Skin ADV
Text Size

Il prossimo venturo Qualcomm Snapdragon 820 si preannuncia come il SoC con il più veloce modem LTE 4G in commercio, e proprio per questo la casa americana sta pubblicizzando pesantemente questa feature.

 

 

Sherif Hanna, Senior Manager of Marketing presso Qualcomm, afferma che il nuovo modem X12 LTE sarà in grado di garantire un segnale più potente e stabile rispetto ai modem precedenti, così da poter condividere più velocemente i propri media, grazie ad una velocità di upload/download che non avrà eguali. Non va poi dimenticata l'opportunità di poter effettuare in scioltezza chiamate/videochiamate tramite applicazioni, come Whatsapp, le quali sfruttano il traffico dati: “By the way, not only does the X12 LTE modem support HD Voice calls over LTE and Wi-Fi, it even supports native HD Video calls”. Qualcomm, inoltre, ha lavorato per rendere l'utilizzo del traffico dati il più equilibrato possibile, così da garantire un'esperienza d'uso perfetta anche in situazioni di saturazione della banda, soprattutto quando si opera contemporaneamente sia in download, sia in upload: “How does X12 LTE achieve those speeds? In the downlink (from the cell tower to the phone), it can bond together three LTE connections using LTE Advanced carrier aggregation and treat them like one much faster connection. In the uplink, the phone can send data to the tower on two LTE connections simultaneously, again using carrier aggregation. Plus—and this is new—the X12 LTE modem supports “higher order modulation” on both the uplink and the downlink to achieve even higher speeds than would be possible with carrier aggregation alone”.

Giusto per comparazione, riportiamo che la velocità di download di picco dello Snapdragon 810 è pari a 450 Mbps (600 Mbps per lo Snapdragon 820), mentre quella di Upload è pari a 50 Mbps (150 Mbps per lo Snapdragon 820).

Oltre al migliore modem LTE sul mercato, Qualcomm ha integrato anche un ottimo modem Wi-Fi in grado di gestire connessioni 802.11ac 2x2 MU-MIMO. La casa statunitense ha lavorato in modo che le due tipologie di connessione, LTE e Wi-Fi, possano lavorare in simbiosi, in maniera intelligente: “When the Snapdragon 820 X12 LTE sees your coffee shop’s Wi-Fi access point, it begins to investigate. Is the signal strong enough? Can I actually, for real, get out to the Internet? How fast is this network anyway—is it faster than my LTE connection, or is that guy with the laptop in the corner hogging up all the bandwidth? And based on that, it can decide whether or not to automatically connect to the coffee shop’s hotspot. Pretty clever, right? Of course, you’re always in charge of overriding the automatic selection if you so choose”.

Non avendo più il predominio prestazionale tra i SoC Mobile, Qualcomm deve necessariamente puntare su altre funzionalità, e quelle qui presentate sembrano decisamente utili all'utenza, sia consumer sia business. Sarebbe quindi davvero interessante poter testare con mano lo Snapdragon 820, così da poter confermare o meno le parole Sherif Hanna.

Categoria: Mobile
Commenti (1)   Commenta


amazon new fire tv presInsieme alla presentazione dei nuovi tablet Fire, Amazon ha ufficializzato una interessante Fire TV di seconda generazione che mira a competere direttamente con la nuova Apple TV.

Per quanto riguarda l'aspetto e le dimensioni, la nuova Fire TV risulta praticamente "identica" al modello originale, ai tempi molto apprezzata dagli utenti.

