Una delle peculiarità dell'ecosistema digitale, relativo nello specifico ai computer, è la possibilità di trovare - quasi "sempre" - qualsivoglia tipo di prodotto a seconda delle necessità, dalle più semplici alle più disparate, anche laddove si parli di un interesse di nicchia.

Airtop2 Inferno, un nome che è tutto un programma, è un chiaro esempio di tutto ciò, e mira agli utenti che necessitano di una configurazione di fascia alta, dalle dimensioni compatte e che non produca alcun rumore durante l'utilizzo.

Progettato da Compulab, storica azienda del settore - sopratutto lato industriale - che produce tra le altre cose configurazioni fanless dal '2007, questo a dir poco folle mini-PC da gaming debutterà presto su Kickstarter.

Inferno.201

Specifiche tecniche:

  • CPU - Intel Core-i7 7700K
  • GPU - NVIDIA GeForce GTX 1080 8GBD5
  • RAM - fino a 64 GB DDR4 2400
  • SSD / HDD - 2x NVMe + 4x 2.5″
  • 2x USB 3.1 + 7x USB 3.0

Inferno.198

Inutile girarci attorno, sappiamo tutti che componenti come la CPU Intel Core i7-7700K e la GPU Nvidia GTX 1080 risultano tutt'altro che fresche durante l'uso, al punto che è pratica piuttosto comune dedicargli soluzioni di raffreddamento a liquido.

A quanto pare, sebbene sia ancora tutto da verificare, l'azienda è riuscita ad ottenere dei risultati "soddisfacenti" in termini di temperature sfruttando la tecnologia proprietaria "Natural Airflow".

Realizzati sostanzialmente a tre strati, i dissipatori relativi a CPU e GPU prevedono una prima base in rame, collegata a diverse heat-pipe pronte a dirottare il calore verso l'ultima superficie in alluminio, sfruttando il naturale movimento dell'aria calda - dal basso verso l'alto - tramite i condotti appositamente creati.

compulab natural air technology

Inutile dire che, per quanto un tantino titubanti (Non tanto per l'idea di base, ma per le dimensioni dei dissipatori), siamo curiosi di vedere questo mini-computer all'opera, oltre che scoprirne i prezzi nel momento in cui verrà lanciata la campagna su Kickstarter, per scoprire le temperature di esercizio dei componenti, oltre ad eventuali downclock del caso.

Nel frattempo, giusto per ingannare l'attesa, l'azienda ha rilasciato i risultati ottenuti, nei benchmark più in voga del momento, da uno dei primi prototipi dell'Airtop2 Inferno: