Nell'arco degli ultimi tre mesi il settore dei Semiconduttori è stato vessato da analisi decisamente pessimistiche da parte delle maggiori banche d'affari (Morgan Stanley, JP Morgan, Goldman Sachs, ecc.). Per questo motivo le azioni di tutte le aziende informatiche sono crollate del 50% o più in quest'arco di tempo, nonostante fatturato ed utili siano cresciuti o, nel peggiore dei casi, siano rimasti stazionari.

TSMC, attraverso l'ultima trimestrale, sembra zittire definitivamente queste strane analisi di mercato, dai più considerate creare ad hoc per manovrare la borsa (un po' come il default della Russia, atteso da marzo grazie alle sanzioni). I dati di TSMC, infatti, ci mostrano un fatturato superiore del 3% rispetto a quanto atteso, e per la fine dell'anno il fatturato potrebbe addirittura aumentare del 30% YoY.

A trainare le vendite, con i mercati Client PC e Smartphone in leggero rallentamento, saranno i mercati Server, Enterprise e Automotive, cioè AMD, NVIDIA e Qualcomm (quest'ultima è attiva anche nel settore delle telecomunicazioni).