Come avevano predetto alcune agenzie di analisi asiatiche, tra cui la giapponese Nomura, e come noi abbiamo prontamente riportato, Intel ha deciso di giocare all'attacco sul fronte dei prezzi.

 

 

Come è possibile osservare dalla tabella seguente, le CPU basate su core Haswell avranno dei prezzi leggermente più bassi, alla presentazione, rispetto alle più vecchie CPU Sandy Bridge ed Ivy Bridge. Per fare un confronto, al momento del rilascio, l'i7-3770K costava 342 dollari, mentre il futuro processore di punta, l'i7-4770K costerà 15 dollari in meno, cioè 327.

 

 

Evidentemente a Santa Clara sperano che questo leggero ribasso possa convincere gli indecisi nel rifarsi il PC, anche se al momento si è equipaggiati con processori recenti. Si stuzzica la voglia di avere sempre l'ultima novità, anche e soprattutto in momenti di crisi come questo.

Aspettiamo a questo punto con impazienza e curiosità come venderanno le CPU Haswell nell'arco dei primi sei mesi di commercializzazione. Solo allora potremo constatare se la strategia di Intel si sia rivelata azzeccata o meno.