Aspettando che AMD disveli la lineup completa, per il momento ci sono state presentate solo le CPU di punta delle fasce media ed alta, cioè le varianti caratterizzate dal suffisso X.

 

CPU Ryzen 9 5950X Ryzen 9 3950X Ryzen 9 5900X Ryzen 9 3900X Ryzen 7 5800X Ryzen 7 3800X Ryzen 5 5600X Ryzen 5 3600X
uArch Zen 3 Zen 2 Zen 3 Zen 2 Zen 3 Zen 2 Zen 3 Zen 2
Core/Thread 16/32 12/24 8/16 6/12
Frequenza/Turbo (GHz) 3.4/4.9 3.5/4.7 3.7/4.8 3.8/4.6 3.8/4.7 3.9/4.5 3.7/4.6 3.8/4.4
Cache L3 64 MB 32 MB
TDP 105W 65W 95W
Dissipatore - - - Wraith Prism RGB - Wraith Prism RGB  Wraith Stealth Wraith Spire 
MSRP ($)
 799  749  549 499  449 399 299 249

 

Come è possibile osservare dalla tabella, ci sono diversi aspetti di cui si può parlare. L'aumento dei prezzi ha fatto grande scalpore, tanto tra gli utenti storici AMD, quanto tra gli utenti storici Intel. I primi si sono sentiti traditi per questo aumento, assimilabile ad un cambiamento morale della società, rea di voler guadagnare e, quindi, di non amare più i propri clienti (Quasi come se AMD fosse una onlus e non una società per azioni ...)! I secondi, invece, poiché le CPU Intel saranno più economiche di quelle AMD facendo il semplice paragone numerico "core to core", come farebbe un contadino, vedono in Intel l'azienda con i prodotti dal miglior rapporto qualità/prezzo (non so perché, ma questo sofismo mi ricorda gli utenti AMD ai tempi di Thuban e Bulldozer ...).

Senza entrare nel merito, possiamo affermare che AMD manterrà a listino, per una certo periodo di tempo, le CPU Ryzen della seconda serie (Zen+ a 12nm) così da permettere agli utenti di scegliere il miglior prodotto in relazione alle proprie esigenze. Le CPU della serie 2000 saranno caratterizzate da un ottimo rapporto prezzo/prestazioni (il Ryzen 2600X, 6C/12T, si trova senza problemi attorno ai 170 Euro) , mentre le nuove CPU della serie 5000 potranno essere acquistate da chi vuole il meglio del meglio. Per gli altri, poiché Intel ha comunque dei buoni prodotti a listino, ci sono le CPU della famiglia Core: queste, infatti, si vanno a posizionare a metà via tra le due famiglie di CPU di AMD appena citate.

AMD applicherà questa strategia in quanto TSMC non riuscirà a garantire la produzione a 7nm che il mercato necessita, soprattutto perché AMD dovrà fornire a Microsoft e a Sony centinaia di migliaia di SoC per le loro nuove console. AMD, quindi, sfrutterà Zen3 come prodotto di richiamo nel settore consumer, così da favorire la vendita delle altre CPU. In ultimo, cercherà di guadagnare quanto più possibile nel settore server (tramite le CPU EPYC Zen3), un mercato dove i margini utili sono molto più elevati rispetto al mercato consumer. Gli investitori, prima o poi, vorranno vedere dei dividendi ...