Pagine

In un periodo nel quale i videogiocatori e gli esperti di hardware non fanno altro che parlare di console next-gen, elogiando le architetture della PS4 e della XBOne, l'italianissima Tecnocomputer sembra voler riportare tutti con i piedi per terra ricordandoci che l'unica piattaforma da gioco definitiva resta quella PC.

L'azienda emiliana ci ha offerto la possibilità di provare nei nostri laboratori una potente macchina da gaming, proposta in collaborazione con MSI Italia, per toccare con mano quelle che sono le reali potenzialità che già oggi il mondo PC è capace di garantire sfruttando effetti e tecnologie che vedremo nei videogiochi futuri per console quando si assembla un sistema con alcuni dei componenti più performanti disponibili sul mercato.

logo TcPC

Il sistema inviatoci è una postazione semi-completa, manca il monitor e le periferiche esterne principali (mouse e tastiera), caratterizzata dalla seguente componentistica hardware:

 

TecnoComputer-PC
CABINET Antec Cabinet P280 Tower ATX
ALIMENTATORE Antec High Current PRO HCP-750 Alimentatore 750W Modulare
PROCESSORE

Intel "Haswell" i7-4770K 4C/8T Socket LGA 1150 

DISSIPATORE

Antec Kuhler H20 920 (Liquid Cooling AIO)

SCHEDA MADRE MSI Z87 MPower "Military Class 4" Intel Z87 soket LGA-1150
SCHEDA VIDEO

MSI N780-3GD5 Geforce 780 GTX 3072MB GDDR5

MEMORIA RAM TeamGroup TXD34096M2400HC9N_L KIT 4x4GB 2400MHz CL9
HARD DISK 1

Intel 335 Series SSD 2,5" 180GB SATA 3

HARD DISK 2 Western Digital HDD 1000GB  SATA3 64Mb. cache Green
CDROM-DVDROM Masterizzatore DVD +/- R/ LG GH24NS90-95 22X DL BULK Black SATA
SISTEMA OPERATIVO Microsoft Windows 8 64Bit OEM
SERVIZIO DI ASSEMBLAGGIO

Assemblaggio e test PC Super Big Tower/High Level/LiquidCooling

(48 ore di test)

 

In base alla nostra esperienza il Core i7-4770K è sicuramente la migliore CPU Intel da abbinare ad una configurazione a singola GPU come questa specifica per il gaming: ricordiamo che l'IPC di Haswell è addirittura superiore ad Ivy Bridge-E e che la struttura 4C/8T supporta ottimamente qualsiasi gioco multi-thread, mentre la GeForce GTX 780 è la scheda video ideale per gli appassionati che non accettano compromessi in termini di dettagli grafici e alte risoluzioni (seconda solo alla GeForce Titan, ma quest'ultima è venduta ad un prezzo spropositato che non trova alcuna giustificazione). 

La scheda madre MSI Z87 Mpower è per noi una vera novità in quanto non ancora presente nella nostra lista di MoBo Z87 recensite, ma sappiamo che si tratta di una proposta che sta spopolando tra gli appassionati di overclock. Ottimo il comparto RAM, con 16GB di DDR3 targate Team Group funzionanti a 2400 MHz, così come quello di storage che abbina una velocissima unità SSD ad un tradizionale HDD dalla maggiore capacità.

Case e alimentatore sono firmati Antec, il primo ha dimensioni veramente generose ed offre tanto spazio interno insieme ad un interessante sistema di ricircolo dell'aria, mentre il secondo ha una potenza effettiva di 750W che sulla carta risulta più che sufficiente per sfamare la componentistica utilizzata. Da sottolineare che la CPU è raffreddata con un sistema a liquido AIO, ormai è chiaro che questa tipologia di cooling sta velocemente rimpiazzando gli ingombrandi dissipatori ad aria nelle configurazioni di fascia alta.

Procediamo con le immagini e l'analisi dei principali componenti.


Chassis: Antec P280 

 

Il case utilizzato da Tecnocomputer per questa configurazione è l' Antec P280, una soluzione di fascia alta che rientra nella particolare categoria dei Super Mid-Tower per via delle generose dimensioni di 526 x 231 x 562 mm. La struttura è in acciaio SECC con inserti in alluminio e plastica, per un peso complessivo di poco superiore ai 10Kg.

