Negli scorsi giorni molti di voi avranno letto di un richiamo in massa di alcuni (fortunatamente pochi) modelli di GeForce RTX 3080, a causa di numerosi problemi di stabilità quando la scheda viene spremuta al 100%, cioè quando opera alla massima frequenza di boost stock (cioè senza che l'utente overclocki manualmente la scheda video). Come ben spiegato dall'overclocker tedesco der8auer nel seguente video:

 

Più nello specifico, der8auer ha deciso di modificare una Gigabyte RTX 3080 Gaming OC, sostituendo sei POSCAP da 470uf (microfarad) ciascuno, posizionati sul retro della GPU, con dodici condensatori MLCC da 47uf ciascuno (per un totale di 564uf). Grazie a questo upgrade, der8auer è riuscito a far operare la scheda ad una frequenza superiore di 30MHz prima si incorresse in problemi di stabilità.

Per evitare ulteriori problemi, soprattutto d'immagine, diverse aziende hanno effettuato un richiamo in massa di numerosi modelli di schede video RTX 3080, al fine di aggiornare la sezione d'alimentazione, oppure, come EVGA, hanno posticipato la commercializzazione delle proprie schede: "During our mass production QC testing we discovered a full 6 POSCAPs solution cannot pass the real world applications testing. It took almost a week of R&D effort to find the cause and reduce the POSCAPs to 4 and add 20 MLCC caps prior to shipping production boards, this is why the EVGA GeForce RTX 3080 FTW3 series was delayed at launch. There were no 6 POSCAP production EVGA GeForce RTX 3080 FTW3 boards shipped". EVGA ha così deciso di sostituire un POSCAP con 10 MLCC, per una configurazione finale di 5xPOSCAP & 10XMLCC.

In generale, si consiglia gli utenti delle schede video basate su GPU Ampere di aggiornare sempre i driver video, appena questi escono, al fine di ridurre al minimo eventuali inconvenienti.