A prima vista il piccolo PC di Gigabyte sembrerebbe proprio un NUC (Next Unit Computing) ribrandizzato, ma se si va a guardare più a fondo le cose non stanno proprio così.

 

 

La casa taiwanese ha deciso di proporre un Mini PC in formato proprietario, così da creare un prodotto più piccolo e più leggero rispetto a quello di Intel. Il case sarà circa il 10% più piccolo, mentre il peso sarà di circa 400 gr.

Saranno presenti tutte le feature dei NUC Made by Intel di prossima generazione, come la connessione Wi-Fi, le porte HDMI e Mini DisplayPort ed un sistema di dissipazione semi-fanless, ed anche di più.

Gigabyte ha deciso di non attendere la commercializzazione di Haswell, quindi all'inizio punterà sulle CPU Ivy Bridge, giudicate più appetibili dal punto di vista del rapporto consumi/prestazioni. Saranno così disponibili, fin da questo giugno, modelli dotati addirittura di CPU i7-3537U. Probabilmente questo non pagherà dal punto di vista della potenza grafica, ma per navigare su internet o svolgere mansioni di videoscrittura saranno comunque ottimi. Altre CPU disponibili fin da subito saranno l'i5-3337U, l'i3-3227U ed il Celeron 1037U.  

 

 

In un secondo momento (terzo quadrimestre) saranno disponibili modelli dotati anche di CPU basate su core Haswell, ed in particolare l'i7-4500U, l'i5-4200U, l'i3-4100U e l'i3-4010U.

Ma non ci si ferma ad Intel. Gigabyte ha intenzione di commercializzare una versione di Brix equipaggiata con le APU di AMD, Kabini in particolare, come si era vociferato qualche giorno fa. Si parla delle APU A4-5000, E2-3000,  E1-2500 ed E1-2100. Considerata l'ottima accoglienza che le APU di AMD hanno ricevuto fin dall'esordio in Cina e, in particolare, Giappone questi Brix potrebbero rivelarsi dei veri e propri Best Buy.

 

 

Quale ciliegina sulla torta, Gigabyte ha intenzione di commercializzare anche il modello GB-XM1 (A8 + MXM), dotato di APU A8-5545M e capace di accogliere schede video della serie Mars su slot MXM. Un piccolo gioiellino.

 

 

In ultimo, Gigabyte commercializzerà i suoi Brix in due varianti, che si differenzieranno per l'altezza. I modelli più alti potranno accogliere, oltre i classici hard disk mSATA, fino a due hard disk da 2,5”.

 

 

Il prezzo iniziale di commercializzazione dei Brix non è ancora disponibile.

Fonte