Secondo quanto riportano le ultime fonti ufficiose, TSMC sarebbe ormai pronta per iniziare la produzione su larga scala con i 5nm FinFET (5N), tra la fine del 1Q e l'inizio del 2Q 2020. La Risk Production dei 5nm è iniziata nell'aprile di quest'anno, quindi risulta effettivamente verosimile l'entrata in produzione a pieno regime di questo nodo dopo circa 12 mesi di rodaggio.

Il nodo 5N farà uso della tecnologia EUV per migliorare le rese e permettere prestazioni migliori rispetto agli attuali 7nm. Secondo i dati di TSMC, i 5nm avranno una densità del 80% maggiore rispetto ai 7nm (nodo 7N) e permetteranno una diminuzione dei consumi, a parità di frequenza, del 20%. Oppure, a parità di consumi, permetteranno un aumento del 15% delle frequenze.

Considerando le tempistiche, e le voci che vogliono Zen3 sui 7nm EUV (7N+), i 5nm dovrebbero essere utilizzati da AMD per le CPU basate sull'uArch Zen4, attesa alla fine del 2021. Questo permetterà ad AMD di poter contare su rese produttive molto elevate e, al contempo, su un costo di produzione molto più basso.

 

Confronto Nodi 7N versus 7N+ 7N versus 5N
Miglioramento Densità 20% 80%
Miglioramento Consumi (A parità di Frequenza) 17% 20%
Miglioramento Frequenze (A parità di Consumi) 10% 15%