Intel ha notato che gli Ultrabook non stanno avendo il successo sperato, e non poteva essere altrimenti visto che i pochi commercializzati stanno prendendo la polvere nei magazzini.

L'alto prezzo, soprattutto se raffrontato ai MacBook Air, non è certo d'aiuto, soprattutto se si vuole fare presa su chi ha un occhio anche per l'estetica e la moda, il quale sceglierà senza dubbio un prodotto Apple.

Cosa fare allora per rivitalizzare questo settore, per rendere gli Ultrabook un prodotto modaiolo? Creare una linea di borse ed accessori di alta qualità, fashion come si suol dire tra i finti esperti del settore, così da attirare anche e soprattutto le donne, più avvezze a guardare all'estetica che alla sostanza.

Paul Otellini ha commissionato a Michael Michalsky la realizzazione di quattro borse, del valore di 700 dollari.

Questi borsoni, così simili a quelli di Chanel, come alcuni hanno sussurrato, non hanno riscosso successo: sono visti come pacchiani, borse da bancarella abusiva, prodotti senza anima.

Per ora la critica dei giornalisti al CeBit li ha bocciati sonoramente. Riuscirà questo a fermarne la commercializzazione?


Qui una carrellata completa.