Connessione costosa, non solo per il chip da integrare sulle schede madri, ma anche per le periferiche, Thunderbolt si sta rivelando di difficile implementazione compresi i casi di prodotti di fascia alta: ad ora poche motherboard ne sono equipaggiate e la si può trovare con una certa frequenza solo sui sistemi Apple.

 

 

Secondo MSI il costo del solo chip per Thunderbolt, prodotto da Intel, ha un costo variabile tra i 30 e i 35 dollari. Un prezzo astronomico se confrontato, ad esempio, con quello dei chip che controllano le porte USB, inferiore ai 5 dollari.

 

Nonostante tutto ciò, la casa di Santa Clara avrebbe intenzione, secondo alcuni rumor, di realizzare una versione 2.0 di Thunderbolt. Questa nuova incarnazione avrà una banda passante di 20Gb/s, raddoppiandola di fatto, così da poter sfruttare anche le tecnologie studiate per la porta PCI-E 3.0.

 

Per ora Intel non ha né smentito né confermato la notizia, ma conoscendone le politiche commerciali è possibile che queste voci siano veritiere.