I SoC (System on Chip) integrano quasi tutti i componenti di un sistema: processore, scheda video, controller della memoria, controller USB, controller per periferiche di I/O e via discorrendo.

 

 

Oggi sono usati principalmente nel settore mobile ed embedded, ma nel prossimo futuro tali sistemi faranno capolino anche nei PC domestici. Quando nel 2003 AMD presentò l'Athlon 64, la CPU fece il primo vero cambiamento dall'integrazione del coprocessore matematico: l'integrazione del controller delle memorie.

 

Da allora AMD ed Intel hanno integrato nelle CPU altre componenti: il bus di connessione PCI-Express, una iGPU e molto altro.

 

Seguendo questo trend, nell'arco di tre generazioni, secondo alcuni analisti, avremo delle CPU che saranno dei veri e propri SoC.

 

Haswell sta proseguendo su questa strada e il Vr-Zone China ci descrive la futura piattaforma. Se da un lato Haswell per Desktop sarà accompagnato da un singolo chipset (Nome in codice “Lynx Point”), come accade da tempo a questa parte, dall'altro la versione per Ultrabook di Haswell integrerà anche il chipset.

 

Si può supporre che in questa versione Intel proporrà una soluzione simile alle prime CPU dual core: CPU e Chipset non saranno realizzati in un unico Die monolitico, ma verranno integrati sul medesimo package.

 

Sempre secondo le indiscrezioni di Vr-Zone, Intel continuerà a proporre la soluzione CPU+Chipset per i Notebook classici. La versione SoC di Haswell, per il momento, sarà dedicata solo agli Ultrabook.