Non molto tempo fa GlobalFoundries ha annunciato l'abbandono dello sviluppo dei 7nm High Performance, realizzati in collaborazione con IBM. Questa decisione è stata un fulmine a ciel sereno per buona parte degli addetti al settore, in quanto giusto un paio di anni fa IBM regalò (Nel vero senso della parola!) le proprie fonderie a GloFo, con la promessa che quest'ultima continuasse lo sviluppo dei nodi più avanzati. GloFo, quindi, ha messo nei guai IBM, nonostante Big Blue avesse preso tutte le contromisure per evitare una situazione del genere (Negoziando un contratto a prova di bomba con gli arabi di GloFo).

Per questo motivo, almeno fino a pochi giorni fa, si era convinti che IBM dovesse continuare a sviluppare le proprie CPU sui 14nm FinFET di GlobalFoundries almeno fino al 2020 prima di poter utilizzare un nodo più avanzato, ma sembra che la situazione stia rapidamente mutando.

Come affermato da un comunicato ufficiale di IBM stessa, le prossime CPU Power saranno prodotte sui 7nm di Samsung, opportunamente modificati dagli ingegneri di IBM per venire incontro alle esigenze di tali soluzioni: "Today's announcement also expands and extends the 15-year strategic process technology R&D partnership between the two companies which, as part of IBM's Research Alliance, includes many industry firsts such as the first NanoSheet Device innovation for sub 5nm, the production of the industry's first 7nm test chip and the first High-K Metal Gate foundry manufacturing. IBM's Research Alliance ecosystem continues to define the leadership roadmap for the semiconductor industry".

La mossa di GlobalFoundries ha letteralmente gettato IBM ed i suoi brevetti tra le braccia di Samsung, la quale - con tutta probabilità - deve essere davvero al settimo cielo: con il Know-How di IBM e dei suoi ingegneri, finalmente, potrà concorrere ad armi pari con TSMC per realizzare un nodo 5nm allo stato dell'arte, adatto perfino per il mercato High Performance.

D'altra parte, questa è davvero una pessima notizia per Intel, la quale ora non dovrà guardarsi le spalle solo da TSMC, ma anche da Samsung (Fino ad oggi relegata ai soli nodi Low Power). Non c'è che dire, il mercato delle fonderie Pure-Play si sta facendo sempre più interessante!