Pagine

Discutevo con un amico di come la nostra società sia diventata preda di un pericoloso gioco, quello del consumismo a "chi ce l'ha più grosso". Ci siamo persi tra cilindrate, cavalli, gigahertz, ville con piscina e cellulari che, se non costano 700 euro, fanno schifo a prescindere. Abbiamo perso il lume della ragione? Sembra che il concetto di "dignitoso" abbia perso ogni valenza! E' bene rimettere in uso questo termine poichè Ascend G7, signori e signore, è un telefono dignitoso.

A prima vista fa un figurone. G7 sembra proprio uno di quei telefoni da 500-600 euro che piacciono tanto: linea azzeccata, schermo immenso inserito in un corpo compatto, materiali premium (alluminio e vetro sono elementi propri di terminali top di gamma) e sensazione di qualità e solidità al tatto rendono l'insieme praticamente perfetto. Il prodotto soddisfa l'occhio nel migliore dei modi, ed il design è talmente bilanciato che ulteriori elementi potrebbero soltanto peggiorarlo.

111

Il secondo punto di forza è il gruppo display - touchscreen. Ascend G7 è dotato di un immenso schermo da 5,5 pollici InCell di tipo IPS e risoluzione HD 720p. La riproduzione dei colori è fedele, gli angoli di visuale sono ottimi così come la luminosità elevata. Non ci aspettavamo di trovare un pannello di tale qualità in un terminale che, fondamentalmente, è di fascia media! La cosa garantisce innumerevoli vantaggi e massimizza, in primis, l'esperienza d'uso.

E' un pò quel che volevamo: prodotti dagli schermi così grandi sono, fondamentalmente, compagni di vita, nati per lasciare a casa strumenti più ingombranti come tablet e, per quanto possibile, computer portatili. Se la prima interfaccia verso l'utente è di bassa qualità...beh...ci siamo capiti, in giro c'è altro.

222

Terzo punto di forza è l'interfaccia grafica. Che senso ha avere un bel display se poi pilotare le funzioni del telefono o la semplice interazione con i contenuti è difficile? EMUI, l'interfaccia di Huawei, è nata per essere colorata, personalizzabile e facile da usare, racchiudendo tutte e più delle funzioni presenti negli altri dispositivi Android in un pacchetto a difficoltà zero. Chi è nuovo agli smartphone potrà padroneggiare molte delle funzioni in poco tempo; chi è già avvezzo non potrà non notare la differenza rispetto al resto del mondo.

444

Il quarto punto di forza è la risoluzione di un problema che affligge quasi tutti gli smartphone del mondo: quello dell'autonomia. Huawei ha utilizzato le più moderne tecnologie nell'Ascend G7: SoC Qualcomm Snapdragon 410 a 64 bit, GPU Adreno 306 (che, rispetto alla 305, migliora le prestazioni ed enfatizza il risparmio energetico), memoria LPDDR3 e, dulcis in fundo, un'enorme batteria da 3.000 mAh supportata da un sistema di risparmio energetico profondamente radicato nel sistema operativo, sempre attivo e presente, pronto ad intervenire non appena qualcosa possa arrecar danno ai nostri minuti d'uso.

555

Ascend G7 è lo smartphone che arriva senza problemi alla seconda giornata d'operatività, in caso di impiego moderato (per impiego moderato si intende che il telefono venga effettivamente utilizzato, e non lasciato sulla scrivania in stand-by), e completa senza problemi la singola giornata lavorativa in caso di impiego veramente pesante (incluse sessioni di gioco).

666

Se a tutto ciò aggiungiamo il quinto punto di forza che è il prezzo (inferiore alle 250 euro), abbiamo trovato il nostro nuovo punto di riferimento. Ascend G7 è il telefono dignitoso per eccellenza.

image003