Sobrio e privo di fronzoli, l' Antec P280 utilizza dei pannelli in acciaio con all'interno dei fogli di policarbonato che hanno il compito di attenuare le emissioni acustiche ed è munito di uno sportello anteriore ad apertura estesa, anch'esso dotato d'imbottitura al poliuretano espanso.

case1

Sulla parte anteriore-bassa è posizionato un filtro antipolvere, che si rimuove tramite clip a due punti, mentre su quella superiore trovano posto i 3 bays esterni da 5.25" sormontati dal pannello I/O. Quest'ultimo è composto da 2 poste USB 3.0, 2 porte USB 2.0 e 2 jack audio In/Out.

 

P1010010

Sul retro spiccano i due fori per la mandata ed il ritorno dei tubi di un eventuale impianto a liquido esterno, la griglia di sfogo per la ventola da 120mm posteriore ed il piccolo controller/switch che permette di gestire manualmente la velocità di rotazione delle ventole.

dietro

 

Sul pannello superiore troviamo a sinistra i pulsanti di "Power" e "Reset" e a destra la doppia griglia a nido d'ape che lascia intravedere altre due ventole da 120mm montate sempre in estrazione.

alto

La parte inferiore del case è caratterizzata da una terza griglia, questa volta di dimensioni più generose. Si tratta della presa d'aria per la ventola dell'alimentatore.

P1010040

Di seguito la semplice procedura che permette di estrarre il secondo filtro antipolvere per le operazioni di manutenzione senza dover aprire il case o rimuovere l'alimentatore dalla sede.

 

 

L'interno del case verrà mostrato ed analizzato nelle prossime pagine.

 


 Scheda Video: MSI N780-3GD5 (Geforce GTX 780)

 

Punto di forza del sistema allestito da Tecnocomputer è sicuramente il comparto scheda video. Senza scendere troppo a compromessi l'azienda emiliana ha deciso d'inserire una delle più potenti soluzioni a singola GPU presenti sul mercato: parliamo della GeForce GTX 780 basata su core GK110.

Il modello proposto batte bandiera MSI (N780-3GD5) ed è la versione reference che la casa taiwanese distribuisce direttamente con il supporto di Nvidia. Abbiamo analizzato nel dettaglio questa scheda video in un nostro articolo, disponibile a questo indirizzo, per questo di seguito elenchiamo solo le principali specifiche.

Il core GK110 della GTX 780 prevede 2304 CUDA Cores attivi, 192 TMUs e 48 ROPs. Il controller delle memorie ha un'ampiezza di 384-bit, ottenuta sommando i bus dei 6 canali MC, e pilota 12 chip di memoria video GDDR5 per un totale di 3GB di VRAM on-board. Le frequenze di clock impostate sono pari a 863/906 MHz per la GPU (Base/Boost) e 6008 MHz (effettivi) per le memorie.

P1010058

La scheda utilizza quello che è considerato il migliore sistema di raffreddamento con ventola a turbina mai sviluppato da Nvidia. Oltre ad essere estremamente efficiente, questa soluzione ha anche un notevole impatto estetico offerto dal massiccio utilizzo di parti in alluminio, dalla finestra in plexy che lascia intravedere le alette del radiatore e dalla scritta GeForce retroilluminata.

P1010114

La GTX 780 vista da GPU-Z:

GPU


 CPU e Cooling: Intel Core i7-4770K + Antec Kuhler H2o 920

La scelta della CPU è caduta sul Core i7-4770K, modello di punta della generazione Haswell con socket LGA-1150. La nostra review completa è disponibile a questo indirizzo.

Ricordiamo questa CPU integra 4 core con supporto all'HyperTheading (può elaborare il doppio dei threads in parallelo), sfrutta una cache L3 da 8MB, integra una GPU GT2 e dispone del moltiplicatore sbloccato anche verso l´alto per facilitare le funzioni di overclock. Le frequenze operative sono di 3.5/3.9 GHz (Base/Turbo) ed il TDP pari a 84W.

