti dei propri SoC, al fine di evitare il bagno di sangue dei due anni precendenti, durante i quali si è assistito ad una perdita di oltre un miliardo di dollari a trimestre. Con Cherry Trail, infatti, Intel sta giocando una partita meno aggressiva, portando lo sconto ad appena il 30%, così da allineare il prezzo di listino di questo (15$) a quello di Bay Trail (a fine vita commerciale), cioè 12$. La dirigenza spera che i produttori di Tablet scelgano Cherry Trail, al posto di Bay Trail, per equipaggiare i propri Tablet, visto che sono venduti al medesimo prezzo, ma per il momento tale cambio di rotta non sembra pagare: secondo alcune voci di corridoio, moltissimi produttori si stanno spostando verso i SoC ARM di MediaTek, RockChip ed altre case, molto più economici (sui 5$) e dalle prestazioni tutto sommato più che adeguate per Tablet di fascia entry level.

Per il momento, comunque, statistiche precise sulle vendite dei SoC Cherry Trail non si hanno, quindi sapremo solo ad inizio 2016 se Intel avrà saputo mantenere la leadership nel mercato dei Tablet Android anche senza Contra Revenue, leadership che, come abbiamo già detto, si è conquistata nell'arco di due lunghi anni e con grandi sacrifici finanziari.

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


meizu 5 pro presCon una mossa del tutto similare a quanto già visto con MX4 ed MX4 Pro, Meizu ha presentato quest'oggi la versione Pro del comunque recente e precedentemente apprezzato MX5.

Meizu Pro 5 non è altro che la versione "phablet" di MX5 (non che questo sia poi di tanto più piccolo, Ndr), dal quale eredita le linee ed il design, che ancora una volta fa pensare ad un mistro tra un Samsung Galaxy S6 sul frontale, un iPhone 6 o 6S per quanto riguarda i bordi ed infine un HTC One nel layout posteriore.

Lo chassis è nuovamente disponibile in più colorazioni e naturalmente cresce nelle dimensioni, questa volta pari a 156.7*78*7.5mm per 168g di peso (contro i precedenti 149.9*74.7*7.6 per 149g di peso), al fine di ospitare il nuovo display Super AMOLED con diagonale da 5.7" e risoluzione 1080p (387 PPI), una scelta voluta dall'azienda al fine di migliorare la resa della batteria e del SoC.

Per quanto riguarda quest'ultimo, al posto del precedente MediaTek Helio X10 è stato scelto il più conosciuto Exynos 7420 prodotto da Samsung a 14nm, ricordiamo dotato di CPU octa-core big.LITTLE (quad-core Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e quad-core  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) ed iGPU Mali T760-MP8, coadiuvato da 3GB di memoria RAM LPDDR4 e 32GB UFS 2.0 di spazio per archiviazione, oppure da 4GB RAM LPDDR4 e 64GB di spazio per archiviazione a seconda della variante, comunque espandibile tramite microSDXC.

meizu 5 pro spec

Completano la dotazione hardware una fotocamera posteriore con sensore da 21MPx coadiuvata da flash LED bitonale ed autofocus laser, una fotocamera anteriore con sensore da 5MPx, sensore d'impronte sul tasto frontale principale, porta USB Type-c, chip audio dedicato (OPA1612+ES9018) e connessione di rete 4G/LTE.

Non mancano le connessioni WiFi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.1 LE, NFC, parco sensori completo, sistema di posizionamento GPS/a-GPS/GLONASS, una batteria da 3050mAh dotata di sistema di ricarica rapida ed infine la ROM proprietaria Flyme OS 4.5 (basata su Android Lollipo 5.0, in arrivo la versione Flyme 5.0) a gestire il tutto.

Al momento non sono stati comunicati dettagli circa data e prezzo di commercializzazione.

Maggiori informazioni su Meizu Pro 5 sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

 

Categoria: Mobile
Commenti (2)   Commenta


new google pixel c pressCome già riportato nella notizia riguardante la presentazione dei nuovi Nexus 5X e Nexus 6P di Google, i rumor ci avevano preso in pieno ma - stranamente - nessuno di questi aveva mai "parlato" di un nuovo tablet in arrivo.

