Seagate ha deciso di tagliare la produzione di alcuni Hard Disk Meccanici, fermando le linee che si occupano dei modelli meno venduti. Questi sono gli HDD da 2,5”, da 7200 rpm, dedicati al mondo dei Notebook. I modelli che usciranno di listino saranno i Momentus e i Momentus Thin, mentre i modelli ibridi Momentus XT dovrebbero rimanere in produzione.

 

 

Questa decisione si è resa necessaria per far fronte al notevole successo che stanno incontrando gli hard disk SSD, ormai preferiti dagli utenti anche come hard disk tuttofare, non solo per gestire il sistema operativo.

I modelli da 5400 rpm dovrebbero invece rimanere in listino, in quanto ancora utilizzati in gran numero nei portatili di fascia bassa, dove il rapporto GB/costo è ancora un elemento preponderante nelle economie di scala.

Questo trend, secondo quanto riportato da diverse testate, potrebbe estendersi anche ad altri modelli e ad altre case. I VelociRaptor di Western Digital potrebbero essere tra i prossimi modelli ad abbandonare la scena. Se si da uno sguardo ai listini, effettivamente, un VelociRaptor non è poi così conveniente. Il modello da 300GB è prezzato a circa 120 euro, mentre un SSD da 256GB si trova a circa 160 euro. La forbice tra le due tipologie di hard disk ormai si è azzerata.

Gli HDD classici da 7200 rpm e 5400 rpm dovrebbero avere una vita ancora lunga, grazie all'ottimo rapporto prezzo/spazio. Lo storage puro è ancora, e lo sarà per lungo tempo, esclusiva degli hard disk meccanici, soprattutto da 3,5”, in ambiente SOHO.

Aspettiamoci nel prossimo futuro una diminuzione dell'offerta, dal punto di vista del numero dei modelli, da parte di Seagate, WD e Toshiba, ma allo stesso tempo attendiamo con ansia gli SSD di queste tre case. Riusciranno ad inserirsi con successo in un mercato tanto affollato?