Un obiettivo ambizioso, quello che s'è dato la casa di Santa Clara, e che ha perfettamente esplicitato Sanjay Vora, Intel VP e General Manager of User Experience, dopo aver siglato un accordo di partnership con WiTricy: “At Intel, we have a vision to eliminate all wires from all of our platforms. This agreement is a major step in the right direction, enabling our companies to work together to deliver the next generation of devices that eliminate the need for power cords”.

 

 

WiTricity è un'azienda specializzata nello studiare soluzioni di ricarica wireless, ed Intel vorebbe utilizzare tale tecnolgia anche per alimentare in maniera continua i dispositivi fissi, come appunto i PC, già con SkyLake. Tra circa due anni, quindi.

Molti dubbi, comunque, albergano nella mente sia degli investitori e sia degli stessi possibili clienti. Per i primi gli interrogativi sono di ambito economico e tecnico, mentre per i secondi di ambito medico. Irradiare energia elettrica in maniera sferica come accade con le onde Wi-Fi dei nostri Router non è la soluzione più razionale per alimentare un PC, in quanto maggiore è il diametro della sfera, minore sarà l'efficienza di questo tipo di alimentazione. E' inoltre improponibile pensare che l'elettricità si convogli spontaneamente verso i terminali da alimentare, arrivando ad ottenere così il 100% dell'efficienza. Allo stesso modo, realizzare dei trasmettitori di energia wireless dal raggio limitato potrebbe portare ad altre problematiche, ad esempio relativamente all'usabilità: se sposto il notebook, devo spostare manualmente anche il cono di ricarica del trasmettitore che lo alimenta?

Gli utenti, conoscendo queste problematiche, si pongono altri interrogativi: l'energia irradiata, a lungo andare, può risultare pericolosa per la nostra salute? Ancora oggi non siamo perfettamente in grado di comprendere l'impatto che hanno i cellulari/smartphone su di noi, possiamo permetterci di sommare a questi altre variabili? 

L'idea di Intel è decisamente interessante, ma resta da capirne non tanto l'attuabilità, quanto l'impatto sociale che potrebbe derivarne. Intel, per attuare un disegno di tal genere, dovrà sicuramente portare a sostegno delle proprie tesi numerose ed importanti ricerche scientifiche.