Il sito cinese PConline.com ha pubblicato un articolo in cui vengono discusse le tendenze per il 2012 riguardo il settore dei Notebook. In particolare viene messa particolare enfasi sugli Ultrabook di Intel e sugli Ultrathin di AMD.

I redattori cinesi considerano gli Ultrabook basati su Sandy Bridge ed Ivy Bridge delle tappe intermedie del progetto finale. Il primo e vero Ultrabook, come era nelle intenzioni di Intel, lo vedremo solo con Haswell nel 2013. Questa sarà una CPU capace di prestazioni adeguate in tutti gli ambiti, soprattutto grazie ad comparto grafico integrato in grado di rivaleggiare con le controparti di AMD e nVidia.

Vedremo inoltre, con Haswell, la commercializzazione di Ultrabook con schermi di varie dimensioni, così da coprire più fasce di utenza. Finalmente, inoltre, dovrebbe essere ben sfruttata anche la connessione Thunderbolt, ora utilizzata su pochi terminali molto costosi.

Haswell, secondo Intel, si rivelerà necessario, grazie alla sua miniaturizzazione, per limitare i già considerevoli aumenti di peso e dimensioni visti in alcuni Ultrabook. Il Lenovo U410, visto al CES 2012, ha un peso di 1,9 Kg, quando le specifiche di Intel prevedono un peso limite di 1,5 Kg. L'Acer Timeline 4830TG ha uno spessore di 25 mm, mentre Intel prevedeva uno spessore massimo di 20 mm per tali tipologie di notebook.

Ad oggi SB e IV non riescono a coniugare ancora potenza e trasportabilità.

Anche AMD si sta muovendo su un terreno simile con gli Ultrathin, e la casa di Sunnyvale spera di poter presentare entro la fine dell'anno il primo modello con APU quad core. In AMD sono decisamente ottimisti riguardo le nuove APU mobile, e secondo analisi interne la componente grafica avanzata dovrebbe far pendere l'ago della bilancia verso gli Ultrathin.

Recentemente Lisa Su, senior vice president e general manager, global business units in AMD, ha mostrato il primo prototipo di Ultrathin realizzato da Compal.

Caratteristica comune ad entrambe le piattaforme, sarà la progressiva scomparsa di porte antiquate o di grandi dimensioni. Spariranno la RJ-45, la VGA, la DVI, tutte colpevoli di far lievitare le dimensioni, soprattutto in spessore. Per questo motivo Intel sta spingendo molto per Thunderbolt mentre AMD ha risposto con Lightning Bolt; si standardizzano le porte ed al contempo di minimizza lo spazio necessario per utilizzarle.

Il sito PConline.com chiude con un pensiero comune a molti altri siti ed analisti: senza una diminuzione sostanziosa del prezzo degli Ultrabook, la rivoluzione immaginata da Intel non potrà avere luogo.