Con oltre 7,8 milioni di unità vendute nel 2011 e uno scarto del 13.3% rispetto ai 9 milioni imprevisti, ASRock punta per il 2012 a vendere ben 10 milioni di unità di schede madri, andando a competere anche con i colossi del settore dei prodotti di fascia alta, ASUS e Gigabyte.

ASRock Inc. nacque come spin-off da ASUStek nel 2002 in modo da competere nel settore OEM che all’epoca vedeva ECS e Foxconn quali aziende dominanti.
Con il passare degli anni dapprima l'azienda si è dimostrata competitiva nel settore entry-level per poi dedicare sempre più attenzione verso il settore enthusiast e dal 2010, anno in cui lo scorporamento di Pegatron da ASUStek, ASRock poté competere senza vincoli anche nel settore retail.

 

Con l’avvento della prossima generazione di processori Intel core e i relativi nuovi chipset (nome in codice “Panther Point”), ASRock vede un’ulteriore possibilità di espansione con la sua prossima linea di schede madri e 10 milioni come una quota di vendita realistica.

Il settore delle schede madri rappresenta circa il 90% del fatturato dell’azienda, mentre il restante 10% è rappresentato dalle vendite di sistemi HTPC e netbook.

C’è da chiedersi solo se oltre a Gigabyte e ASUS, gli altri produttori come Foxconn, MSI, Sapphire e EVGA (tanto per citarne alcuni) lasceranno agire indisturbata l’azienda di Taiwan.

 

 

Noi usiamo i cookie
Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online.