L'ultimo di cui abbiamo sentito parlare è difatti il Nexus 9, prodotto da HTC ed annunciato lo scorso anno - più o meno di questo periodo - insieme all'originale Nexus 6.

Andrew Bowers, Direttore Product Management di Google, è letteralmente piombato sul palco durante le battute finali della presentazione ed ha mostrato l'inedito Pixel C, un tablet convertibile 2-in-1 (con tastiera bluetooth venduta separatamente ad aggancio magnetico, la cui batteria si ricarica automaticamente tramite il tablet stesso), a quanto pare non appartenente alla serie Nexus, bensì parente stretto della famiglia dei Chromebook.

Ciò nonostante, quale sistema operativo sarà anche qui utilizzato la nuova distribuzione Android 6.0 Marshmallow. Questo nuovo dispositivo, che nelle fattezze sembra esser fatto apposta per battagliare ad armi pari con il recente iPad Pro di Apple, e sopratutto con i Surface di Microsoft, presenta un display LCD IPS da 10.2" con risoluzione 2560*1800p (308 PPI / 500 nits) animato dal potente SoC Nvidia Tegra X1 (del quale ne avevamo letteralmente perso le tracce), coadiuvato da 3GB di memoria RAM LPDDR4.

google pixel c price

Il suo arrivo sarebbe previsto entro il periodo natalizio, con prezzi a partire da 499$ per la variante con 32GB di memoria interna, e fino a 599$ per quella dotata di 64GB; la tastiera bluetooth magnetica costerà invece 149$. Maggiori informazioni su Pixel C verranno rilasciate nelle settimane/mesi a venire.


UPDATE del 30/09 - Ore 11:45

I fortunati colleghi di The Verge, presenti all'evento a porte chiuse, sono riusciti a realizzare un piccolo video hands-on di questo inedito tablet:


Infine, Google ha presentato il Chromecast 2 ed il nuovo Chromecast Audio. Il primo non è altro che una revisione aggiornata del modello originale, ma dotato di un nuovo design, il quale mira a non affollare ulteriormente il retro degli attuali televisori grazie al cavo HDMI prolungato, una connessione WiFi a 5GHz ed a prestazioni migliorate. Il secondo, invece, non è altro che un dispositivo pensato per essere collegato ai vecchi dispositivi audio (come speaker o stereo "antiquati") e per ricevere i contenuti in streaming dallo smartphone.

Entrambi sono disponibili all'acquisto sin da subito anche in Italia (Chromecast 2 nelle colorazioni lime, nera e rossa, mentre Chromecast Audio solo nera) al prezzo di 39€, con spese di spedizione gratuite.

Maggiori informazioni su Chromecast 2 e Chromecast Audio sono disponibili sul Google Play Store in Italiano, a questa pagina .

new chromecast 2 2015 pres new chromecast audio 2015

new chromecast 2 2015 price

Categoria: Mobile
Commenti (5)   Commenta


mi 4c presA poco più di un anno di distanza dal rilascio dell'originale Mi 4, Xiaomi ha finalmente presentato il suo successore - e quindi nuovo top di gamma - Mi 4c.

Questo nuovo dispositivo abbandona il design del precedente modello, il quale ricordava molto da vicino alcuni Lumia nel layout posteriore, per far spazio ad una scocca unibody realizzata in policarbonato, avente dimensioni pari a 138.1*69.6*7.8vmm per 132g di peso, con il bordo destro dotato di tecnologia Edge Tap (ossia con supporto al tocco).

Il display prescelto rimane ancora una volta il classico pannello da 5" con risoluzione 1080p (440 PPI, prodotto da Sharp, AUO oppure LG), così come il sensore della fotocamera posteriore risulta ancora da 13MPx (Sony IMX258 oppure Samsung S5K3M2 ISEOCELL), coadiuvato da un flash LED bitonale; la fotocamera anteriore è dotata di un sensore grandangolare da 5MPx.