Le differenze riguardano difatti la componentistica interna e, naturalmente, il pannello I/O posteriore, il quale ora ospita una uscita video HDMI 2.0 (risoluzione massima supportata 4K@30FPS, o 720/1080p@60FPS), ingresso ethernet full-size, uno slot per microSDXC fino a 128GB, ed una porta USB 2.0 Type A (ergo niente HDD esterni supportati, nemmeno tramite modifica software purtroppo, ma solo periferiche dal consumo ridotto)

Con grande sorpresa possiamo invece annunciarvi che al suo interno si cela il nuovo SoC MediaTek MT8173, il quale integra una CPU quad-core con architettura di tipo big.LITTLE, cioè un dual-core Cortex-A72 ad alte prestazioni (clicca qui per maggiori informazioni) operante alla frequenza di 2GHz ed un dual-core Cortex-A53 a risparmio energetico operante alla frequenza di 1.6GHz, insieme alla discreta iGPU PowerVR GX6250.

amazon new fire tv spec

Il tutto è accompagnato da 2GB di memoria RAM LPDDR3 ed 8GB di spazio per archiviazione, e non mancano ovviamente i moduli Bluetooth 4.1 e WiFi 802.11 a/b/g/n/ac (MiMo); presente anche qui il nuovo Fire OS 5 "Bellini".

La nuova Fire TV di seconda generazione sarà disponibile dal prossimo 5 Ottobre negli USA, nuovamente al prezzo di 99.99$ con telecomando incluso, oppure nella variante "Gaming" dotata di un rinnovato joypad (ma sprovvista di telecomando, presenti in dotazione una microSD da 32GB e due giochi) al prezzo di 139.99$; il prezzo del telecomando è di 29.99$, mentre un eventuale secondo joypad vi costerà ben 49.99$.

Maggiori informazioni su Fire TV sono disponibi sul portale ufficiale di Amazon, a questa pagina.

Maggiori informazioni su Fire TV edizione Gaming sono disponibi sul portale ufficiale di Amazon, a questa pagina.

amazon new fire tv joypad spec

Categoria: Mobile
Commenti (3)   Commenta


Prima di mostrare al pubblico di San Francisco i nuovi iPhone 6S ed iPhone 6S Plus, Apple ha presentato il nuovo iPad Pro. Si tratta del tablet del quale da tanto si parla, una chiara sfida ai Surface Pro di Microsoft, dedicato alla produttività grazie ad un nuovo display TFT retro-illuminato a LED, con diagonale da ben 12.9" e risoluzione 2732*2048 Pixel (264 PPI).

Non poteva inoltre mancare a tal proposito un pennino touch, di tipo capacitivo attivo, denominato Apple Pencil (ricaricabile tramite la porta Lightning del tablet stesso), venduto separatamente al prezzo di 99$, e la cover contenente la nuova Smart Keyboard, anch'essa venduta separatamente al prezzo di 169$.

Le dimensioni di questo nuovo iPad Pro sono pari a 305.7*220.6*6.9 mm, mentre il peso è pari a 713g nella versione solo Wi-Fi e 723g nella variante Wi-Fi+LTE; le fattezze sono quelle classiche dei precedenti modelli, l'unica reale differenza è che ad ogni angolo dello chassis è presente uno speaker (per un totale di 4, il volume viene auto-bilanciato in base all'inclinazione del dispositivo).

ipad pro family ipad pro pres

A bordo è presente - come preventivato - il SoC proprietario Apple A9X supportato dal co-processore M9 a basso consumo, del quale anche in questo caso non ne sono state divulgate le specifiche tecniche né il quantitativo di memoria RAM abbinata. Apple parla di una CPU più potente del 80% e di una iGPU più potente del 100%, naturalmente rispetto al precedente SoC A8X, ma questo potremo verificarlo come di consueto solo dopo una discreta tornata di benchmark.

Il sistema operativo rimane iOS 9, opportunamente aggiornato ed in questo caso dotato di supporto all'esecuzione di due app sullo schermo. Non mancano un sensore posteriore da 8MPx coadiuvato da flash LED (apertura focale f/2.4 ) capace di registrare video in 1080p@30FPS, uno anteriore da 1.2MPx (apertura focale f/2.2-registazione video in 720p) ed infine una batteria capace di restituire un'autonomia media di 10 ore (anche in questo caso non sono stati divulgati ulteriori dettagli).

