Viene dato in contrazione il mercato delle schede madri per il 2Q16, sia per la salute cagionevole dello stesso mercato PC, sia per il prossimo arrivo delle due nuove piattaforme di Intel e AMD, rispettivamente Kaby Lake e Zen.

 

 

Come riporta Digitimes, “The top-two motherboard players, Asustek Computer and Gigabyte Technology, are expected to ship around 4.4 million motherboards in the first quarter, up 10% from the fourth quarter of 2015, but still down slightly from the volumes in the same quarter a year ago. […] Without new products, the sources expect demand to drop further in the second quarter. Asustek and Gigabyte are only expected to ship four million motherboards in the quarter and worldwide motherboard shipments are unlikely to resume growth until August”.

Attualmente i possessori di CPU Sandy Bridge, o più recenti, sono poco invogliati all'aggiornamento della propria macchina, in quanto le uniche vere novità nel corso degli ultimi anni si sono avute nel comparto storage (M.2, USB 3.1, ecc). Relativamente alle prestazioni pure delle CPU si è assistito ad una semi-stagnazione: i vantaggi reali sono riscontrabili in ambiti ristretti, ad esempio la conversione video … ma sono effettivamente pochi gli utenti che si dilettano in questi ambiti. Nei videogiochi, ad esempio, la differenza tra un i7-2700K o un i7-6700K risulta spesso irrisoria.