Il processore i7-4770K vista da CPU-Z.

cpu full 

A raffreddare la CPU ci pensa il mini impianto a liquido H2O Kühler 920 distribuito da Antec. 

Questo sistema AIO (All-In-One) è sviluppato in collaborazione con l'azienda danese Asetek ed utilizza un radiatore compatto abbinato a due ventole da 120mm montate in push-pull. Il mono blocco waterblock-pompa si fissa facilmente sulla CPU tramite ganci a baionetta una volta montato l'anello circolare in alluminio sopra il socket.

(immagini by Antec)

Ecco il blocco radiatore + ventole pronto ad essere installato sulla griglia di sfogo posteriore del case Antec P280.

 h2o

 

 


 Scheda Madre: MSI Z87 MPower

 

Il processore Intel Core i7-4770K è abbinato alla scheda madre Z87 Mpower di MSI. L'adozione di una mainboard specifica per l'overclock aggiunge un valore importante alla piattaforma assemblata da Tecnocomputer. La Z87 Mpower è infatti un prodotto che da questo punto di vista ha pochi rivali, visto che è stata sviluppata dal produttore taiwanese seguendo le richieste ed i consigli dei vincitori del MOA (Master Overclocking Arena), la più grande competizione di overclock internazionale organizzata da MSI.

Ciò che caratterizza la Z87 Mpower è il lavoro di selezione praticato dagli ingegneri MSI per rimuovere quelle che sono le features considerate superflue dai veri appassionati di overclocking & gaming per adottare esclusivamente funzionalità avanzate essenziali.

Particolare attenzione è stata dedicata anche al design di questo prodotto. Se escludiamo il vistoso heatsink che raffredda la zona VRM possiamo dire che la Z87 Mpower è una delle schede madri con il layout più pulito mai visto su una soluzione high-end. La disposizione dei componenti è studiata per non creare intralcio al montaggio di sistemi di raffreddamento aftermarket e per poter accedere senza problemi ai vari pulsanti/switch presenti on-board.

msi mpower

(foto by MSI) 

La scheda è realizzata con componenti Military Class 4 ed è stata sottoposta a rigorosi stress test con processori pesantemente overcloccati, in un ambiente con elevate temperature su tutta la componentistica. E' uno dei pochi prodotti certificati per il funzionamento fuori specifica 24/7 (24 ore su 24, 7 giorni su 7), tanto che MSI garantisce la sostituzione completamente gratuita della mainboard in caso di rotture dovute all'overclock.

 P1010086

La MSI Z78 Mpower vista da CPU-Z:

mainboard

Caratteristiche principali:

  • Intel Z87 Express Chipset
  • Supports 4th Gen Intel Core / Pentium / Celeron processors for LGA 1150 socket
  • Supports DDR3-3000(OC) Memory
  • Supports USB 3.0 + SATA 6Gb/s
  • 16 Phase DigitALL Power Design
  • Multi-GPU: NVIDIA SLI & AMD CrossFire Support
  • OC Certified: Military Class Burn-in Test Passed
  • Military Class 4: Top Quality & Stability
  • OC Genie 4: Overclock in 1 Second
  • Click BIOS 4: Easily Fine-tune Your System
  • PCI Express Gen 3: World's 1st PCI Express Gen 3 Motherboard Brand
  • Audio Boost: Reward Your Ears with True Quality
  • Killer Ethernet: Kill Your Lag
  • Sound Blaster Cinema: Realistic Surround Sound Experience
  • Lucid Virtu MVP 2.0: Uncompromised Game Response Performance
  • Wi-Fi 802.11n, Bluetooth 4.0, Intel Wireless Display

Di seguito la poderosa sezione di alimentazione a 16 fasi digitali per la CPU, supportate da due connettori esterni ESP a 8 + 6 pin.

msi vrm

Questa l'immagine della superpipe (heatpipe da 8mm di diametro) montata sull'heasink che raffredda la sezione VRM.

superpipe

Al fianco del connettore a 24-pin trovano posto  i punti di lettura tensione (V-check) ed i due display 7-segments per il debug.

