Intel ha presentato la CPU Core i7-8086K, versione selezionata del Core i7-8700K, quindi sempre un esa-core. Questa CPU è stata presentata per festeggiare i 40 anni delle CPU x86, il cui capostipite è l’8086.

Durante la presentazione, il portavoce di Intel ha affermato che si tratta della prima CPU x86 in grado di raggiungere i 5GHz in modalità Turbo: “The first-ever CPU with a 5.0GHz turbo frequency”. Eppure, se ben ricordate, AMD ha già avuto di fare la medesima affermazione, esattamente 5 anni fa, quando presentò la CPU FX-9590 (4.7 GHz di frequenza base, 5 GHz di frequenza Turbo).

Certo si trattava di un piccolo reattore nucleare (TDP di 220W), ma questo non può certamente essere una discriminante. Intel, evidentemente, crede come altre persone, che l’FX-9590 non sia una vera CPU x86, in quanto possiede solo 4 FPU, nonostante sia stato pubblicizzato come octa-core.
Alcuni si ricorderanno della causa contro AMD proprio per questo fatto: si era aperta una class-action per pubblicità ingannevole, in quanto secondo la prassi “recente” (Dal Pentium in poi) un core x86 deve possedere oltre alla classica unità Integer anche una FPU (Nel mondo ARM, invece, un core può anche non possedere l’unità FPU “NEON” per essere definito tale, in quanto è opzionale).

Noi di B&C, quindi, crediamo che proprio per questo motivo Intel consideri il nuovo Core i7-8086 la prima CPU a raggiungere i 5GHz di fabbrica, anche se a torto (La FPU è un'unità non essenziale per l'utilizzo dei una CPU, al contrario dell'unità Integer).

Proprio per questo, probabilmente, Intel ha aggiornato la propria press release, che ora recita: "The first Intel processor with a 5.0 GHz turbo frequency".