ARM presenta il nuovo processore a bassissimo consumo Cortex-M0+, specificatamente studiato per periferiche ultramobili, a basso consumo, sensori, e prodotti di domotica (lavatrici, lavastoviglie, ecc).

Tra i primi clienti ad utilizzare questo nuovo microprocessore vi è la Freescale, la quale è specializzata, con la propria divisione Automotive, nell'integrazione di sistemi informatici nelle automobili e nei veicoli da trasporto, compresi quelli su rotaia.

Reza Kazerounian, Senior vice president e General manager di Freescale's Automotive, ha affermato: “The addition of products built on the Cortex M0+ processor will make our fast-growing Kinetis MCU line one of the industry's most scalable portfolios based on the ARM Cortex architecture. With the ability to reuse code, higher performance and improved energy efficiency, the Cortex M0+ processor will enable designers to transition from legacy 8-bit and 16-bit proprietary architectures to our new Kinetis devices, without sacrificing cost and ease of use benefits”.

Anche NXP, specializzata nell'utilizzo di microprocessori a bassissimo consumo (Roccat utilizza sistemi NXP nelle proprie periferiche), ha comunicato che utilizzerà con entusiasmo questo nuovo prodotto: “NXP is the only MCU vendor to have adopted the complete ARM Cortex-M processor series, and we're excited to be able to add the Cortex-M0+ processor to our portfolio” ha affermato Alexander Everke, Executive Vice President and General Manager of High-Performance Mixed-Signal businesses di NXP Semiconductors.

Il Cortex-M0+ è basato su architettura  ARMv6 single core a 32 bit.L'area del processore è di appena 0,04 mm2, ha una tensione di funzionamento di soli 9μA  e un consumo di 11μW. Il Cortex-M0+ è prodotto a 90 nm con tecnologia LP (Low Power) per contenere al massimo i consumi e massimizzare la produzione.