mobo lato

Posizionati in basso gli immancabili pulsanti di Power, Reset, Oc-Gene e +/-

mobo sotto

La MSI Z87 Mpower utilizza il chip Realtek ALC1150 ed ha il mini-PCB del sottosistema audio separata da quello principale per diminuire le interferenze elettromagnetiche (EMI). La linea che divide i due circuiti è evidenziata da una serie di LED retroilluminati che al buio conferisco un notevole impatto estetico.

sk audio

 

 


 PSU, RAM e Storage

 

L'alimentazione dell'intero sistema è affidata all'Antec HCP-750 High Current Pro. Questa PSU da 750W di potenza presenta un design completamente modulare, offre ben 4 rail sulla 12v+ (max 64A in combinata) ed è dotata di una ventola di raffreddamento da 135mm di diametro estremamente silenziosa.

P1010119

La memoria RAM di sistema è composta da 16GB di DDR4 suddivisi in 4 moduli 4GB firmati TeamGroup Xtreem.

P1010083

Queste memorie sono certificate per funzionare a 2400 MHz con CAS Latency 9 e tensione di alimentazione di 1.65V.

P1010084


La RAM vista da CPU-Z:

 mem 2400

Il comparto storage abbina un veloce SSD Intel 335 Series SATA 3 da 180GB, dedicato all'OS e alle applicazioni di frequente utilizzo, ad una classica unità meccanica Western Digital SATA3 "Green" da 1 TB per lo swap e la libreria giochi.

 

P1010057

 

 


 Assemblaggio

 

L'ampio spazio offerto dal case Antec P280 permette un assemblaggio ordinato e pulito. Dal punto di vista della disposizione e degli agganci il cable management operato da Tecnocomputer è impeccabile.

La zona storage è completamente priva di qualsiasi cavo in vista mentre le connessioni dedicate al resto della componentistica hardware hanno una tolleranza sufficiente a facilitare le operazioni di rimozione delle periferiche.

Ecco come si presenta l'interno del PC:

Interno

Procediamo all'apertura della finestra opposta per osservare l'organizzazione e la fascettatura dei cavi. Da qui possiamo ammirare meglio il sapiente utilizzo delle numerose asole passacavo, dei ganci e delle feritoie messe a disposizione dal case.

 

P1010045

 

Volendo trovare un difetto possiamo dire che l'unica cosa che non ci ha convinto è la diagonale dei due cavi EPS (8+4pin) più molex 4 pin perchè nasconde una della quattro viti di sostegno del backplate al waterblock. Proprio questa vite è risultata leggermente allentata (non sappiamo se per errore di Tecnocomputer o di chi ha recensito/smontato il PC prima di noi).

P1010048

Il sistema di ventilazione non prevede alcuna ventola in aspirazione (neanche sul frontale) ma questo non crea problemi di circolazione dell'aria visto il potente effetto di risucchio creato dalle 3 ventole in espulsione (due in alto ed una sul posteriore).

P1010087

 

 

 


 Piattaforme di riferimento

 

Abbiamo confrontato il PC di Tecnocomputer con le nostre due macchine che utilizziamo nel laboratorio per testare le schede video e per recensire i videogiochi.

Postazione #1

B&C "Monster-PC"
Processore Intel Core i7-3960X @4.2GHz
Scheda madre Intel DX79 LGA 2011
Scheda Video AMD Radeon HD 7990
Memorie 8GB DDR3 @1600MHz
Hard disk Hitachi 500GB + Seagate 2TB
Alimentatore Enermax MaxRevo 1350W
Sistema operativo Windows 7 Ultimate 64-bit

 

 setup hd7990

(B&C "Monster-PC")

Postazione #2

B&C "Gaming-Review-Rig"
Processore Intel Core i5-760 @4.0GHz
Scheda madre Asus Maximus 3 Formula
Scheda Video Nvidia GTX 760 + Nvidia GTX 650Ti (solo PhysX)
Memorie 8GB DDR3 @1800MHz
Hard disk 2 x 500 GB WDRE4 in raid 0 + Hitachi 2TB 
Alimentatore Corsair AX-850W
Sistema operativo Windows 7 Ultimate 64-bit

 

setup gaming 

(B&C "Gaming-Review-Rig")

 

I test sono eseguiti applicando scrupolosamente sempre le stesse condizioni di prova al fine di garantire una perfetta comparabilità degli stessi e la ripetibilità, quale requisito essenziale di qualunque test. Nella pratica scegliamo le sequenze che meglio si adattano alle nostre condizioni di prova, preferendo i titoli che contengono al loro interno un sistema di benchmark grazie al quale è facile escludere eventuali errori umani nelle misurazioni.