Per quanto riguarda il SoC, Xiaomi resta fedele a Qualcomm per i suoi dispositivi di fascia alta e "copia" il G4 di LG utilizzando il discreto Snapdragon 808, coadiuvato in questo caso da 2GB/3GB di memoria RAM LPDDR3 e 16GB/32GB di memoria interna - a quanto pare non espandibile - a seconda della variante.

mi 4c spec

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una batteria da 3080mAh dotata di tecnologia Quick Charhe 2.0, supporto dual-SIM (non è chiaro se "micro" o "nano") e connessione di rete 4G/LTE, porta USB Type-C e la nuova ROM proprietaria MIUI V7, basata su Android Lollipop 5.1 ed ufficializzata a fine Agosto, ad amministrare il tutto.

Mi 4c sarà disponibile all'acquisto già da oggi sul sito mi.com al prezzo di 1299/1499 Yuan (circa 185/210€ al cambio attuale) nelle colorazioni bianco, nero, giallo, celeste e rosa; non sappiamo ancora quando sarà disponibile sullo store Xiaomi Italia.

Maggiori informazioni sul Mi 4c di Xiaomi sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

Categoria: Mobile
Commenti (1)   Commenta


Tramite un evento tenutosi in quel di San Francisco per una ristretta cerchia di persone, ma fortunatamente trasmesso live su Youtube, Google ha finalmente presentato i due nuovi, e molto attesi, dispositivi Nexus, un'accoppiata che sembra arrivare giusto in tempo per fronteggiare i recenti iPhone 6S ed iPhone 6S Plus di Apple.

Proprio come indicavano i rumor, questa volta veritieri in tutto e per tutto, il nuovo Nexus 5X (successore dell'originale Nexus 5) è realizzato nuovamente da LG mentre il nuovo Nexus 6P (successore dell'originale Nexus 6 prodotto da Motorola) viene realizzato da Huawei. Entrambi avranno a bordo la nuova distribuzione Android 6.0 Marshmallow presentata alla fine di Maggio, la quale ricordiamo offre il supporto nativo ai sensori d'impronte ed il nuovo sistema di gestione energetico Doze, oltre alla gestione dei permessi per singola app ed il supporto completo per impostare le microSD come memoria "interna".

Questi nuovi dispositivi sono dotati di un sensore d'impronte "Nexus Imprint" presente sul layout posteriore, da sfruttare per lo sblocco/interazioni avanzate e per il sistema Android Pay, porta USB Type C, doppio speaker (sul lato corto per Nexus 5X mentre frontale per Nexus 6P), LED di notifica, SoC Qualcomm Snapdragon e vano per alloggiamento nano-SIM.

nexus 5x nexus 6p pres price

Entrambi sono disponibili in preordine negli USA - tramite il Google Play Store - già da ora, con prezzi a partire da 379$ per il Nexus 5X da 16GB e 499$ per il Nexus 6P da 32GB, ma al momento non è chiaro quando verranno realmente commercializzati, sopratutto in Italia.

Le specifiche tecniche complete sono allegate qui di seguito. Cosa ne pensate di questi nuovi Nexus? Delusi, sorpesi oppure avete visto quanto vi aspettavate?

Personalmente mi ritengo "soddisfatto" del nuovo Nexus 6P, Huawei sembra aver fatto davvero un gran bel lavoro, mentre mi aspettavo qualcosa in più dal Nexus 5X il quale, per carità decisamente valido, era ormai atteso da ben due anni e, nonostante il tempo trascorso, non sembra altro che una "revisione adattata ed aggiornata" dell'attuale LG G4.

New Nexus 5X by LG, le specifiche tecniche:

    • Display - 5,2” LCD IPS 1080p (423 PPI/Gorilla Glass 3)
    • Dimensioni - 147 x 72,6 x 7,9 mm
    • Peso - 136 grammi
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 808
    • RAM - 2 GB LPDDR3
    • Batteria - 2.700 mAh
    • Memoria interna - 16 / 32 GB non espandibile
    • Fotocamera posteriore - 12,3MPx (pixel 1,55 µm, f/2.0) laser autofocus, flash dual-LED e registrazione video 4K
    • Fotocamera frontale - 5MPx (pixel da 1,4 µm, f/2.2)
    • Colorazioni disponibili - bianco, menta e nero
    • OS - Android 6.0 Marshmallow

Maggiori informazioni su Nexus 5X by LG sono disponibili sul Google Play Store in Italiano, a questa pagina.

