Il sito tedesco PC Games Hardware si è fatto alcune idee riguardo la GPU GK110 e la sua futura commercializzazione nel mercato consumer.

In particolare la presentazione dell’archiettura Kepler da parte dei due massimi ingegneri nVidia, Lars Nyland e Stephen Jones, ha messo la mosca al naso alla redazione teutonica.

Durante la propria conferenza i due esponenti di spicco della casa in verde hanno affermato che l’archiettura di GK110 è una evoluzione di quella presente in GK104, tanto che si potrebbe chiamarla, se quella della GTX680 è la 3.0, 3.5. Questa considerazione è diretta conseguenza delle migliorie hardware apportate, soprattutto nel calcolo in virgola mobile. Non è una novità che GK110 dovrebbe essere circa l’80% più veloce di GK104, a parità di CUDA Core, in questo tipo di calcoli.

 

Screen al GTC della futura Quadro 5100 basata su GK104, ma con soli 768MB di GDDR5

 

Osservato quanto è successo con le GPU G80 e G92, non dovrebbe stupire, quindi, il vedere GK110 protagonista di una nuova serie di schede video, la 7 appunto, in diretta contrapposizione con la futura serie Radeon 8000 di AMD.

Per il momento nVidia crede di poter fare a meno di GK110, anche in ambito professionale, alla luce delle difficoltà produttive incontrate da TSMC. GK110, secondo le voci, sembra non riesca a superare i 15 moduli SMX funzionanti per chip (2880 CUDA Core), sui 16 disponibili (3072 CUDA Core), e quindi è logico che venga posticipato a tempi migliori.