king logoChe la EVGA GTX 780 Ti Classified K|NGP|N Edition fosse un prodotto unico lo si era intuito sin dalle prime foto pubblicate sui vari social network dalla casa di Brea. Adesso che scheda video è stato ufficialmente annunciata (anche se prezzo e disponibilità restano ancora un mistero) scopriamo nuovi dettagli interessanti.

Come noto questa soluzione porta il nome del famoso overclocker americano Vince “K|NGP|N” Lucido, da anni il detentore dei principali record del mondo in ambito benchmark 3D, ma pochi sanno che tutta la circuiteria di alimentazione è stata disegnata dal talentuoso ingegnere ucraino Illya “TiN” Tsemenko.

Troviamo 13 fasi per la GPU e 3 per le memorie video, supportate da 3 connettori PCIe AUX 8+8+6pin in grado di assicurare un ingresso di ben 450W. Tutta la sezione VRM è raffreddata da un massiccio faceplate in alluminio di colore rosso separato dal dissipatore della GPU (EVGA ACX Cooling) che può essere utilizzato anche durante le sessione di overclock extremo con azoto liquido. Il retro del PCB è protetto da un backplate, sempre in alluminio. Oltre a supportare l' EVbot per la regolazione esterna di VGPU, VPLL, VDD e VDDQ, la scheda dispone del connettore Probelt con cavetti DMM (forniti in bundle) per la precisa lettura tramite tester dei principali parametri di funzionamento ed offre numerosi LED on-board per il controllo ed il debugging.

phase power design

La cosa curiosa è che sul sito ufficiale del prodotto la stessa EVGA suggerisce agli overclocker più smaliziati come praticare la vMod hardware; grazie ad i punti XOC. Si tratta di due punti di saldatura sistemati vicino ai due regolatori di tensione di GPU e memorie video che consentono di aumentare i valore della tensione di alimentazione bel oltre i limiti software o del firmware. Per la vGPU server un trimmer multigiri da 200 Ohm, mentre per la vMEM ne serve uno da 10 KOhm.

xoc voltage

Overclockers, che volete di più dalla vita? Un saldatore ed i trimmer in bundle con la scheda?