Secondo quanto riporta la testata asiatica Taipei Times, anche Phison starebbe pensando di accaparrarsi almeno un pezzo della divisione semiconduttori di Toshiba, dopo che questa si è trovata costretta a cercarne un acquirente a causa di politiche economiche un po’ troppo libertine.

Ad interessare in particolare Phison – azienda leader nella progettazione dei CTRL NAND – è la divisione che si occupa di progettare gli SSD ed i CTRL NAND, cioè OCZ (Questa acquisita per due spiccioli da Toshiba nel 2013). In questo modo Phison andrebbe a rafforzare notevolmente la propria posizione, ed al contempo potrebbe ampliare il proprio portfolio brevetti, potendo offrire prodotti completi ad eventuali OEM (Turnkey Strategy). L’offerta di Phison è pari a circa 850 mln di dollari, all'interno di una cordata per acquisire tutta la divisione semiconduttori di Toshiba.

Nel mentre per le fonderie che si occupano di produrre le NAND Flash, e per tutti i brevetti a queste associate (Ricordiamo che è Toshiba ad aver inventato le memorie NAND!), sembrano in lizza – secondo diverse voci di corridoio – molte importanti compagnie: Apple, Micron Technology, SK Hynix, Seagate, TSMC e Western Digitial. Toshiba per l’intera propria divisione semiconduttori chiede circa 8,8 mld di dollari … riuscirà a trovare qualcuno che abbia voglia di sganciare una simile cifra? Oppure, come degli avvoltoi, queste aziende aspetteranno che Toshiba si ritrovi con l’acqua alla gola, per poi acquisire la divisione semiconduttori ad una cifra ridicola?