I test sono ripetuti per tre volte e nel momento in cui la varianza fra un risultato e l'altro dovesse risultare troppo elevata, il test viene ulteriormente ripetuto fino a scartare le cause che hanno determinato il risultato non conforme. Il sistema utilizzato include solo i componenti strettamente necessari mentre il sistema operativo è installato di fresco ed i software sono limitati ai giochi utilizzati per le prove con i rispettivi tool di benchmark.

 

 


Alien vs. Predator

Alien vs. Predator: la versione originale progettata per console Atari subisce una profonda rivisitazione per essere adattata a sistemi DirectX 11, API delle quali sfrutta in particolare effetti SSAO (Screen Space Ambient Occlusion), di ombre dinamiche e di smooting delle curve dell´alieno.

alien

alien aa 

    

Battlefield 3

FPS bellico basato sull'engine Frostbite 2.0 di DICE. Il motore grafico è completamente compatibile con le DirectX 11 e gestisce in tempo reale: radiosity, rendering differito, sistema di collisioni Destruction 3.0 e animazioni ANT. Battlefield 3 mostra tutto quello che un sistema hardware moderno è in grado di fare grazie ad una qualità delle scene davvero impareggiabile. Per le nostre prove abbiamo utilizzato una sequenza fissa ed il tool di registrazione del framerate FRAPS. 

battle 

 battle aa

 

  


 Bioshock Infinite

Sparatutto in prima persona sviluppato da Irrational Games e pubblicato da 2K Games. Il gioco sfrutta una versione modificata dell' Unreal Engine 3 con supporto alle DirectX 11 ed implementa effetti avanzati di post-processing, ombre dinamiche, raggi di luce ed occlusione ambientale.

bio inf 

 bio aa

Dirt Showdown

Episodio arcade della serie di giochi di guida DiRT di Codemasters. Showdown è basato sull'EGO Engine 2.0, lo stesso di DiRT 3, compatibile con DirectX 11 ed arricchito con i nuovi effetti di Advanced Lighting, Global Illumination, Contact Hardening Shadows e High Definition Ambient Occlusion.

 

dirt 

 dirt aa

 

 


 Far Cry 3

Terzo episodio della saga di sparatutto in prima persona targata Ubisoft. Il gioco è basato su motore grafico Dunia Engine 2 in DirectX 11 e supporta la fisica tramite Havok.  

far 

 far aa

 

Hitman Absolution

Quinto episodio della saga di videogiochi action/stelth che hanno come protagonista l'agente 47.Hitman: Absolution sfrutta il nuovo motore grafico Glacier 2 che, nella versione PC, supporta le DirectX 11 di Microsoft con gli effetti grafici avanzati di Global illumination, Bokeh e Tesselation, insieme alle tecnologie multi-monitor Eyefinity e stereoscopiche HD3D di AMD (il gioco fa parte del piano "AMD Gaming Evolved").

hitman 

 hitman aa

 


Just Cause 2

Action in terza persona con elementi da gioco di guida di tipo free roaming sviluppato da Avalanche Studios e pubblicato da Eidos Interactive. Basata sull' Avalanche Engine 2.0 il gioco sfrutta il rendering DirectX 10.

just 

 just aa

 

 

 Max Payne 3

Terzo capitolo del'action/shooter in terza persona con "Bullet-Time" sviluppato da Rockstar sulla base della serie Remedy. Il gioco sfrutta una versione modificata del RAGE engine con l'aggiunta del supporto  alle DirectX 11 e alle funzionalità 3D stereoscopico.

max 

 max aa

 

 


Metro: Last Light

Sparatutto in prima persona con ambientazione post-apocalittica sviluppato da 4A Games e pubblicato da Deep Silver. Al pari del precedete capitolo (Metro 2033) anche Metro Last Light  supporta  tutte le feature DirectX 11, come tessellation e DirectCompute, e per questo richiede molte risorse hardware.

