Un mese fa circa Google ha immesso sul mercato il nuovo Chromebook Pixel, versione premium dei laptop dell'azienda di Mountain View. Nonostante al momento non abbiamo stime di vendita alla mano, sembra che il prodotto non stia ottenendo il successo sperato ma, ciononostante, Google resta molto attiva nel settore e prepara la prossima generazione di Chromebook che sarà basata, secondo i meglio informati, sulla prossima piattaforma Intel Core “Haswell”. Google Chrome OS potrebbe, più che sfruttarne le prestazioni in senso assoluto, beneficiare del nuovo set di istruzioni e dei minori consumi.

Lo sviluppatore del sistema operativo, Stefan Reinauer, la scorsa settimana aveva committato alcune modifiche al codice in particolari relative al componente Coreboot, un sostituto di open-source BIOS per Linux. Le novità riguardano il supporto per le istruzioni integrate nelle CPU Intel Haswell come haswell: use dynamic cbmem ed haswell boards: support added chromeos function.

Visto però che sistemi operativi come Chrome OS non necessitano di potenza elevata anche perché non gestiscono applicazioni pesanti, l'utilizzo di un processore come Haswell potrebbe indicare che Google sta lavorando ad una versione dello stesso con supporto migliorato per i programmi oppure che Google sta sviluppado un notebook Pixel 2 ultra-premium.

google pixel real