 

New Nexus 6P by Huawei, le specifiche tecniche:

    • Display - 5,7” 1440p AMOLED (515 PPI/Gorilla Glass 4)
    • Dimensioni - 159,4 x 77,8 x 7,3 mm
    • Peso - 178 grammi
    • SoC - Qualcomm Snapdragon 810 v2.1
    • RAM - 3 GB LPDDR4
    • Batteria - 3450 mAh (Quich Charge 2.0)
    • Memoria interna - 32 GB / 64GB / 128GB non espandibile
    • Fotocamera posteriore - 12,3MPx (pixel 1,55 µm, f/2.0) laser autofocus, flash dual-LED e registrazione video 4K
    • Fotocamera frontale - 8MPx (pixel da 1,4 µm, f/2.2)
    • Colorazioni disponibili - alluminio, grafite, ghiaccio
    • OS - Android 6.0 Marshmallow

Maggiori informazioni su Nexus 6P by Huawei sono disponibili sul Google Play Store in Italiano, a questa pagina.

Categoria: Mobile
Commenti (5)   Commenta


È ormai chiaro che il settore "mainstream" del mercato degli smartphone risulta senz'altro il più attivo del momento, parliamo ovviamente dei dispositivi venduti nella fascia di prezzo che si aggira tra i 149€ ed i 249€, e Mediacom lo ha capito bene.

PhonePad Duo X525U, il dispositivo presentato oggi, ne è la chiara dimostrazione; caratterizzato da uno chassis avente forme eleganti e ricercate, misurando solo 144*71.1*6.6mm e pesando appena 120g, questo smartphone offre un display "di taglio medio" con pannello IPS da 5" e risoluzione 720p (294 PPI).

Il cuore di questo smartphone è il discreto SoC MediaTek MT6735 (CPU quad-core Cortex-A53 @1.3GHz ed iGPU Mali T720-MP2 @600MHz), coadiuvato da 2GB di memoria RAM LPDDR3 e 16GB di memoria interna, espandibile tramite microSDHC fino a 32GB. Non mancano una fotocamera posteriore con sensore da 13MPx ed una anteriore con sensore da 8MPx (entrambe coadiuvate da flash LED), connettività di rete 4G/LTE e supporto dual-nano SIM, connettività WiFi e Bluetooth 4.0, una batteria da 2000mAh e l'OS Android Lollipop 5.1 con interfaccia stock ad amministrare il tutto.

 PhonePad DUOX525U 1SilverPhonePad Duo X525U 1gold

L'insieme di queste caratteristiche lo rende un candidato ideale per l'utente medio che desidera uno smartphone completo, bello da vedere e prestante il giusto, al fine di soddisfare le richieste più comuni (dalla navigazione web, alla fruizione di videogame e contenuti vari) senza particolari pretese. Non ci dispiacerebbe verificarne sul campo le effettive prestazioni, con una bella recensione!

Ad avvalorare tutto è il prezzo di vendita, imposto a 189€ dal produttore, con disponibilità dal mese di Ottobre nelle colorazioni bianco/argento e nero/oro; sono disponibili due ulteriori accessori, quali Filp Case e Silicon Case, da acquistare separatamente.

Maggiori informazioni su PhonePad Duo X525U sono disponibili sul sito ufficiale del produttore, a questa pagina.

PRESS RELEASE

Tecnologia 4G LTE, display da 5" IPS e design elegante per il nuovo Mediacom PhonePad Duo X525U

Disponibile in due varianti di colore, gold/nero e silver/bianco, il nuovo smartphone di casa Mediacom consente di navigare su Internet, lavorare, scaricare app, video e altri contenuti a elevata velocità grazie alla tecnologia 4G LTE.

Milano, 22 Settembre 2015- Mediacom presenta PhonePad Duo X525U.

Il nuovo smartphone firmato Mediacom offre performance e un'autonomia in grado di soddisfare anche i più esigenti e mette a disposizione tutti i vantaggi della tecnologia 4G LTE, che consente di navigare, scaricare app e contenuti di diverso tipo molto più velocemente in 3G e 4G.

Particolarmente leggero e sottile (120 gr. di peso e 6,6 mm di spessore) e con il corpo in alluminio, PhonePad Duo X525U è disponibile in due eleganti varianti di colore, gold con pannello nero e silver con pannello bianco, ed è dotato di una fotocamera posteriore da 13 megapixel con flash e una fotocamera anteriore da 8 megapixel, anch'essa con flash e ideale anche per scattare selfie perfetti.

