Le voci del passaggio ad Intel si sono rivelate veritiere, ed oggi Raja Koduri diviene VP di Intel, oltre che capo di una divisione tutta sua dotata di un budget pressoché illimitato. Niente a che vedere con gli scarsi mezzi finanziari che aveva in AMD quando era il boss del Radeon Technology Group!

La divisione che andrà a gestire Koduri si chiamerà Core and Visual Computing Group, e con tutta probabilità si occuperà di gestire l’integrazione di tutti gli IP posseduti da Intel, attuali ed in sviluppo, oltre alle tecnologie di AMD, per la progettazione di nuovi prodotti dedicati ai mercati HPC, AI e Automotive: “We have exciting plans to aggressively expand our computing and graphics capabilities and build on our very strong and broad differentiated IP foundation. With Raja at the helm of our Core and Visual Computing Group, we will add to our portfolio of unmatched capabilities, advance our strategy to lead in computing and graphics, and ultimately be the driving force of the data revolution”.

Con VEGA, Koduri ha realizzato una uArch capace di concorrere in ben tre mercati (Gaming, HPC/Workstation e IA) con poche modifiche, ed Intel con tutta probabilità vuole che Raja si occupi di contrastare NVIDIA nei mercati HPC e IA (Tesla) e Gaming (GeForce) cercando di sfruttare sia le GPU di AMD, sia quanto attualmente Intel stessa ha a disposizione (Xeon Phi, FPGA). D’altra parte le ultime frasi che compaiono nella lettera d’addio di Koduri ad AMD lasciano intendere proprio questo: “Stay focused on the roadmap! Deliver on your commitments!”. AMD, con VEGA e NAVI, potrebbe avere un piano di collaborazione con Intel a lungo termine.

Staremo a vedere come si evolverà la situazione, ma è singolare come, sotto Lisa Su, i due principali ingegneri di AMD siano finiti in Tesla (CPU - Jim Keller) e in Intel (GPU - Raja Koduri). O in AMD sono degli aspiranti suicidi, oppure c’è qualche accordo a lungo termine di cui non siamo a conoscenza.