Pagine

L'alimentatore è decisamente lungo raggiungendo i limiti dello standard ATX per questo genere di periferiche. Lo chassis è stato verniciato a fuoco e si presenta di colore grigio scuro, quasi nero. A spezzare tale uniformità un adesivo recante i dati di targa nella parete superiore e, lateralmente, altri due adesivi con il marchio di fabbrica.

 

La parete opposta ospita una grossa ventola da 140x140mm protetta da una griglia realizzata appositamente per seguire le linee impresse sullo stesso chassis: anche questo denota la maniacale attenzione ai particolari che il produttore ha riversato sull'AX1200i.

 

 

La ventola è marchiata D14BH-12 ed è prodotta da Yate Loon. Si tratta di un modello da 140x140x25mm che prevede tensione di funzionamento nominale DC pari a 12V e corrente di 0,7A con un assorbimento massimo di 8,4W. In tali condizioni è in grado di ruotare a 2800 RPM e produrre un flusso di 140 CFM con rumorosità di 48,5 dB.

 

 

La ventola è governata da un opportuno algoritmo che segue una curva di intervento abbastanza dolce: quella mostrata in figura riporta la rumorosità in base al carico di lavoro che insiste sull'alimentatore.

 

 

Quel che è interessante fare è provare a dare dei numeri alle percentuali per avere una chiara idea di quanto effettivamente silenzioso sia l'AX1200i:

  • Fino al 30% della potenza nominale la ventola resta spenta: questo significa che con assorbimenti fino a 360W l'alimentatore sarà completamente silenzioso, paragonabile ad un modello fanless. Tanto per scendere sul concreto, un sistema con un paio di hard disk, unità ottica, processore Intel Sandy Bridge Core i7-2600K, scheda grafica Radeon HD 5870 e 4GB di memoria RAM, al massimo della sua potenza non supera tale valore (siamo sui 330W).
  • Fino al 40% della potenza la rumorosità è impercettibile: ciò significa che fino a quasi 500W di assorbimento la ventola gira molto piano e produce una rumorosità altrettanto bassa da essere coperta da una qualunque altra ventola presente nel sistema. Potenze del genere sono sufficienti a sistemi a doppia VGA (tornando all'esempio di prima, se mettessimo una seconda scheda grafica Radeon HD 5870 la potenza assorbita non arriverebbe a 450W).
  • Oltre il 50% del carico la rumorosità raggiunge quasi il suo massimo: in tali condizioni l'alimentatore comincia a farsi sentire ma significa che il sistema sta chiedendo una potenza di ben 600W (raggiungibile con più schede grafiche di fascia alta, CPU e altri componenti overcloccati).

Tali numeri ci permettono di dire che nell'utilizzo quotidiano normale, l'AX1200i resterà completamente silenzioso. Attraverso il software Corsair LINK è comunque possibile impostare la ventola su un valore fisso in base alle proprie esigenze.

 

 

Dalle prove effettuate nel nostro laboratorio abbiamo rilevato quanto segue:

 

Per capire se l'alimentatore in questione è davvero in grado di lasciare la ventola spenta fino al 30% del suo carico (360W) senza fondere, abbiamo creato una configurazione tale da raggiungere proprio quel valore di soglia ed abbiamo lasciato il computer in funzione per 12 ore. Il risultato è stato ineccepibile: la ventola non è mai entrata in funzione e le temperature registrate non hanno mai superato i 47°C.

 

 

Il pannello posteriore è completamente forato seguendo un classico schema a nido d'ape. Una piccola etichetta indica il modello di alimentatore rendendolo visibile anche all'esterno del case, mentre una presa elettrica a tre poli ed un grosso tasto di accensione e spegnimento permettono di gestire la tensione di ingresso.

 

 

Il pannello anteriore, invece, ospita tutti i connettori per le linee DC, ai quali possono essere collegati i cavi di cui si necessita per fornire tensione al proprio sistema. Tutti i connettori prevedono una doppia fila di poli per garantire una maggiore stabilità fisica, un verso di inserimento ed una clip per il fissaggio permanente. Sono altresì presenti un piccolo connettore a 4 poli (COMM PORT) per la connessione dati verso il sistema Corair LINK oppure su una porta USB della scheda madre tramite adattatore fornito in dotazione ed un tasto di Self Test con relativo LED che indica l'esito.

 

 

 

 

Noi usiamo i cookie
Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online.