ipad pro dimensionipad pro feature

Sono presenti, inoltre, le connessioni Wi-Fi 802.11 a/​b/​g/​n/​ac (tecnologia MIMO, 2.4GHz e 5GHz) e Bluetooth 4.2, connessione di rete 4G/LTE ed Apple SIM integrata nei dispositivi venduti in USA ed UK, compasso digitale ed A-GPS+Glonass (solo variante Wi-Fi + LTE).

iPad Pro verrà venduto dal mese di Novembre in tre diverse colorazioni (Silver, Gold, Space Gray) nelle seguenti varianti:

  • Wi-Fi con 32GB di memoria - 799$
  • Wi-Fi con 128GB di memoria - 949$
  • Wi-Fi+LTE con 128GB di memoria - 1079$

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

Categoria: Mobile
Commenti (6)   Commenta


amazon fire presSebbene Amazon sembra decisamente intenzionata ad abbandonare lo sviluppo di nuovi smartphone dopo il fallimento del Fire Phone, come abbiamo visto di recente con il ridimensionamento del Lab126 (qui la conferma), tale decisione non andrà ad influenzare affatto lo studio di nuovi tablet.

Con un annuncio del tutto inaspettato - nonostante se ne parlasse da tempo - il colosso Americano ha difatti presentato tre nuovi tablet appartenenti all'omonima linea; diamo quindi il benvenuto all'economico ed interessante New Fire 7", ed ai discreti New Fire 8 e 10.

Il nuovo Fire 7" si propone come il più economico della linea, aspetto che si ripropone naturalmente sia nella componentistica che nella dotazione hardware, e mira a "sconvolgere" la fascia di mercato low-end per mezzo del suo prezzo di vendita davvero aggressivo; basteranno difatti solo 59.99€ per acquistarne la versione con inserti pubblicitari.

La sua dotazione hardware comprende un display da 7" con risoluzione 1024*600p (171 PPI), animato da un non meglio specificato SoC (al 99% realizzato da MediaTek) avente CPU quad-core operante a 1.3GHz (coadiuvato da 1GB di memoria RAM ed 8GB di memoria interna espandibile tramite microSDXC fino a 128GB), fotocamera posteriore da 2MPx ed anteriore VGA, mono-speaker e connessione Wi-Fi. Il tutto integrato in uno chassis di colore nero realizzato in policarbonato, dalle dimensioni pari a 191*115*10.6mm e peso di 313g, e gestito dal nuovo FIRE OS "Bellini" basato sulla distribuzione Android Lollipop.

amazon new fire 8amazon new fire 10

NEW FIRE HD 8 a sinistra, NEW FIRE HD 10 a destra

I nuovi Fire HD 8 e 10 si posizionano direttamente nella fascia di mercato mainstream, dato il loro prezzo, rispettivamente, pari a 159.99€ e 199.99€ (date le caratteristiche tecniche non mi sorprenderebbe un rapido abbattimento dei prezzi, Ndr.).

Questi integrano un display con diagonale da 8" e 10" ma condividono la risoluzione 1280*800p (189/149 PPI) ed il SoC, anche in questo caso non specificato; di questo sappiamo solo che è dotato di una CPU quad-core con architettura big.LITTLE, dove due core operano a 1.5GHz ed i restanti due a 1.2GHz, e che il quantitativo di memoria RAM è pari a 1GB.

Questi saranno disponibili in diverse varianti per quanto riguarda la dotazione di memoria interna (sempre espandibile tramite microSDXC fino a 128GB) e colorazione della scocca, mentre condivideranno una fotocamera posteriore da 5MPx ed anteriore da 2MPx, speaker stereo, connessione Wi-Fi dual-band e naturalmente, anche qui, il nuovo FIRE OS "Bellini".

Al momento le pagine dedicate sul portale Italiano di Amazon non sono state ancora attivate, per cui vi invitiamo a visitare momentaneamente quello Americano. Di seguito le specifiche tecniche di tutta l'attuale linea:

amazon new fire spec

Categoria: Mobile
Commenti (5)   Commenta


iPhone6s-6s plusIn occasione dell'evento dedicato, il quale ha avuto luogo in quel di San Francisco, Apple ha presentato come da copione i nuovi iPhone 6S ed iPhone 6S Plus.