In grado di gestire due nano SIM contemporaneamente, PhonePad Duo X525U permette di utilizzare due diversi numeri e operatori telefonici, anche di diversa nazionalità, e di dedicare solo una delle due SIM ai dati, assicurando, quindi, massima comodità e flessibilità.

Equipaggiato con un luminoso display da 5" con tecnologia IPS, che offre immagini particolarmente dettagliate, colori vividi e una buona visuale da diverse angolazioni, il nuovo smartphone di Mediacom dispone di sistema operativo Android 5.1, processore Quad Core a 64bit e 2 GB di Ram, che permettono di gestire senza esitazioni tutte le operazioni quotidiane.

Dotato di tecnologia Bluetooth 4.0, che consente di collegare lo smartphone senza fili a cuffie, altoparlanti e numerosi altri dispositivi, PhonePad Duo X525U integra anche un ricevitore Radio FM per ascoltare le proprie emittenti preferite, nonché connettività WiFi e modulo GPS.

Per chi desidera proteggere il proprio smartphone con una custodia pratica ed elegante, nella dotazione opzionale sono disponibili un modello flip e un silicon case dedicati all'ultima proposta di Mediacom.

Il nuovo Mediacom PhonePad Duo X525U sarà disponibile dall'inizio del prossimo mese di Ottobre con prezzo al pubblico di 189 Euro (IVA inclusa).

PhoPad DUO X525U spec

Categoria: Mobile
Commenti (6)   Commenta


apple a9 soc presNon è certo una novità che Apple si sia affidata sia a Samsung sia TSMC per la produzione in massa del nuovo SoC Apple A9, al fine di poter soddisfare l'alta domanda dei consumatori ed al contempo ottenere un guadagno in termini di "resa" e di conseguenza forti sconti da entrambe le Fab.

Tutto ciò però si traduce in maggiori costi di ricerca e sviluppo per adattare il SoC ai due differenti processi produttivi, senza considerare i test sul campo necessari per verificare che entrambi i prodotti funzionino egregiamente ed in egual misura.

A seguito di una rapida analisi dei terminali, abbiamo visto di recente il teardown del nuovo iPhone 6S da parte di iFixit, ed oggi, ad alcuni giorni dalla commercializzazione, veniamo a scoprire che i due SoC A9 prodotti da Samsung e TSMC sono effettivamente caratterizzati da dimensioni differenti.

Il SoC APL0898, realizzato da Samsung con PP 14nm FinFET, è grande 96mm2 mentre il SoC APL1022, realizzato da TSMC con PP 16nm FinFET, ha un'area maggiore del 9% circa, pari a 104.5mm2.

A causa di questa differenza, è possibile che il SoC di TSMC consumi leggermente di più e che genereri più calore (si parla di una quantità infinitesimale, non osservabile dall'utente) rispetto al prodotto di Samsung, ma par esserne sicuri non ci resta che attendere una comparativa realizzata ad hoc.

Sorpresi?! Attendiamo ora il teardown e maggiori informazioni anche dell'iPhone 6S Plus.

apple a9 soc differences

FONTE - Chipworks VIA - 9to5mac, WCCFTech

Categoria: Mobile
Commenti (9)   Commenta


Il prossimo venturo Qualcomm Snapdragon 820 si preannuncia come il SoC con il più veloce modem LTE 4G in commercio, e proprio per questo la casa americana sta pubblicizzando pesantemente questa feature.