metro 

 metro aa

 

Shogun 2

Strategico in tempo reale sviluppato da The Creative Assembly e pubblicato da SEGA. Il motore grafico è stato aggiornato con la patch 2.0 alle DirectX 11 ed offre effetti avanzati di tesseletion, anti-aliasing ed ombre dinamiche.

 shogun

 shogun aa

 

 


 Sleeping Dogs

Gioco d'azione free roaming sviluppato da  United Front Games e pubblicato da Square Enix. La versione PC supporta le DirectX 11 ed è stata aggiornata con le texture in alta definizione mediante apposito DLC.

sleep 

 sleep aa

 

Sniper Elite V2

Tactical shooter sviluppato da Rebellion Developments e basato sull'engine Asura con supporto DirectX 11. Il gioco implementa funzioni avanzate di Supersampling, DirectCompute Accelerated Antialiasing e DirectCompute Accelerated Post Processing.

snipa 

 snipa aa

 

 

 


The Witcher 2 Enhanced Edition

Gioco di ruolo di CD Projekt che sfrutta il motore proprietario Red Engine. Nonostante il supporto limitato alle DirectX 9 è uno dei titoli con la migliore grafica in circolazione, merito soprattutto dell'elevatissimo dettaglio poligonale e della massiccia presenza di effetti di post-processing.

witcher 

 wither aa

 

 

Tomb Raider

Reboot di una delle serie più famose della storia dei videogiochi. Il nuovo Tomb Raider è basato su una versione modificata del Crystal Engine e su PC supporta le DirectX 11, la Tessellation e la tecnologia TressFX. Querst'ultima  consente di renderizzare dettagliatamente i capelli di Lara Croft e gestisce la simulazione dei loro movimenti in maniera realistica.

tomb 

 tomb aa


Benchmark sintetici DX11

3DMark - Fire Strike (preset: Performance)

Test in ambiente DirectX 11 dell'ultima versione del popolare benchmark 3DMark di Futuremark dedicata GPU di fascia alta. Fire Strike propone pesanti effetti di post processing, tessellation, simulazione del fumo in base alla fluidodinamica, profondità di campo ed  illuminazione dinamica-volumetrica.

fire strake 

Unigine Valley (preset: Extreme HD)

Dai creatore di Heaven un nuovo benchmark 3D basato sul'ultima revisione del motore grafico proprietario Unigine,  utile per l'analisi prestazionale delle schede video con API DirectX 11 in abbinamento alla tecnica di tessellation.

valley  

3DMark11

Benchmark sintetico sviluppato da Futuremark per testare le potenzialità di rendering 3D delle moderne GPU di AMD e nVidia compatibili con le DirectX11. Il test supporta l´illuminazione volumetrica, la tessellation, la profondità di campo e gli effetti di post processing, oltre alla simulazione della fisica.

Extreme Preset

3d e  

Performance Preset

3d p 

Unigine Heaven 3.0

Ultima versione del benchmark 3D "Heaven" basato sull´omonimo motore grafico proprietario Unigine in grado di sfruttare le API DirectX 11. Nelle nostre prove abbiamo cercato di evidenziare le differenze prestazionali con i seguenti settaggi della Tessellation:  Normal ed Extreme.

Tessellation: Extreme

ue e 

Tessellation: Normal

 ue n

 

 

 

 


Test: CPU


Cinebench (versione 11.5 64-bit):suite di test multi-piattaforma basato sul software di animazione CINEMA 4D ampiamente utilizzato da studi e case di produzione per la creazione di contenuti 3D. Grazie ad esso possiamo valutare le performance del sottosistema CPU seppure l'influenza di chipset, memorie e scheda grafica installate nel sistema non può essere trascurata. Il software esegue un test di rendering capace di sollecitare uno o tutti i core del processore disponibili.

