Recentemente è stato pubblicato sul sito di AMD il PDF relativo ad un esperimento condotto da QA Consultants (Su commissione della stessa AMD), società con sede in Canada. Questa ricerca ha fatto il giro del web in poche ore, in quanto si conclude affermando che i driver AMD, sia di tipologia consumer (Schede Radeon) sia di tipologia Prosumer/Business (Schede Fire), sono superiori in quanto ad affidabilità alle controparti di NVIDIA.

Partiamo con l’affermare che questo genere di ricerche lasciano spesso il tempo che trovano. Questo perché è praticamente impossibile testare tutti i componenti sul mercato, ed ogni componente offre tante di quelle variabili (Pensiamo solo ai Firmware/BIOS!) da poter affermare che ogni componente fa effettivamente storia a sé, anche a parità di componentistica hardware (Non è raro assistere al rilascio di un nuovo BIOS di una scheda madre perché si sono rilevate incompatibilità con un determinato SSD o HDD, ad esempio).
Il test condotto da QA Consultant, quindi, va preso con le dovute cautele, in quanto – sebbene sia stato descritta nei minimi particolari la procedura – la quantità di componentistica hardware utilizzata è talmente limitata da rendere il tutto alquanto vaporoso: "As GPUs advance in capability, more is demanded from the graphics driver. A good user experience hinges on a stable, reliable software stack,' QA Consultants explains in its test summary. 'Using CRASH from Microsoft’s Windows HLK, we ran 12 days of 24-hour tests to evaluate the stability of a suite of graphics drivers from leading market vendors. In our testing, both AMD gaming and workstation GPUs performed better than the comparable Nvidia products. Based on our testing of the aforementioned 12 GPUs, we believe that AMD has the most stable graphics driver in the industry".
Qui la metodologia di test.
In conclusione, dopo questa tornata di test, si è evinto che le proposte di AMD sono meno suscettibili a crash rispetto alle proposte di NVIDIA, ma come già detto le piattaforme hardware erano così limitate (Una sola scheda madre!) da rendere il tutto “troppo poco scientifico”.
D’altra parte, questa tipologia di test viene commissionata da tutti i produttori, quindi non vi è da farne una colpa ad AMD, o da prenderlo troppo sul serio (Qui alcuni esempi di NVIDIA, o della campagna "Get the Facts" di Microsoft contro GNU/Linux a metà degli anni 2000).
In conclusione, si tratta di un’utile mossa pubblicitaria, tipicamente utilizzata per farsi apprezzare da chi di PC conosce/capisce poco (Ad esempio chi gioca in borsa). Per un'azienda quotata in  borsa, quindi, è un'azione più che lecita, che si è sempre fatta, e sempre si farà.