AMD ha presentato le CPU EPYC serie 3000 e 7000, destinate al mercato Embedded. Dal punto di vista meccanico si tratta delle medesime CPU EPYC che sono vendute per il mercato Enterprise, ma caratterizzate da un diverso iter di certificazione.

I prodotti Embedded devono essere in grado di funzionare a temperature più elevate e per molto più tempo, sacrificando le prestazioni velocistiche assolute. Queste CPU, infatti, le potremo trovare nelle centrali che si occupano di smistare il traffico Internet, oppure nelle fabbriche che utilizzano sistemi robotici, oppure, ancora, nei centri di sicurezza che si occupano di gestire imponenti sistemi di videosorveglianza (Uno dei primi clienti di spicco potrebbe essere Cisco!).

 

 

AMD crede di possedere anche in questo campo, come in ambito Enteprise, un prodotto rivoluzionario, grazie soprattutto all’ottimo rapporto prezzo/prestazioni ed alla flessibilità garantita da quanto è integrato nel SoC “Zeppelin”: “AMD EPYC Embedded 3000 processors feature an onboard AMD Secure Processor for Crypto Co-processing that encrypts data before it feeds to the I/O, complemented with Hardware Validated Boot capabilities to ensure systems are booted from trusted software, with one-time programmable (OTP) capabilities enabling system designers’ unique configuration. Advanced capabilities include Secure Memory Encryption (SME) for defending against unauthorized memory access, and Secure Encrypted Virtualization (SEV) for securely isolating hypervisors and virtual machines (VMs) – with no application code changes required”.

 

Come è possibile ossevare dalla tabella, queste CPU possono supportare temperture d'esercizio fino a 105°C.

 

Con la commercializzazione anche di questa serie di CPU, AMD ha finalmente completato la propria offerta Business.

 

Il compattissimo Package delle CPU EPYC Embedded della serie 3000 (2 Die Zeppelin: 16C/32T)