cine 1

cine 2

7-Zip (versione 9.20):con questo noto software di compressione dati eseguiamo due diversi benchmark. Il primo viene realizzato utilizzando il tool integrato che restituisce una indicazione sui MIPS (million instructions per second) che il sistema è in grado di offrire (potete confrontare i risultati ottenuti con quelli ufficiali e con quelli del vostro sistema). Il secondo invece prende in considerazione una situazione reale nella quale viene richiesto al sistema di comprimere in formato 7z una cartella da 5,36GB contenente 4.379 file di diversa dimensione e tipologia (immagini, testo, html, video, foto, applicazioni) e 536 sottocartelle e poi di decomprimere la stessa. L'operazione di compressione ha una forte dipendenza dalla memoria cache della CPU e dalla memoria RAM installata nel sistema. Quella di estrazione dipende molto, invece, dalla capacità della CPU di gestire le operazioni su interi. In tutti i casi, il software sfrutta abbastanza bene tutte le risorse (core) di CPU a disposizione.

3

4


x264 CLI (codec r2334)è un tool per l'encoding a line di comando usato per la conversione dei video su base open source H264/AVC.

5

Handbrake (versione 0.9.9):un software di transcodifica video open-source multipiattaforma e multithreaded con il quale effettuiamo una conversione video di un intero DVD (Codice Swordfish) in formato adatto per i dispositivi Apple iPod, iPhone e iPad.

6

 


 Test: GPU Computing

 

Luxmark 2.0: benchmark OpenCL basato sugli algoritmi del motore SLG.

1

Computemark: uno dei primi benchmark compatibile con i compute shader delle DirectX 11.

2

3

 4

5

CLBenchmark: noto benchmark computazione basato su OpenCL.

6

 


 

Temperature

 

  • Le prove sono state effettuate dopo un periodo di preriscaldamento pari a 10 minuti, con sistema in IDLE.
  • Per sottoporre la CPU al massimo sforzo, in modo da farle generare un´elevata produzione termica, è stato usato il tool OCCT PT (CPU stress test).
  • La rilevazione viene effettuata con temperatura ambiente pari a 22~24 °C.

temp c 1

temp c 2

Le temperature della GPU sono state rilevate tramite il tool GPU-Z cercando di far rimanere quelle ambientali costantemente sui 21°C.

temp gpu

Consumi

I consumi si riferiscono all'intero sistema.

consumi 1

consumi 2

 


 Overclock: le funzioni avanzate della MSI Z87 Mpower

 

Scheda madre Z87 Mpower e processori Intel "Haswell" K-series sono una combo micidiale per l'overclock. Sulla CPU Core i7-4770K Intel permette d'impostare il BCLK (Base CLocK) partendo da valori di 100MHz, 125 MHz e 167 MHz, grazie agli CPU Straps di 1.00x, 1.25x e 1.67x, mentre la frequenza degli altri componenti resta fissa a 100MHz. La MSI Z87 Mpower estende questa funzioni ed offre la possibilità di modificare il BCLK da 90 a 300MHz a passi da 0.06 MHz.

Rispetto alla precedente generazione di mainboard Mpower MSI ha finalmente inserito la modalità Offset per il controller della tensione di alimentazione della GPU, allineandosi di fatto alle proposte top di gamma della rivale ASUS. In aggiunta anche i parametri di CPU_RING, CPU_SA e CPU_IO adesso supportano la modalità Offset. L'opzione VCore Fixed pemette di salire da 0.8v a 2.1v a passi di 0.005v, mentre la modalità offset passa da 0.005v a 0.990v, sempre a passi di 0.005v, sia in salita (+) che in discesa (-). Oltre alla modalità Fixed e Offset esiste l'opzione Adaptive Mode che consente di fissare il voltaggio della CPU sotto sforzo e di variarlo a seconda del carico sino ad abbassarlo al minimo in Idle.

Per la nostra prova ci siamo limitati ad un overclock di tipo daily-use in piena sicurezza alzando il vCore a 1.297v ed impostando il moltiplicatore a 46x, lasciando invariato il BCLK. Per quanto riguarda le RAM abbiamo preferito non modificare alcun parametro, lasciando attivo l'Extreme Memory Profile con i settaggi delle memorie a 2400MHz e timing di 9/11/11/28.

oc daily

Di seguito gli incrementi prestazionali fatti registrare overcloccando la CPU da 3.9 GHz (default) a 4.6 GHz.

overclock

 

 


 

"Diamo a Cesare quel che è di Cesare". I ragazzi di Tecnocomputer hanno assemblato un'ottima macchina da gioco sotto tutti i punti di vista.

