Secondo quanto riporta Bloomberg, Intel starebbe contrattando con AMD per avere in licenza alcune tecnologie relative alle GPU da integrare On-Die nelle proprie CPU. Come molti di voi sapranno, attualmente Intel paga a NVIDIA 66 mln di dollari ogni trimestre per tecnologie da utilizzare nel medesimo campo, ma l'accordo tra le due case è destinato a concludersi il 1Q2017: “The report comes with Intel's cross-licensing deal with Nvidia due to expire in Q1 2017. Nvidia has been recording $66M/quarter in licensing revenue related to the Intel deal, which allows Intel to use Nvidia's IP in the GPUs integrated with its CPUs”.

 

 

La vittoria di Qualcomm e Samsung nella causa avviata da NVIDIA, potrebbe essere alla base di questo cambiamento d'idee nel quartier generale di Santa Clara, come avevano preannunciato: perché pagare per qualcosa che è liberamente sfruttabile? Inoltre, le tecnologie di AMD sarebbero decisamente più utili ad Intel, in quanto i brevetti della casa di Sunnyvale sono maggiormente orientati all'integrazione tra CPU e GPU. L'insuccesso commerciale delle GPU Kepler offerte ai vendor di SoC ARM è lì a dimostrarlo: le licenze di NVIDIA, oltre che care, sono anche poco interessanti rispetto a quanto offerto dalla concorrenza.

Nel caso questo accordo dovesse effettivamente andare in porto, le tecnologie grafiche AMD sarebbero integrate non solo nelle console di maggior successo (Playstation 4 e XBOX One), ma anche nelle CPU x86 più vendute, quelle di Intel (anche se i primi prodotti giungerebbero sul mercato solo a partire da 2019, con il post Cannonlake).