Steam Dock IconIl primo giorno dell'evento Steam Dev Days organizzato da Valve a Seattle si è concluso con una serie di novità e cambiamenti annunciati dalla software house di Bellevue.

Cominciamo da Greenlight, il sistema di valutazione che consente alla community di videogiocatori di decidere se un titolo indie (oppure un gioco già noto ma disponibile altrove) merita di essere pubblicato e venduto sul catalogo online della nota piattaforma di digital-delivery, che quest'anno chiuderà i battenti. "Our goal is to make Greenlight go away. Not because it's not useful, but because we're evolving." ha dichiarato Gabe Newell, boss di Valve. GabeN sembra intenzionato ad aprire completamente le porte a tutti gli sviluppatori (preferendo la quantità alla qualità? ndr) e per farlo è disposto a rimuovere l'imponente filtro messo in piedi dalla propria azienda. Ricordiamo che Steam è la piattaforma che ha fatto esplodere il fenomeno dei giochi indie ma adesso Valve vuole farsi da parte per il "supporto diretto" e provare a mettere in comunicazione i game developers con la community. A questo punto vedremo crescere sempre di più il sistema Steam Early Access che permettere agli utenti di seguire tutte le fasi di sviluppo del gioco (fornendo impressioni utili).

Altra novità riguarda lo Steam Controller. Via il touchscreen centrale e spazio al D-pad più i tasti ABXY. Modifiche che a detta di Valve servono per aumentare la retrocompatibilità con molti titoli. Valve ha anche rivelato che lo Steam Controller è attualmente munito di giroscopio interno ma che non è stato ancora abilitato a livello firmware.

steam controller new

Per quanto riguarda le Steam Machines è stata svelata la data di rilascio della soluzione di Alienware (settembre), che sarà basata su dGPU Nvidia e CPU Intel, ed è stato annunciato il numero di gamepad gestibili contemporaneamente da ciascuna macchina (ben 16 grazie alle APi proprietarie).

In chiusura è stata confermata l'introduzione del cambio di valuta automatica per diversi Paesi: Autralia, Nuova Zelanda, Canada, Indonesia, Giappone, Malesia, Messico, Filippine, Singapore, Corea del Sud, Thailandia e Ucraina. Ricordiamo che fino ad ora gli utenti di queste nazione erano costretti ad effettuare la conversione manuale dai prezzi dei giochi su Steam partendo dai dollari USA.

steam dd