Questi dispositivi integrano diverse migliorie rispetto ai precedenti iPhone 6 ed iPhone 6 Plus ma - come vuole la tipica fase "tock" di Apple - da questi ne ereditano le medesime forme ed i medesimi display da 4.7" e 5.5", ergo risulta molto difficile distinguerli per chi non conosce le piccole differenze.

In termini di misure abbiamo una larghezza ed un'altezza dello chassis praticamente identica (crescono di qualche centesimo di millimetro), mentre lo spessore aumenta; iPhone 6S è spesso 7.1mm mentre l'originale iPhone 6 misura 6.9mm, iPhone 6S Plus è spesso 7.3mm mentre l'originale iPhone 6 Plus misura 7.1.

Non sappiamo se questo è dovuto ad una maggiore capacità della batteria (come per la quantità di memoria RAM, questo dato lo scopriremo soltanto nel momento in cui qualcuno potrà testarli e smontarli di persona), oppure ad uno chassis dallo spessore maggiorato (si parla di "alluminio serie 7000") per evitare che questi subiscano eventuali piegamenti come i precedenti modelli ... chi può dimenticare il caos mediatico del "bend test"?

 

iPhone6s-6s plus dimension

A bordo di questi dispositivi non poteva certo mancare il SoC proprietario Apple A9 supportato dal co-processore M9 a basso consumo, prodotto da Samsung e TSMC, del quale tanto si è parlato ma di cui, nonostante tutto, non ne sono state divulgate le specifiche tecniche. Apple parla di una CPU più potente del 70% e di una iGPU più potente del 90%, naturalmente rispetto al precedente SoC A8, ma questo potremo verificarlo come di consueto solo dopo una discreta tornata di benchmark; il sistema operativo rimane iOS 9, opportunamente aggiornato.

Migliorano anche le fotocamere. Il sensore posteriore - coadiuvato sempre da flash LED bitonale - conta ora 12MPx (apertura focale f/2.2 ed OIS solo su iPhone 6S Plus) ed è capace finalmente di registrare video in 4K@30FPS e 1080p@60FPS, mentre quello anteriore conta 5MPx (anche in questo caso apertura focale f/2.2) ed è capace di registrare video in 720p.

       iPhone 6s rear frontiPhone 6s side

Non mancano il tanto chiaccherato display con supporto Force Touch, chiamato da Apple 3D Touch, il quale è capace di registrare i diversi livelli di pressione abilitando così diversi tipi di controllo ed interazione nelle varie app, una connessione di rete 4G/LTE ora Cat.6, sensore Touch ID di seconda generazione ed un'antenna Wi-Fi migliorata; stando ai dati dichiarati, l'autonomia dovrebbe risultare inalterata rispetto ai precedenti modelli.

iPhone 6S ed iPhone 6S Plus saranno pre-ordinabili dal prossimo 12 di Settembre in diversi paesi (Italia esclusa) ed acquistabili dal giorno 2, nelle colorazioni Silver, Gold, Space Gray, l'inedita Rose Gold, e nei tagli di memoria da 16GB, 64GB e - novità - 128GB.

Al momento non sono stati annunciati i prezzi per l'Italia ma, stando ai prezzi dichiarati per gli abbonamenti sul suolo Statunitense, porbabilmente rimarranno invariati - per le versioni da 16GB e 64GB - rispetto a quanto visto l'anno scorso con i precedenti modelli.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

Categoria: Mobile
Commenti (3)   Commenta


La casa cinese Spreadtrum, assorbita recentemente dal gruppo parastatale Tsinghua Unigroup ed ormai strettamente legata ad Intel, dovrebbe presentare entro la fine di quest'anno i primi SoC x86 prodotti in collaborazione proprio con il colosso di Santa Clara: "To improve its status, Spreadtrum accepted to be acquired by Tsinghua Unigroup, and Tsainghua's investment partnership with Intel also opened the door for Spreadtrum to step into the x86 realm. Since it is becoming difficult to differentiate ARM architecture products, Spreadtrum has turned to create x86 architecture APs, looking to expand into the high-end sector with help from Intel's capacity and manufacturing process advancements".

