Pagine

L'idea che sta alla base di Carbide 200R è quella di rendere alla portata di tutti un case con predisposizione per soluzioni di raffreddamento decisamente potenti ad un prezzo di vendita di appena 70 Dollari USA (che, al cambio, fanno circa 60 Euro). E' ovvio che, per ottenere tale risultato, si è dovuto risparmiare qua e la, impedendo l'utilizzo di materiali pregiati come l'alluminio e ripiegando sui più economici acciaio SECC ed ABS. Ciononostante, il prodotto si presenta molto bene: è sobrio ed elegante, adatto a qualsiasi tipo di applicazione che sia la macchina del gamer più incallito o la sobria postazione di lavoro del proprio ufficio.

 


Un frontale discreto ed onesto

 

Proprio sul frontale troviamo il (ridotto) pannello di servizio. Integra il singolo tasto di accensione - spegnimento e reset, i led di funzionamento, i jack per gli ingressi e le uscite audio e due connettori USB 3.0. La qualità del tasto di accensione non è eccelsa: in alcuni casi rischia anche di incastrarsi sulla posizione di accensione e comunque sia appare molto "plasticoso".

 


Il piccolo pannello di controllo è incassato nel frontale

 

Non mancano le molteplici superfici forate, che permettono un efficiente scambio termico con l'esterno e contengono le predisposizioni per l'installazione di ventole aggiuntive, massimizzando l'efficacia del sistema di raffreddamento. Occhio a non esagerare: potreste pentirvene in termini di comfort acustico!

 


Numerose prese d'aria

 

Particolare delle piccole e belle prese d'aria filtrate ricavate ai lati del frontale, a supporto della ventola di raffreddamento del cestello dischi.

 


Ulteriori prese d'aria sono posizionate a lato del frontale....

 

La superficie del pannello superiore è completamente aperta, e permette l'installazione di due grosse ventole da 140x140 millimetri con funzioni di espulsione. Con un pò di fantasia ci si potrebbe anche adattare un grosso radiatore biventola interno da 280 millimetri, tanto è lo spazio a disposizione.

 


Predisposizioni per ventole da 140mm

 

La base ospita i quattro tradizionali piedini d'appoggio ed un filtro removibile per il vano alimentatore, onde evitare che impurità possano essere aspirate all'interno del case.

 


La base

 

Il pannello posteriore è decisamente "cattivo", e non fa nulla per nascondere la paternità Corsair: realizzato in acciaio SECC, è completamente verniciato in nero opaco antigraffio e sembra piuttosto robusto; offre uno slot per ventola di scarico da 120mm (già popolato), sette posti per schede d'espansione, il tradizionale slot per alimentatori e nessuna predisposizione per sistemi di raffreddamento a liquido esterni. E' adesso chiaro che se si vuole installare un radiatore lo si deve fare internamente.

 

 


Il retro del case