Dopo averla acquistata per appena 100 mln di dollari nel 2012, Imagination Technologies in questi quattro anni ha cercato di riportare MIPS in auge, puntando principalmente – ed intelligentemente – sui mercati Mobile e Enterprise, attualmente in forte crescita.

Nell’arco degli ultimi anni, quindi, Imagination Technologies ha presentato diverse uArch basate su MIPS, ognuna dedicata ad un mercato di riferimento (Pensiamo ai core Warrior-P per il mercato Mobile). Gli sforzi profusi sono stati così elevati che Imagination nel 2013 pronosticò una vera e propria invasione di terminali MIPS, soprattutto in ambito IoT e Mobile, entro il biennio 2017-18 (Circa il 25% del mercato totale). Ad oggi, purtroppo, MIPS non sembra aver guadagnato nessuna quota consistente di mercato, rimanendo stabile al 6% circa, poco sopra Tenselica (4%).

A causa di questo fallimento sul breve-medio periodo, Imagination Technologies sembra aver perso la speranza di potersi imporre nei prossimi anni, anche e soprattutto perché i fondi da investirvi continueranno a diminuire. La causa? I proventi derivanti dalle GPU diminuiranno notevolmente nell’arco dei prossimi anni, soprattutto perché Apple ha deciso di farsele in casa (Senza dimenticare il successo che stanno avendo le GPU Mali di ARM!).

Imagination Technologies ha quindi una sola soluzione: disfarsi delle divisioni secondarie (MIPS e, non citata precedentemente, Ensigma), per puntare su quello che sa fare meglio: le GPU PowerVR. Le GPU PowerVR, inoltre, hanno ancora delle carte da giocare per potersi inserire nel mercato della Realtà Virtuale/Aumentata, attualmente privo di un leader de facto ed in forte crescita.

Si tratta di una mossa decisamente intelligente da parte di Imagination Technologies: potrà vendere  MIPS e Ensigma in tranquillità (Attualmente non è a rischio fallimento e non ha bisogno di urgente di liquidi), e soprattutto potrà puntare sul fatto che queste due divisioni sono in leggera crescita, oltre a disporre di tecnologie all’avanguardia. Per questi motivi potrà "venderle senza svenderle".

Parlando di MIPS, questa è attualmente leader nei mercati Embedded ed IoT (Router, Switch, Networking, Smartwatch, ecc), quindi potrebbe fare gola in particolare ai cinesi. Questi, spendendo una cifra del tutto risibile, potrebbero effettivamente portarsi a casa un’ISA affidabile, veloce e già pronta per inserirsi diversi mercati altamente strategici.

Spunti di lettura: