AsusTek Computer, secondo indiscrezioni dei propri fornitori, ha deciso di tagliare la produzione di schede madri, almeno per il primo quarto del 2012.

Questa decisione è stata presa in seguito ad un aumento delle schede madri giacenti in magazzino. Le non esaltanti vendite di fine anno 2011 hanno portato Asus ad un accumulo di schede in giacenza, arrivato oggi alla cifra ragguardevole di circa un mlione di pezzi.

Affinché i livelli di giacenza tornino a livelli normali, Asus ha deciso di tagliare la produzione di circa il 40%, passando dalle 5-6 milioni di schede prodotte a quadrimestre, a circa 3-3,5 milioni.

Similmente Asus ha anche ridotto gli ordinativi di chipset. Questa notizia ci permette di venire a conoscenza delle aspettative di vendita che nutre Asus nei confronti delle diverse piattaforme: ad Intel ordinerà un quantitativo pari a 2,5-2,8 milioni di chipset, ad AMD circa 500.000-700.000 mila chipset. Una scheda madre su cinque venduta, secondo il produttore taiwanese, sarà AMD, e questo conferma un market share di circa il 20% per la casa di Sunnyvale.


Grazie a questa piccola crisi di sovraproduzione, inoltre, Asus potrebbe ritoccare i listini di alcune schede madri verso il basso. Una buona notizia a fronte di tanti annunci di rincari.

 

 

Noi usiamo i cookie
Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online.