Le CPU Ryzen di prima (Zen) e seconda (Zen+) generazione si sono rivelate un ottimo prodotto, soprattutto dal lato prezzo/prestazioni, in quanto hanno permesso all’utenza consumer di equipaggiarsi con CPU in grado di rivaleggiare con le CPU HEDT di Intel dedicate all’utenza Enthusiast.

Con Zen2 la situazione per AMD potrebbe migliorare ulteriormente, sia perché Intel manca di una nuova uArch in grado di scalare ottimamente con i core (La casa di Santa Clara sfrutta ancora un design monolitico), sia perché i recenti problemi legati alla sicurezza (Spectre, Meltdown ed anche le varianti più recenti) potrebbero spingere molti pezzi grossi a virare dalle CPU Xeon a quelle EPYC. Non va poi dimenticato che l’arrivo delle GPU Vega (Refresh) e NAVI sui 7nm renderebbe difficile andare avanti con la sola FAB 8 di Global Foundries.

Per questi motivi, AMD sembra aver deciso di sfruttare sia i 7nm di TSMC sia i 7nm di GlobalFoundries, così da avere una maggiore capacità produttiva. Le GPU, con tutta probabilità, torneranno a TSMC, mentre le CPU resteranno a GlobalFoudries (Sfruttando i 7nm studiati da IBM). Il tutto confermerebbe i rumor di qualche settimana fa.

In questo modo non solo AMD potrà venire incontro alla Domanda del mercato, ma anche realizzare prodotti su nodi produttivi studiati ad hoc per quegli stessi prodotti (GPU per TSMC, e CPU per GlobalFoundries).

Già alla fine di quest’anno potremmo vedere le prime GPU a 7nm di AMD … almeno i prototipi!