 

 

Sherif Hanna, Senior Manager of Marketing presso Qualcomm, afferma che il nuovo modem X12 LTE sarà in grado di garantire un segnale più potente e stabile rispetto ai modem precedenti, così da poter condividere più velocemente i propri media, grazie ad una velocità di upload/download che non avrà eguali. Non va poi dimenticata l'opportunità di poter effettuare in scioltezza chiamate/videochiamate tramite applicazioni, come Whatsapp, le quali sfruttano il traffico dati: “By the way, not only does the X12 LTE modem support HD Voice calls over LTE and Wi-Fi, it even supports native HD Video calls”. Qualcomm, inoltre, ha lavorato per rendere l'utilizzo del traffico dati il più equilibrato possibile, così da garantire un'esperienza d'uso perfetta anche in situazioni di saturazione della banda, soprattutto quando si opera contemporaneamente sia in download, sia in upload: “How does X12 LTE achieve those speeds? In the downlink (from the cell tower to the phone), it can bond together three LTE connections using LTE Advanced carrier aggregation and treat them like one much faster connection. In the uplink, the phone can send data to the tower on two LTE connections simultaneously, again using carrier aggregation. Plus—and this is new—the X12 LTE modem supports “higher order modulation” on both the uplink and the downlink to achieve even higher speeds than would be possible with carrier aggregation alone”.

Giusto per comparazione, riportiamo che la velocità di download di picco dello Snapdragon 810 è pari a 450 Mbps (600 Mbps per lo Snapdragon 820), mentre quella di Upload è pari a 50 Mbps (150 Mbps per lo Snapdragon 820).

Oltre al migliore modem LTE sul mercato, Qualcomm ha integrato anche un ottimo modem Wi-Fi in grado di gestire connessioni 802.11ac 2x2 MU-MIMO. La casa statunitense ha lavorato in modo che le due tipologie di connessione, LTE e Wi-Fi, possano lavorare in simbiosi, in maniera intelligente: “When the Snapdragon 820 X12 LTE sees your coffee shop’s Wi-Fi access point, it begins to investigate. Is the signal strong enough? Can I actually, for real, get out to the Internet? How fast is this network anyway—is it faster than my LTE connection, or is that guy with the laptop in the corner hogging up all the bandwidth? And based on that, it can decide whether or not to automatically connect to the coffee shop’s hotspot. Pretty clever, right? Of course, you’re always in charge of overriding the automatic selection if you so choose”.

Non avendo più il predominio prestazionale tra i SoC Mobile, Qualcomm deve necessariamente puntare su altre funzionalità, e quelle qui presentate sembrano decisamente utili all'utenza, sia consumer sia business. Sarebbe quindi davvero interessante poter testare con mano lo Snapdragon 820, così da poter confermare o meno le parole Sherif Hanna.

Categoria: Mobile
Commenti (1)   Commenta


iphone 6s ifixit presSono passate poco più di due settimane dal lancio dei nuovi iPhone 6S ed iPhone 6S di Apple e, come ogni anno ormai, iFixit è riuscita a mostrarci il "lato nascosto" di questi dispositivi.

Quest'oggi è stato pubblicato il teardown di iPhone 6S, mentre nei prossimi giorni toccherà alla versione Plus.

Innanzitutto v'è da dire che il punteggio di riparazione assegnato è pari a 7/10, niente male rispetto ad altri dispositivi Apple che hanno letteralmente fallito in tal senso (presenti anche in questo caso delle viti proprietarie con testa Pentalobe). In secondo luogo viene confermata la ridotta capacità della batteria come indicato dai rumour, si passa difatti dai precedenti 1810mAh a 1715mAh.

A quanto pare tale riduzione si è resa necessaria per ospitare i nuovi componenti che non erano presenti nel precedente modello, come il sensore per il 3D Touch (ci viene da pensare che Apple confida molto nel minor fabbisogno energetico del nuovo SoC).

La scheda madre integra come da tradizione una miriade di chip, tra i quali spicca senz'altro il nuovo SoC Apple A9 "APL0898". Viene inoltre confermata la presenza dei fantomatici 2GB di RAM LPDDR4 (chip Samsung K3RG1G10BM-BGCH), il modulo NAND Flash realizzato da Toshiba  (16GB in questo caso) ed infine il modem 4G/LTE Cat. 6 realizzato da Qualcomm (MDM9635M) e non da Intel come vociferato ad Agosto.

• la parte frontale della motherboard di iPhone 6S, nel dettaglio:

iphone 6s ifixit motherboard front

• la parte posteriore della motherboard di iPhone 6S, nel dettaglio:

iphone 6s ifixit motherboard retro

• la parte posteriore "bis" della motherboard di iPhone 6S, nel dettaglio:

iphone 6s ifixit motherboard retro 2

iFixit ha inoltre realizzato un video dedicato al teardown di tale dispositivo: 

Categoria: Mobile
Commenti (0)   Commenta


amazon new fire tv presInsieme alla presentazione dei nuovi tablet Fire, Amazon ha ufficializzato una interessante Fire TV di seconda generazione che mira a competere direttamente con la nuova Apple TV.