Per una cifra di poco superiore ai 2000 Euro è difficile proporre una valida alternativa a questa soluzione cambiando i componenti senza dover rinunciare necessariamente a qualcosa. Ancora più difficile è provare a giocare al risparmio. Facciamo alcuni esempi pratici: è possibile risparmiare circa 100 Euro sostituendo la CPU Core i7-4770K con un Core i5-4670k ma in questo caso al di là della differenza di clock, colmabile con un leggero overclock manuale, perderemmo sempre e comunque  una decina di frame al secondo per strada nei giochi che fanno un pesante utilizzo del multi-threading (su tutti Battlefield 3 e l'imminente Battlefield 4), per via del passaggio dal design 4C/8T (core/threads) ad un 4C semplice. Oppure al prezzo della GTX 780 potremmo montare due HD 7950 o due GTX 760, risparmiando un altro centone, ma accollandoci tutti i problemi (gravi e meno gravi) delle configurazioni CF e SLI, senza contare la limitazione per gli upgrade futuri.

Un ulteriore scoglio nel realizzare da soli un PC simile a quello proposto da Tecnocomputer potrebbe essere dato della cura dell'assemblaggio. Si nota subito che il montaggio è stato praticato da mani esperte senza lasciare nulla al caso. La disposizione è impeccabile e questo oltre a conferire un'incredibile pulizia interna serve a far lavorare al meglio il sistema di ricircolo dell'aria del case Antec P280. Chassis che a nostro avviso è l'esempio concreto del connubio tra eleganza ed imponenza: nessuna inutile appendice fantasiosa ma design semplice, spazioso e soprattutto funzionale e silenzioso. Detto questo dobbiamo comunque constatare che per alcuni utenti la scelta di questo case, per quanto valida, penalizza una caratteristica estetica sia della scheda video che della scheda madre utilizzata. Senza finestra laterale trasparente non è possibile ammirare la scritta retroilluminata a LED della GeForce GTX 780, la cui intensità - ricordiamo - può essere regolata manualmente oppure in automatico tramite un piccolo programmino software, o il bellissimo sistema d'illuminazione giallo previsto sulla MSI Z87 Mpower (l'effetto per la separazione del mini-PCB del sottosistema audio è veramente notevole!).

A proposito di scheda madre, il modello Z87 Mpower di MSI ci ha impressionati in positivo sia sotto li profilo dell'overclock che delle funzioni di multimedia-entertainment e gaming. Questa soluzione si candida ad essere una delle migliori per quanto riguarda il parco mainboard top di gamma con chipset Z87.

Tornando ad una visione più generale del sistema assemblato da Tecnocomputer occorre specificare che questa è una piattaforma solo ed esclusivamente da gaming puro. Non ha senso parlare di Workstation, nell'accezione del termine, con una configurazione dove la CPU è stata decapitata delle funzioni di vPro, TXT, VT-d e SIPP e dove la GPU risulta volutamente castrata da Nvidia in ambito FP64. Questo senza considerare che nei giochi il sistema si è difeso bene nei confronti della nostra costosissima postazione principale (dove solo CPU e scheda video hanno un prezzo quasi pari all'intero sistema di Tecnocomputer) per poi collassare ad un minimo tentativo di GPU Computing di tipo professionale.

Concludendo: un appassionato di gaming a 360° che non ha troppi problemi di budget non rimarrà deluso da questa configurazione che - ricordiamolo di nuovo - è decisamente da fascia alta. Vista la particolare componentistica utilizzata ci sentiamo di dire che il sistema assicura anche una buona longevità. Nel caso specifico il potenziamento/aggiornamento futuro del comparto grafico è dato dalla possibilità d'inserire una seconda GTX 780 (sì, l'alimentatore regge!) mentre per quanto riguarda la CPU dovrebbe essere previsto il supporto delle attuali mainboard nei confronti delle versione aggiornate dei processori Haswell ("HSW-R" ovvero "Hawell-Refresh", attese per la metà del prossimo anno) anche se da questo punto di vista le ultime indiscrezioni sono piuttosto contrastanti. 

possibru