Proprio così. Dopo aver smosso il mercato NAS con la presentazione di Virtualization Station, applicazione disponibile su una vasta gamma di modelli dell'azienda (tra cui le serie TS-x51 che abbiamo avuto modo di recensire poco tempo fa, la serie TS-x53 e la serie TS-EXx80 Pro) che permette, come il nome lascia intendere, di gestire facilmente varie macchine virtuali avviate direttamente sul NAS, QNAP continua a stupire presentando in questi giorni al CES di Las Vegas la prima serie di NAS al mondo basati su SoC AMD: la serie TVS-x63+ Golden Cloud.

TVS-863_Front
Un nome decisamente lungo, per una serie probabilmente altrettanto interessante. Alla base di tutto, un SoC AMD quad-core funzionante a 2,4 GHz abbinato a 4/8 GB di RAM DDR3L funzionanti a 1600 MHz espandibili fino a 16 GB, 5 porte USB 3.0 (di cui una sul frontale), due porte HDMI 1.4a capaci di veicolare flussi audio/video fino alla risoluzione 4K e una slot di espansione PCIe 3.0 x1 sul retro. Disponibile nelle versioni a 4 (TVS-463), 6 (TVS-663) e 8 bay (TVS-863 e TVS-863+) per tutte c'è il supporto alla connessione 10GbE grazie alla presenza di questo slot PCIe integrato (il TVS-863+ è l'unico ad averne una scheda compatibile di serie).

Ad arricchire la ricca dotazione, il supporto alla virtualizzazione precedentemente citata, il supporto alle soluzioni di virtualizzazione VMware, Citrix e di Microsoft, il supporto alla decodifica HW di flussi video Full-HD in real time, ed il supporto alla criptazione in HW con chiave AES a 256 bit e il supporto al caching tramite SSD. E se lo spazio offerto dal NAS non dovesse bastare, è possibile connettere fino a due unità di espansione UX-800P or UX-500P (rispettivamente da 8 o 5 bay aggiuntivi) in modo tale da arrivare a gestire fino a 192TB di dati con gli HDD attualmente disponibili in commercio.

TVS-863_Back

Fornito in abbinamento ad un alimentatore da 250W integrato, questa serie sarà disponibile sul mercato a prezzi ancora non annunciati. Non ci resta che attendere quindi di avere maggiori informazioni in merito. Noi, non possiamo far altro che dargli il benvenuto.