Come ben sapete, cari lettori di B&C, le CryptoValute sono ormai una piaga per noi utenti PC, in quanto stanno drenando quasi completamente la produzione delle GPU da gioco. Ugualmente, sapete che personalmente le reputo uno spreco di elettricità e denaro. Però le CryptoValute sono una realtà con cui fare i conti, e proprio per questo motivo abbiamo deciso di aprire una sezione apposita, tenuta da una persona che con le CryptoValute ci lavora quotidianamente (Ma che vuole rimanere anonima). Credo che sarà un buon modo per conoscere questo mondo, ai più sconosciuto, e per avviare una discussione proficua per entrambe le parti.

Gian Maria

 

 

Inauguriamo questa nuova sezione del sito web dedicata ai Bitcoin, alle criptovalute alternative, e più in generale alla tecnologia Blockchain, con un bello sfogo:

dal 2009 - ogni santo giorno - il 90% degli articoli (sui Bitcoin) che la “stampa di regime” getta in pasto alla collettività sono così pregni di ignoranza (o malafede) da essere quasi repulsivi per quei (purtroppo pochi) lettori che sanno almeno come si scrive 2 in codice binario.
Voglio essere dannatamente “digital snob” per una volta; e basta col politicamente corretto… siamo pure in campagna elettorale … e quindi più che saturi…

Questo è il grafico storico dell’andamento del prezzo del Bitcoin: https://coinmarketcap.com/currencies/bitcoin

Ora qualcuno mi può spiegare come è matematicamente possibile che ogni 2 / 3 giorni ci sia qualche cervellone che titola roba della serie : Bitcoin,la bolla è esplosa? Bitcoin crolla e perde il 20 % in 3 giorni. Bitcoin, uno schema Ponzi?

1 Bitcoin valeva pochi centesimi nel 2010 e oggi viaggia intorno ai 10 mila dollari, ma allora scusate… come è possibile che il 90% degli articoli parlino sempre e solo di “crollo” ?

Non se ne può più… se proprio i giornalisti vogliono scrivere di fisica quantistica o di crittografia avanzata o di cure di malattie mortali… che almeno abbiano la decenza e l’umiltà di studiare a fondo gli argomenti, e CAPIRLI.

Santo cielo quanto ha avuto ragione Dawkins quando ha detto: “Il giornalismo scientifico è troppo importante per essere lasciato ai giornalisti.”

Commentate CryptoAmici e NoCoiner, e scriveteci i temi che volete approfondire!