Al Computex di Taipei, Shuttle ha mostrato diversi interessanti prodotti, ma un annuncio in particolare ha attirato l’attenzione dei visitatori dello stand L1017a: la partnership tra Shuttle e la canadese Matrox.

 

 

Come molti di voi ben ricorderanno, Matrox ha deciso di utilizzare le GPU di AMD (GCN- based), abbandonando lo sviluppo di GPU fatte in casa, al fine di potersi concentrare prettamente sullo sviluppo del software. Shuttle offrirà queste schede video, e quindi anche la recentissima Matrox C900 (GPU Tonga), in combinazione con i propri XPC, così da offrire ai propri clienti delle soluzioni compatte, poco esose dal punto di vista energetico, potenti ed in grado di sfruttare fino nove monitor: “Matrox C900 is a special-purpose graphics card designed to power 3x3 and 9x1 video walls. Its single-slot form factor and low power consumption at 75W offer digital signage and video wall vendors simpler integration and a lower cost of ownership. Its support for stretched desktop across all nine synchronized outputs lets users run any application full screen across a 3x3 video wall which makes the card ideal for signage installations in retail, corporate, entertainment and hospitality environments as well as control room video wall solutions in security, process control and transportation. Matrox PowerDesk™ desktop management software for Windows® is included with C900 to give users a comprehensive set of tools, including bezel management and EDID management, to easily configure and manage their multi-display setups. Advanced APIs are available to developers and OEMs to quickly build custom interfaces and applications” (Fonte: Matrox). Grazie a questa partnership entrambe le case potranno attaccare con più efficacia il mercato del Digital Signage, attualmente terreno di caccia preferenziale di Via Technologies.

Altri prodotti di sicuro interesse sono gli XPC Nano, caratterizzati da uno chassis in metallo molto compatto, che ricorda da vicino quello reference dei NUC di Intel. Shuttle ha in particolare pubblicizzato il NC02U (Erede dell'NC01U da noi recensito), il quale potrà essere equipaggiato con una delle seguenti CPU Mobile (Saldate sulla scheda madre): Intel Core i7-6500U, Core i5-6200U, Core i3-6100U o Celeron 3855U. Le porte di espansione ammontano a: 1x USB 3.0 Type-A, 1x USB 3.0 Type-C, 2x USB 2.0, 1x Gigabit Ethernet, 1x HDMI, 1x DisplayPort. Internamente trovano posto uno slot M.2 per la connessione 802.11 b/g/n wireless, uno slot M.2 per un SSD e due slot SO-DIMM per la memoria DDR3L. Questo prodotto sarà disponibile da agosto.

 

 

Altro prodotto che citiamo è l’evoluzione dei Mini PC che abbiamo avuto modo di recensire, il DS47 e il DS437T. Sebbene riprenda la linea dei predecessori, la nuova generazione (in foto il DX30) è decisamente più accattivante alla vista, in quanto la colorazione risulta abbastanza “corsaiola” con quella particolare linea bianca. Si tratta comunque di una soluzione dedicata al mondo professionale (SOHO) ed embedded, e questo lo si può dedurre dalla presenza delle porte seriali e PS/2. Ancora non ne conosciamo le caratteristiche tecniche, ma dovrebbe ospitare al proprio interno la piattaforma Apollo Lake di Intel (Fonte: FanlessTech).

 

 

Fonti: Akiba PC.Watch, Lowyat