Secondo nostre fonti interne, le prossime APU basate su architettura Steamroller potranno contare su un notevole incremento prestazionale relativamente alle Cache L1 e L2.

 

 

AMD, da oltre un anno, ha presentato diverse slide proprio riguardo il miglioramento delle Cache di primo e secondo livello, quindi non si tratta di una vera e propria novità. Ora, però, ne abbiamo la conferma.

 

 

In particolar modo, la Cache L2 diviene molto più veloce, di circa il 20% rispetto a Richland, un valore non trascurabile, mentre la Cache L1 aumenta sia di dimensioni sia di velocità. Finalmente i valori prestazionali delle Cache L1 e L2 dovrebbero raggiungere quelli delle CPU Intel Ivy Bridge ed Haswell.

Al contrario, per quanto riguarda l'IMC delle DDR3 non vi saranno grandi novità. La Bandwidth rimarrà simile a quella ottenibile con le APU Trinity/Richland (si tratta sempre di un Dual Channel), e questo potrebbe fare da collo di bottiglia per l'iGPU, ora basata su architettura GCN 2.0 e notevolmente più potente rispetto a quella fino ad oggi utilizzata da AMD nelle proprie APU.

Non ci resta che attendere la presentazione di AMD per avere ulteriori conferme.