soc-intel-nasSecondo diversi produttori di NAS, i SoC di Intel sarebbero pessimi per un utilizzo in NAS studiati per la fruizione di contenuti multimediali.

Anche i più ecnomici SoC ARM, tra cui possiamo annoverare gli Armada di Marvell, garantiscono non solo prestazioni migliori, grazie all'utilizzo di hardware dedicato alla visione di contenuti nei formati h.264 e h.265 in alta definizione, ma anche consumi decisamente più bassi. Se sempre più spesso troviamo un SoC ARM monocore o dual core in NAS a due bay, non è per una questione puramente economica. Il produttore di turno ha semplicemente scelto il SoC più adatto alle esigenze di mercato del proprio NAS. Se, come in questo caso, ai minori costi si aggiungono prestazioni migliori, allora è tutto di guadagnato, sia per l'OEM sia per l'utente.

I SoC Intel hanno dalla loro una maggiore potenza pura, il che li avvantaggia quando il NAS è chiamato a gestire 3 o più HDD, con una notevole quantità di utenze connesse contmporaneamente, in pieno stile Enterprise. Nell'utilizzo casalingo, quando non è la mole di dati da muovere il problema, ma la qualità degli stessi (nel caso dei NAS casalinghi, i contenuti multimediali), allora i SoC Intel soccombono di fronte ai più economici prodotti ARM, i quali garantiscono migliori performance e una qualità video più elevata (della qualità dei driver video Intel, in questi giorni, si sta lametando una buona quantità di produttori).