TechEye.net ha pubblicato un'interessante analisi relativa alla presentazione di nVidia dei dati finanziari del 2011 e delle stime per il 2012.

In particolare Rob Csongor, VP Investor Relations di NVIDIA, ha parlato abbastanza approfonditamente delle problematiche che si hanno con la produzione a 28 nm presso TSMC, tanto da affermare che la casa del camaleonte ha perso il proprio rapporto privilegiato con la fonderia taiwanese.

Csongor spera che i ritardi fin qui avuti saranno presto un ricordo, in quanto nVidia non può permettersi ulteriori rimandi sulla tabella di marcia, rimandi che non erano stati preventivati: “We are ramping very hard all of our 28nm products. The yield is much better than 40nm when it first came out, but it isn’t as good as we had expected in our previous projections”.

Molti partner nVidia stanno aspettando con impazienza i nuovi prodotti, Kepler e Tegra 3, le cui continue delazioni stanno avendo diversi effetti sul mercato: la nuova famiglia di schede grafiche AMD viene venduta a prezzi elevati per mancanza di concorrenza, soprattutto se confrontati con la generazione precedente, mentre la bassa produzione di Tegra 3 sta rallentando la commercializzazione di prodotti basati su questo SoC.

Se per Kepler la resa è ancora difettosa, per Tegra 3 essa è semplicemente insufficiente: l'elevato numero di chip non funzionanti per wafer rende il SoC eccessivamente costoso. Per questo motivo nVidia deve ridurre il margine utile nella vendita del prodotto affinché venga utilizzato dai propri partner e si mantenga competitivo nel rapporto qualità/prezzo.

nVidia, nella veste di Csongor, è comunque fiduciosa, in quanto Kepler si sta rivelando migliore di tutte le altre architetture realizzate dalla casa californiana sino ad oggi: “Our Kepler generation won design wins at virtually every single PC OEM in the world. Performance and power efficiency is surely the best we ever created. This is expected to be very high”.

L'azienda, in ultimo, punterà fortemente sul mercato degli smartphone, e se TSMC risolverà i problemi con i 28nm gli utili potrebbero crescere esponenzialmente.

Da tutto questo si evince che nVidia vede in TSMC il problema principale: se non fosse per la fonderia di taiwan la situazione sarebbe radicalmente diversa.