Durante l'ultima Earning Conference Call, quella relativa al 2Q, il CEO di Intel Bob Swan ha affermato che Intel, per limitare i danni dovuti al posticipo al 2022 dei 7nm 3D-Gate, sfrutterà altre fonderie. Swan non ha comunicato esattamente quali sono queste fonderie e quali nodi di terze parti utilizzerà, quindi per il momento non ci resta che provare ad indovinare, sfruttando il principio del Rasoio di Occam.

La prima fonderia che sicuramente verrà in mente alla maggior parte dei lettori è TSMC, in quanto è quella che attualmente offre i migliori nodi FinFET. Si tratterebbe, quindi, della scelta più razionale, anche perché Intel l'ha già utilizzata per produrre i SoC SOFIA. Questa soluzione, però, sembra la meno probabile, per una serie di motivi:

  • tutti gli slot produttivi a 7nm sono già occupati almeno fino alla fine del 2021 (AMD sembra stia pensando di rivolgersi a Samsung per aumentare la propria capacità produttiva);
  • TSMC non ha intenzione di aumentare la capacità produttiva  dei 7nm, puntando sui 5nm;
  • TSMC non privilegerà Intel, limitando la capacità produttiva di vecchi, affidabili clienti come AMD, Huawei o Qualcomm. Intel, una volta risolti i problemi delle proprie fonderie, saluterà TSMC senza troppe cerimonie.

Per questi motivi, Intel dovrà rivolgersi alle altre due principali fonderie Pure Play rimaste, Samsung e GlobalFoundries. Samsung, in particolare, sarebbe disposta a far carte false per avere Intel come cliente, in quanto sarebbe un ottimo biglietto da visita per attirare altri clienti. Già oggi ha tra i propri clienti Qualcomm e NVIDIA, ed Intel sarebbe la ciliegina sulla torta. Samsung, però, soffre di alcuni svantaggi. Vediamo, quindi, di elencare vantaggi e svantaggi utilizzando una semplice tabella.

 

Vantaggi Samsung Svantaggi Samsung
  • Nodo 8nm FinFET ormai maturo, dalle buone prestazioni. NVIDIA lo utilizzerà per diverse GPU "Ampere".
  • Entro fine anno i 7nm EUV entreranno in produzione a pieno regime.
  • Notevola capacità produttiva.
  • Prezzi bassi per gli slot produttivi, in quanto non vi è la fila fuori dalla porta di SS.
  • Le FAB che producono a 8nm e 7nm sono al di fuori del territorio USA, e questo può essere un problema (Sicurezza Nazionale).
  • Le prestazioni degli 8nm di Samsung sono inferiori di quelle garantite dai 7nm TSMC.
  • Le rese produttive degli 8nm di Samsung sembrano essere inferiori di quelle dei 7nm TSMC.

 

Osservando pro e contro descritti in tabella, il vero scoglio per un utilizzo degli 8nm (Giheung, Korea) e dei 7nm (Hwaseong, Korea) di Samsung risulta essere l'assenza di FAB su territorio statunitense, in quanto l'unica FAB Samsung in USA sfrutta il nodo da 11nm (Austin, USA). Potrebbe comunque essere un buon nodo, ormai maturo, da affiancare ai propri 10nm, così da produrre le CPU più economiche, come i Pentium e i Celeron.

 

Passando a  GlobalFoundries, sappiamo che la fonderia di ATIC ha abbandonato la messa in linea dei 7nm di IBM perché all'epoca non vi erano clienti interessati ... oltre Big Blue, naturalmente. Ora, probabilmente, i dirigenti di GlobalFoundries si staranno mangiando le mani, in quanto si trattava di un nodo High Performance e i clienti non sarebbero certamente mancati, tra NVIDIA, AMD, IBM e Xilinx. TSMC, infatti, non riesce e non riuscirà a coprire tutti gli ordinativi, mentre Samsung non ha un vero e proprio nodo da 8nm/7nm di tipo High Performance.

Nel caso Intel si dimostrasse interessata, Global Foundries potrebbe effettivamente rimettere in moto i 7nm HP di IBM, in quanto erano già pronti e perfettamente funzionanti. Nelle FAB di GlobalFoundries mancavano solo i macchinari per produrre con questo nodo. Intel, quindi, si ritroverebbe con un nodo degno erede degli attuali 14nm 3D-Gate, in grado di mantenere frequenze elevatissime.

 

Vantaggi GlobalFoundries Svantaggi GlobalFoundries
  • Nodo 7nm pronto ed efficiente.
  • FAB GlobalFoundries in territorio USA.
  • GF è una controllata ATIC (Arabia Saudita), quindi alleata USA.
  • Mancano i macchinari (6/9 mesi di attesa prima di iniziare la produzione).
  • GF non è un partner affidabile (Vedere GF-IBM).

 

Alla luce di quanto osservato, Intel avrebbe due possibilità: o sfruttare la FAB di Austin di Samsung, producendo CPU low budget a 11nm, o allearsi con GlobalFoundries riportando in vita i 7nm di IBM. Naturalmente, vista la potenza economica e politica di Intel, potrebbe anche accadere il miracolo: convincere la Federal Trade Commission che le FAB coreane non compromettono la sicurezza nazionale (le tecnologie Intel sono considerate di importanza strategica).

D'altra parte, circa un anno fa, ci giunse voce che Keller volesse testare le CPU Intel nelle FAB Samsung ... forse si era reso conto che il Technology and Manufacturing Group (TMG) di Intel non era in grado di rispettare quanto promesso?