Per quanto riguarda l'aspetto e le dimensioni, la nuova Fire TV risulta praticamente "identica" al modello originale, ai tempi molto apprezzata dagli utenti.

Le differenze riguardano difatti la componentistica interna e, naturalmente, il pannello I/O posteriore, il quale ora ospita una uscita video HDMI 2.0 (risoluzione massima supportata 4K@30FPS, o 720/1080p@60FPS), ingresso ethernet full-size, uno slot per microSDXC fino a 128GB, ed una porta USB 2.0 Type A (ergo niente HDD esterni supportati, nemmeno tramite modifica software purtroppo, ma solo periferiche dal consumo ridotto)

Con grande sorpresa possiamo invece annunciarvi che al suo interno si cela il nuovo SoC MediaTek MT8173, il quale integra una CPU quad-core con architettura di tipo big.LITTLE, cioè un dual-core Cortex-A72 ad alte prestazioni (clicca qui per maggiori informazioni) operante alla frequenza di 2GHz ed un dual-core Cortex-A53 a risparmio energetico operante alla frequenza di 1.6GHz, insieme alla discreta iGPU PowerVR GX6250.

amazon new fire tv spec

Il tutto è accompagnato da 2GB di memoria RAM LPDDR3 ed 8GB di spazio per archiviazione, e non mancano ovviamente i moduli Bluetooth 4.1 e WiFi 802.11 a/b/g/n/ac (MiMo); presente anche qui il nuovo Fire OS 5 "Bellini".

La nuova Fire TV di seconda generazione sarà disponibile dal prossimo 5 Ottobre negli USA, nuovamente al prezzo di 99.99$ con telecomando incluso, oppure nella variante "Gaming" dotata di un rinnovato joypad (ma sprovvista di telecomando, presenti in dotazione una microSD da 32GB e due giochi) al prezzo di 139.99$; il prezzo del telecomando è di 29.99$, mentre un eventuale secondo joypad vi costerà ben 49.99$.

Maggiori informazioni su Fire TV sono disponibi sul portale ufficiale di Amazon, a questa pagina.

Maggiori informazioni su Fire TV edizione Gaming sono disponibi sul portale ufficiale di Amazon, a questa pagina.

amazon new fire tv joypad spec

Categoria: Mobile
Commenti (3)   Commenta


Pagina 8 di 93

 
 

Friend links

Quotazioni

Loading
Chart
o Advanced Micro Devices 7.46 ▲0.04 (0.47%)
o Intel Corp. 35.09 ▼0.06 (-0.17%)
o ARM Holdings 66.73 ▼0.14 (-0.21%)
o NVIDIA Corp. 61.53 ▼0.41 (-0.66%)
o Microsoft Corp. 58.17 ▲0.22 (0.38%)
o Texas Instruments 69.82 ▼0.08 (-0.11%)
o Apple Inc. 107.57 ▼0.46 (-0.43%)
NYSE:AMD

Advanced Micro Devices

Company ID [NYSE:AMD] Last trade:7.46 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.04 (0.47%)
NASDAQ:INTC

Intel Corp.

Company ID [NASDAQ:INTC] Last trade:35.09 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.06 (-0.17%)
NASDAQ:ARMH

ARM Holdings

Company ID [NASDAQ:ARMH] Last trade:66.73 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.14 (-0.21%)
NASDAQ:NVDA

NVIDIA Corp.

Company ID [NASDAQ:NVDA] Last trade:61.53 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.41 (-0.66%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft Corp.

Company ID [NASDAQ:MSFT] Last trade:58.17 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.22 (0.38%)
NASDAQ:TXN

Texas Instruments

Company ID [NASDAQ:TXN] Last trade:69.82 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.08 (-0.11%)
NASDAQ:AAPL

Apple Inc.

Company ID [NASDAQ:AAPL] Last trade:107.57 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.46 (-0.43%)

Newsletter



Ricevi HTML?