Pagine

Conclusioni

Le possibilità offerte dalle due periferiche in prova, firmate Buffalo Technology, sono molte e vanno oltre quelle della sola novità 802.11ac. Chiaramente chi acquista simili prodotti lo fa principalmente per le loro caratteristiche legate alla gestione delle reti LAN e Wireless LAN, cose che il D1800H svolge in maniera eccellente così come il D1300, seppur limitatamente alle funzioni di bridge.

Avere dei bonus a disposizione come una porta USB per creare facilmente un disco di rete, un sistema NAS, un client BitTorrent o mettere in rete una stampante fa sicuramente molto piacere all'acquirente. Allo stesso modo il poter creare un ponte radio efficiente, veloce e robusto grazie all'utilizzo di un bridge come il D1300 è una ulteriore possibilità che permette di coprire altre necessità specifiche e garantire comunicazioni anche ad una certa distanza (in merito a questo abbiamo già provato a mettere in comunicazione due sedi completamente staccate, poste ad una distanza di circa 25 metri, separate da due muri portanti ed un tramezzo interno. La comunicazione avviene senza problemi ma vi racconteremo meglio di questa esperienza nei prossimi giorni).

Grazie allo standard 802.11ac ed alla sua retrocompatibilità è facile inserire un router come il D1800H all'interno di un ambiente di rete esistente e godere sei suoi benefici sin da subito. Ovviamente per ottenere il massimo sarà necessario attendere l'arrivo dei chip di nuova generazione e dei dispositivi che ne faranno uso ma ormai gli annunci cominciano a susseguirsi e crediamo che già nel 2013 essi saranno disponibili.

Le prestazioni, prese in termini assoluti, non sono così eccellenti nel senso che risultano essere di molto inferiori a quelle dichiarate ma al contempo rappresentano un netto passo avanti rispetto a quelle garantite dagli apparati di precedente generazione.

Il costo dei modelli D1800H e D1300 è quasi simile: guardando sul mercato italiano il primo ha un prezzo di circa 15 euro superiore, pari a 180 Euro. Si tratta di una cifra decisamente elevata, doppia rispetto ad un router con AP wireless di pari caratteristiche ma basato sullo standard 802.11n.