 

 

Si tratterà di SoC x86 dotato di 8 core e di un Model LTE 4G integrato, destinato a concorrere principalmente nella fascia media ed alta del mercato, ormai monopolizzata dalle soluzioni ARM di MediaTek e Qualcomm. Spreadtrum, per battagliare nella fascia bassa, commercializzerà a proprio nome i SoC SoFIA di Intel nel mercato cinese, al fine di migliorarne i volumi di vendita: Spreadtrum è un marchio ormai conosciuto ed apprezzato dai consumatori cinesi, i quali spesso si sono dimostrati nazionalisti quasi quanto i giapponesi. Basti osservare i vertiginosi cali di vendita degli smartphone di Samsung, a fronte dei miglioramenti di Lenovo, Huawei, ZTE e delle altre marche cinesi.

Nel caso i SoC di Spreatrum dovessero avere successo, Intel potrebbe finalmente tirare un sospiro di sollievo, in quanto la produzione di questi garantirebbe un buono sfruttamento delle ormai sotto utilizzate FAB che operano a 22nm e 14nm.

Categoria: Mobile
Commenti (3)   Commenta


Uno dei più importanti difetti degli attuali dispositivi Mobile è sicuramente la non eclatante durata della batteria. Se da un lato questo problema è dovuto a tecnologie ormai con parecchi anni sulle spalle (Le batterie al litio hanno quasi 40 anni), dall'altro lato gli stessi produttori di Smartphone e Tablet ci mettono del loro per ingigantirlo, o utilizzando display sovradimensionati in quanto a caratteristiche (4K in uno smartphone?!) o inserendo SoC fin troppo potenti per scrivere qualche cavolata su Facebook.

 

 

La recente notizia di un brevetto depositato da Apple relativo ad una nuova tipologia di batteria ha quindi suscitato l'interesse di Carl8, il quale ci ha regalato questa vignetta. Sarà il solito brevetto fuffa, oppure effettivamente Apple ha qualcosa di fruibile tra le mani?

Categoria: Mobile
Commenti (14)   Commenta


Qualche giorno fa avevamo anticipato come Amazon stesse ristrutturando il Lab126 - la divisione interna che si occupa della progettazione dei terminali Mobile dell'azienda - soprattutto attraverso una serie di licenziamenti.

 

 

Oggi, attraverso CNBC, abbiamo la conferma che Amazon uscirà definitivamente dal mercato degli Smartphone, dismettendo la linea Fire Phone, la quale non è mai decollata nonostante i frequenti e sostanziosi tagli al listino prezzi. Per questo Amazon ha deciso di ripulire i propri magazzini da questi Smartphone, probabilmente attraverso una forte campagna promozionale, cosa che potrebbe invogliare molti a comprarne uno. Va però considerato, nel caso se ne volesse acquistare uno, che si tratta di un prodotto senza un futuro, e che quindi il supporto tecnico e software andrà a calare molto velocemente.

Per un prodotto che scompare, però, un altro entra in scena. Si tratterebbe, secondo le ultime voci, di un Table ultra-economico, che sarà probabilmente commercializzato attorno ai 50 dollari, e che potrebbe diventare un vero e proprio best seller nel caso possa essere fruibile anche come eReader, attraverso l'utilizzo di un buono schermo adatto alla lettura prolungata. Ancora non si hanno informazioni precise a riguardo, però appare chiaro che Amazon vuole spingere sui prodotti che sa fare meglio, e cioè gli ibridi Tablet-eReader (forte soprattutto della piattaforma Kindle).

Categoria: Mobile
Commenti (1)   Commenta


Delle temperature raggiunte dal SoC Qualcomm Snapdragon 810 tutto il mondo ne è a conoscenza, e di conseguenza dei problemi di thermal-throttling, ma nonostante tutto abbiamo visto di recente tale SoC sui nuovi terminali di Sony.

