intel skulltrail iUn tempo il componente singolo più costoso di un PC era la CPU. Fino a due anni fa il listino dell'hardware per desktop prevedeva in cima i processori Intel della famiglia Extreme Edition, poi sono arrivate le schede video GeForce GTX 690 e GTX Titan di Nvidia, che con i loro 1000 Dollari di MSRP hanno pareggiato il conto con Intel ed inaugurato una nuova moda: quella delle GPU Uber-Enthusiast a prezzi folli.

Non a caso in questo momento il componente PC-desktop più costoso è la scheda video Radeon R9 295X2 di AMD (1499 Dollari), ma a breve questo record sarà polverizzato dalla GTX Titan Z di Nvidia (2999 Dollari).

Intel non ci sta  rimanere indietro e, secondo le indiscrezioni provenienti da vr-zone, il prossimo anno con il rinnovo della fascia enthusiast potrebbe lanciare delle edizioni limitate di Haswell-E a prezzi "inumani". Tali versioni deriveranno direttamente dai futuri Xeon Haswell-EP per server (quindi integreranno 14 o 18 Core), avranno il moltiplicatore sbloccato e saranno selezionate (CPU Gauntlet) per l'oveclock.

E' difficile solo immaginare il prezzo con cui Intel proporrà queste soluzioni, considerando che attualmente gli Xeon 15-core più costosi (anche se con un'architettura diversa) viaggiano sui 6000 Dollari, ma ancora più difficile è trovarne l'utilità sulle piattaforme da gaming di fascia Uber-Enthusiast, visto che i motori grafici e le API attuali (comprese le prossime DX12, anche se in maniera meni limitante) adottano l'approccio con un solo thread-master che supervisiona gli altri: in pratica privilegiano e privilegeranno un elevato IPC piuttosto che un numero di core superiore a 4 o 8 ancora per molto tempo.

Almeno faranno la felicità degli overclocker spendaccioni, anche se - è bene ricordarlo - per ora si tratta solo d'indiscrezioni.