I dirigenti di IBM, oggi, devono sentirsi veramente dei polli. Dopo aver visto i danni causati ad AMD negli anni passati, questi si sono comunque fidati nel dare in gestione il proprio enorme patrimonio in ambito semiconduttori ai peregrini di ATIC, i quali si sono dimostrati per l'ennesima volta degli incapaci di prim'ordine: vivere nel sabbione (AKA, silicio), non fa automaticamente di questi ricchi arabi degli esperti di wafer e fonderie.

Dopo aver elargito a GloFo circa 1,5 miliardi di Dollari, aver trasferito i propri ingegneri, fornito i propri brevetti e donato la FAB 10 di East Fishkill (New York) per sviluppare il nodo 7nm High Performance per le proprie CPU Power, IBM non solo si trova senza i 7nm, ma anche in futuro dovrà dire addio a qualsiasi speranza di vedere un nodo HP realizzato presso la propria ex-FAB. GloFo, infatti, ha deciso di vendere la FAB 10 a ON Semi per 430 milioni di Dollari, dedicandosi così al solo mercato Embedded (Almeno per il momento ... anche le altre FAB sono in vendita, se si farà vivo un compratore).

Riguardo ON Semi, possiamo affermare che la FAB 10 non verrà certamente utilizzata per portare avanti nodi produttivi allo stato dell'arte. ON Semi non ha la forza economica di TSMC o Samsung. Probabilmente verrà utilizzata per sfruttare nodi dai 14nm in su, attraverso cui fare concorrenza a UMC e SMIC.