Perchè il colosso Giapponese avrebbe optato per questa soluzione, quando tutti i produttori del settore hanno preferito evitare il SoC di Qualcomm nonostante le varie revisioni?

La risposta è molto semplice, e ce l'aveva data tempo fa la stessa LG, quando Samsung a fine Gennaio annunciò che nei suoi prossimi dispositivi top di gamma non lo avrebbe integrato: la novità riguarda il sistema di dissipazione.

xperia-z5-snapdragon-810 heatpipe cooling pres

Certo, sui dispositivi mobili non vi dovrebbe mai essere questo problema (data la natura e la teorica propensione dei chip a non raggiungere temperature elevate), ma a quanto pare è stato necessario adattare una soluzione più comune ai classici computer.

Difatti, tutti i nuovi modelli della serie Xperia Z5 integrano un sistema formato da due mini-heatpipes - con tanto di pasta termica - che vanno a diretto contatto con lo Snapdragon 810.

Secondo alcuni, che hanno potuto provare questi dispositivi agli stand dell'IFA 2015 di Berlino attualmente in svolgimento, gli smartphone non hanno subito alcun rallentamento durante i vari test, segno che tale soluzione sembra funzionare egregiamente (nonostante molti non ne siano a conoscenza).

É per caso arrivato il momento in cui valuteremo uno smartphone anche per il suo sistema di dissipazione? Staremo a vedere...

xperia-z5-snapdragon-810 heatpipe cooling

FONTE - WCCTFTech.com / VIA - Mydrivers.com

Categoria: Mobile
Commenti (1)   Commenta


Una cosa è certa, sino ad ora Apple non aveva mai organizzato un evento per presentare più tipologie di prodotti, ma quest'anno ha evidentemente deciso di cambiare abitudini. Difatti, dopo aver presentato iPhone 6S/6S Plus ed iPad Pro, arrivano anche la nuova Apple TV ed il nuovo iPad Mini 4.

La nuova Apple TV presenta a bordo il precedente ma comunque discreto SoC Apple A8, coadiuvato da 2GB di memoria RAM, ed offre un'uscita video HDMI 1.4, un ingresso USB Type C ed un ingresso ethernet.

Dispone, inoltre, di connessioni Wi-Fi 802.11 ac (MIMO), Bluetooth 4.0 e ricevitore infrarossi. Il tutto viene amministrato dal nuovo tvOS e dal telecomando fornito in dotazione. L'Apple TV è capace di riprodurre video con codifica H.264 a risoluzione 1080p@60FPS, visualizzare contenuti on-demand e naturalmente eseguire la maggior parte delle app presenti sull'App Store.

La disponibilità è prevista per il mese di Ottobre, al prezzo di 149$ per la variante con 32GB e 199$ per la variante con 64GB di memoria interna. Maggiori dettagli sono presenti sul sito ufficiale, a questa pagina.

new apple tv dimension presnew apple tv dimension

ipad mini 4 dimension

L'iPad Mini 4 è invece la reale evoluzione di iPad Mini 2 . Quest'ultimo fu invero sostituito dall'iPad Mini 3 , ma l'unica reale differenza trai due risiedeva esclusivamente nel sensore d'impronte Touch ID.

Il display Retina da 7.9" rimane invariato, ma lo chassis riceve una cura dimagrante che lo porta ad avere uno spessore di soli 6,1mm ed un peso di appena 298.8g nella variante Wi-Fi, e 304g nella variante Wi-Fi+LTE.

