CompTake, azienda taiwanese specializzata in soluzioni di raffreddamento alternative per sistemi desktop e server, ha sviluppato un prototipo di dissipatore di calore passivo per CPU caratterizzato da un design che possiamo definire compatto se confrontato con i mastodontici dissipatori tower in circolazione.

La tecnica di raffreddamento utilizzata prevede l'inserimento di 48 tubicini in alluminio, dal diametro di pochi millimetri ciascuno, saldati alla base di contatto con l'IHS della CPU. Non stiamo parlando di heatpipe ma di tubi veri e propri, vuoti (per aumentare la superficie di scambio termico) e che terminano con un'apertura superiore. La dissipazione avviene per mezzo del cosiddetto "effetto camino" che concentra il calore nei tubi e ne accelera la spinta verso l'altro.

Attualmente il prototipo può operare in maniera passiva solo con CPU dal TDP massimo di 100W e nella dimostrazione tenuta al Computex 2012 è riuscito a tenere bada un processore Core i7 930 (130W) in full-load con l'aiuto di una piccola ventola da 80mm montata in estrazione.

CompTake passive

FONTE