A bordo è presente il SoC AppleA8 supportato dal co-processore M8 a basso consumo, come su iPhone 6 ed iPhone 6 Plus, da un sensore posteriore da 8MPx coadiuvato da flash LED (apertura focale f/2.4 ) capace di registrare video in 1080p@30FPS, da un sensore anteriore da 1.2MPx (apertura focale f/2.2-registazione video in 720p) e, infine, da una batteria capace di restituire un'autonomia media di circa 10 ore (19.1WHr ai polimeri di litio).

iPad Mini 4 è già acquistabile nelle colorazioni Silver, Gold e Space Gray nelle seguenti varianti:

  • Wi-Fi con 32GB di memoria - 399$
  • Wi-Fi con 64GB di memoria - 499$
  • Wi-Fi con 128GB di memoria - 599$
  • Wi-Fi+LTE con 32GB di memoria - 529$
  • Wi-Fi+LTE con 64GB di memoria - 629$
  • Wi-Fi+LTE con 128GB di memoria - 729$

Maggiori dettagli su iPad Mini 4 sono disponibili sul sito ufficiale, a questa pagina.

ipad mini 4 pres

Categoria: Mobile
Commenti (0)   Commenta


**UPDATE del 03/09 ore 17:10 disponibile a fondo pagina, riguardante prezzi ed ulteriori dettagli sulla fotocamera** 

Z5 Premium PresDurante l'ormai lontano mese di Aprile con la presentazione di Xperia Z4, divenuto poi Z3+ al livello internazionale, ci siamo lamentati per la mancanza di innovazione avuta da Sony nel realizzare un dispositivo top di gamma sempre fin troppo simile al precedente.

Le cose non sembrano essere cambiate di molto ma, durante la conferenza dedicata in occasione dell'IFA 2015 di Berlino - attualmente in svolgimento - il colosso Giapponese ha saputo letteralmente "stupire" per mezzo della presentazione del primo smartphone al mondo con display 4K.

Xperia Z5 Premium sfoggia difatti un display Triluminos avente diagonale da 5.5" e risoluzione 3840*2160p, raggiungendo l'incredibile valore di 806 PPI, il tutto racchiuso in uno chassis avente dimensioni pari a 154.4 x 76.0 x 7.8 mm per 180g di peso complessivo; le linee rimangono fedeli al design OmbiBalance da tutti ben conosciuto, fatta eccezione per il rinnovato tasto di accensione/sblocco ora "rettangolare", che contiene anche lo scanner d'impronte.

Non sappiamo bene a cosa possa essere utile lavere poco meno di 1000 Pixel in una superficie nell'ordine del "pollice", ma di certo può trattarsi di un traguardo di cui vantarsi dal punto di vista dell'immagine. Il compito di gestire tale mole di Pixel viene affidato al tanto chiaccherato SoC Qualcomm Snapdragon 810, accoppiato a 3GB di memoria RAM LPDDR4 (per logica, 4GB avrebbero fatto molta più figura!) e 32GB di memoria interna, espandibile tramite microSD fino a 200GB.

Il resto delle caratteristiche tecniche prevede una fotocamera posteriore con sensore Exmor RS da ben 23MPx coadiuvata da flash LED, una fotocamera anteriore con sensore da 5MPx, connettività di rete 4G LTE Cat.6, una batteria da 3430mAh e la distribuzione Android Lollipop 5.1 con interfaccia proprietaria ad amministrare il tutto.

Non sappiamo quando l'Xperia Z5 Premium verrà rilasciato sul mercato, ma possiamo iniziare ad immaginare cifre "da capogiro".

Xperia Z5premium Colour Range

 XPERIA Z5 PREMIUM, clicca qui per maggiori informazioni e specifiche tecniche.

Xperia Z5 e Z5 Compact fanno solo da "contorno" a questa presentazione, ma non possiamo dire che questi siano meno importanti (sopratutto la versione Compact, molto amata dagli utenti di tutte le età grazie alle sue dimensioni ridotte ed alle discrete performance).

Entrambi i modelli ereditano il rinnovato design, ma lo ripropongono naturalmente in formato ridotto (rispettivamente 146 x 72 x 7.3 mm per 154g di peso e 127 x 65 x 8.9 mm per 138g di peso). I due smartphone presentano, rispettivamente, un display da 5.2" 1080p (circa 423 PPI) e 4.6" 720p (circa 319 PPI).

Presente anche in questo caso il SoC Qualcomm Snapdragon 810, accompagnato da 3GB di memoria RAM su Xperia Z5 e 2GB su Z5 Compact, e l'accoppiata di fotocamere da 23MPx e 5MPx; varia la capacità della batteria in base alle dimensioni complessive (2900mAh e 2700mAh).

Anche per questi rimangono sconosciute le informazioni circa prezzi e data di commercializzazione, quindi non ci resta che attendere un comunicato ufficiale da parte di Sony.

Xperia Z5 Colour Range

 XPERIA Z5, clicca qui per maggiori informazioni e specifiche tecniche.

Xperia Z5 Compact Colour Range

 XPERIA Z5 COMPACT, clicca qui per maggiori informazioni e specifiche tecniche.

**UPDATE** Tramite il proprio sito ufficiale, visitando la pagina relativa ad ogni modello, Sony ha praticamente divulgato i prezzi dei nuovi terminali e cioè:

  • XPERIA Z5 Premium sarà disponibile dal mese di Novembre al prezzo di 799€;
  • XPERIA Z5 sarà disponibile dal mese di Ottobre al prezzo di 699€;
  • XPERIA Z5 Compact sarà disponibile dal mese di Ottobre al prezzo di 599€.

Un prezzo davvero aggressivo per il primo smartphone con display 4K (ci saremo aspettati cifre ben più alte) mentre fin troppo alto per la versione Compact; il prezzo dell'Xperia Z5 standard rientra invece "nella media" dei dispositivi top di gamma.

Una ulteriore "novità", per quanto spesso "scontata" in tale ambito, è l'effettiva capacità del sensore posteriore (modello IMX300 a quanto pare) che Sony ha integrato in questi dispositivi. In realtà il sensore Exmor RS sarebbe da 25MPx, date che le foto scattate in risoluzione 16:9 presentano una laghezza pari a 5984 Pixel mentre quelle in 4:3 presentano un'altezza pari a 4140 Pixel (il prodotto di questi due ipotetici valori massimi restituirebbe difatti uno scatto da 24.77MPx).

 

gsmarena sony z5 camera

FONTE - GSMArena.com

Categoria: Mobile
Commenti (5)   Commenta


Pagina 8 di 92

 
 

Friend links

Quotazioni

Loading
Chart
o Advanced Micro Devices 4.18 ▼0.02 (-0.48%)
o Intel Corp. 31.39 ▲0.33 (1.06%)
o ARM Holdings 42.91 ▲0.17 (0.40%)
o NVIDIA Corp. 45.17 ▼0.19 (-0.42%)
o Microsoft Corp. 52.12 ▲0.53 (1.03%)
o Texas Instruments 60.44 ▲0.35 (0.58%)
o Apple Inc. 99.62 ▲1.72 (1.76%)
NYSE:AMD

Advanced Micro Devices

Company ID [NYSE:AMD] Last trade:4.18 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.02 (-0.48%)
NASDAQ:INTC

Intel Corp.

Company ID [NASDAQ:INTC] Last trade:31.39 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.33 (1.06%)
NASDAQ:ARMH

ARM Holdings

Company ID [NASDAQ:ARMH] Last trade:42.91 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.17 (0.40%)
NASDAQ:NVDA

NVIDIA Corp.

Company ID [NASDAQ:NVDA] Last trade:45.17 Trade time:4:00PM EDT Value change:▼0.19 (-0.42%)
NASDAQ:MSFT

Microsoft Corp.

Company ID [NASDAQ:MSFT] Last trade:52.12 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.53 (1.03%)
NASDAQ:TXN

Texas Instruments

Company ID [NASDAQ:TXN] Last trade:60.44 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲0.35 (0.58%)
NASDAQ:AAPL

Apple Inc.

Company ID [NASDAQ:AAPL] Last trade:99.62 Trade time:4:00PM EDT Value change:▲1.72 (1.76%)

Newsletter



Ricevi HTML?

Ultime dal forum